QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Maxime Meilland sulla sua linea di abbigliamento in difficoltà: “Mi è costato € 50.000” | spettacolo

spettacoloMelande, una discendente di Maxime, 25 anni, era terribilmente delusa dal fatto che l’impero dell’abbigliamento che aveva in mente non fosse decollato. La sua linea di abbigliamento, lanciata dalla Francia l’anno scorso, è fallita e ha fatto diminuire il suo conto in banca.




Maxime Milland ha battezzato la sua linea di abbigliamento Monciel lo scorso giugno. All’epoca viveva ancora con i suoi genitori Martin ed Erica e la figlia Claire in Francia e si ispirava al classico stile francese. “Ho progettato/selezionato la collezione in base a capi e forme che personalmente mi mancano nel mercato attuale. Poiché gli articoli hanno stili diversi, ce n’è per tutti i gusti”.

Ma le giacche e le giacche dai colori vivaci non hanno avuto successo e si è rivelato molto facile da ordinare tramite il negozio online AliExpress. A peggiorare le cose, parte dello stock è stato danneggiato da una piccola alluvione dopo essersi trasferito a Hengelo, Gelderland. Maxime ha lavorato con Monciel per un anno e mezzo, e ora ammette alla rivista olandese Beau Monde.

Carriera nella moda fallita

“È stato molto frustrante”, dice. “Ho perso più di mezza tonnellata (50.000 euro, n.d.r.). È stata in parte colpa mia e in parte colpa dei media. Ho scelto deliberatamente di adattare un set esistente del produttore, perché mi intimidiva ricominciare da zero. Secondo i media, questo non era accettabile. , e si è diffuso ovunque in lungo e in largo. Mi biasimo per il fallimento, perché ho scelto la via più semplice”.

(Leggi di più sotto l’immagine.)

Maxime durante il Gala del Televizier-Ring, con Martien, Erica e sua sorella Montana. © PRONOPRESS

Nonostante la sua carriera di moda senza successo, Maxim, che è stata educata nel campo della moda, “ama” ancora i vestiti. “Così continua a prudere. Alcuni lo chiamano pizzo, ma adoro i colletti e le pieghe e le borse con coulisse tutto intorno. Non credo che nessun marchio lo venda davvero. Mi sembra ancora folle fare qualcosa del genere, ma non ho intenzione di farne di nuovo il mio.” Questo costa un sacco di soldi, non oserò più farlo.”

Inoltre, si sussurra che Maxim stia lavorando a un nuovo libro con suo padre. L’autore sarà Jan Dijgraf, che si è buttato anche nell’autobiografiaMartien – dal figlio del sindaco al signore del castello. Secondo Maxim, ho discusso un pezzo di scrittura con Dijkgraaf. “Perché ne ho passate tante. Si parla un po’ di sentimenti duri, quindi penso che sarebbe bello se il gruppo target dei giovani potesse leggerlo. Ma poi mi sono lasciato trasportare e ho pensato: questo è non è il momento di mangiare un pasto così pesante. Chissà tra un po'”.

Leggi anche:

Lascia che Meilandjes guardi nel tuo portafoglio: “La BV è un’azienda multimilionaria”

Maxime Meiland positivo al coronavirus

Guarda dentro. Maxime Meiland mostra una lussuosa casa di campagna con bagno privato per sua figlia Claire

READ  Picasso e Mondrian ritrovati rubati dopo nove anni