QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Medicina d’urgenza per persone con difese deboli contro il corona nonostante le vaccinazioni

“Cosa o cosa? Sono il primo in ospedale? “Edson, 35 anni, dice come infermiere all’Erasmus MC di Rotterdam gli fa un’iniezione endovenosa di anticorpi. Chiedi “Come ci si sente nel tuo braccio?”

Edson (non volendo il suo cognome sul giornale) è il primo paziente con coronavirus in Erasmus MC a ricevere un trattamento con i cosiddetti anticorpi monoclonali. E poiché ha subito un trapianto di rene nel 2014 – e il suo corpo non deve rifiutare il nuovo rene – sta assumendo farmaci antidifensivi. Anche se Edson è stato completamente vaccinato contro il Corona, il suo corpo non produce affatto anticorpi, quindi è finito in ospedale con Covid all’inizio di quella settimana.

Le persone con disordini immunitari, il gruppo più vulnerabile nella pandemia di Corona, vengono vaccinate completamente contro Covid in anticipo come priorità. Ma proprio perché le loro difese falliscono, spesso è impossibile costruire una protezione con un vaccino. Quando contraggono il virus, hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gravi. Sono anche spesso malati più a lungo e rimangono contagiosi a volte per settimane.

“Nei Paesi Bassi, si stima che siano coinvolte da mezzo milione a mezzo milione di persone”, afferma Bart Rejenders, internista e specialista in malattie infettive presso Erasmus MC. A causa dell’uso di farmaci immunosoppressori, malattie o predisposizione genetica, non tutte queste persone sono in grado di costruire un sistema immunitario forte. Medici e ricercatori stanno cercando di trovare modi per proteggere meglio questo gruppo.

ricerca britannica

Il potente anticorpo monoclonale è stato recentemente approvato come “medicinale di emergenza”. Il trattamento si è reso disponibile dopo i risultati positivi di Un ampio studio comparativo britannico. Ciò dimostra che il rischio di morte per i pazienti Covid che finiscono in ospedale senza anticorpi misurabili scende da uno su tre a uno su quattro se ricevono anticorpi monoclonali.

Quattro settimane fa, Erasmus MC è stato il primo ospedale dei Paesi Bassi a ordinare questo trattamento al RIVM, che gestisce le scorte nazionali. Dopo Edson, altri cinque pazienti sono stati trattati con esso all’Erasmus.

“È difficile per un paziente dire se funzionerà, non è possibile prevederlo”, afferma Rejenders. “Ma per il gruppo nel suo insieme, la ricerca ha dimostrato chiaramente che questo farmaco riduce il rischio di morte, ospedalizzazione e ricovero in terapia intensiva. Ecco perché ora lo stiamo dando a tutti coloro che ne hanno diritto”.

Rejenders afferma che gli anticorpi nel sangue vengono misurati immediatamente su ogni paziente che finisce in ospedale con il Covid. “Se non c’è nulla, tratteremo queste persone immediatamente con monoclonali. Se misuriamo gli anticorpi, non daremo monoclonali, non al momento, anche se sappiamo che la persona ha un sistema immunitario debole. Lo studio britannico mostra anche che se somministrato Questo è per le persone che hanno già anticorpi, possono effettivamente aumentare il rischio di morte. È possibile che gli anticorpi monoclonali interferiscano con gli anticorpi che il paziente sta già producendo. “

obesità

Il trattamento con anticorpi monoclonali funziona meglio se somministrato a pazienti con corona molto presto, cioè prima che i pazienti finiscano in ospedale. La ricerca ha dimostrato Rejenders afferma che il trattamento entro pochi giorni dall’infezione può prevenire il ricovero in ospedale nel 70-80% delle persone con Covid. L’opportunità di un trattamento rapido di persone appartenenti a gruppi ad alto rischio, ad esempio persone di età superiore ai 50 anni che sono obese e che potrebbero anche non produrre anticorpi, viene spesso persa. Possiamo organizzare questo attraverso centri di trattamento in tutto il paese a cui i medici di base possono indirizzare i pazienti ad alto rischio. “

In altri paesi, ad esempio in Francia, i pazienti con disturbi immunitari possono già ricevere una terza dose per rafforzare il loro sistema immunitario. RIVM sta ancora studiando questa materia. La grande domanda è se i vaccini aggiuntivi sono efficaci se i primi due vaccini non funzionano bene.

READ  Soddisfatti dell'aumento di peso: "Ma serve ancora la positività del corpo"

Lo pensa lo specialista di medicina interna e malattie infettive Bram Gorhais di Amsterdam UMC: “Quello che sappiamo delle vaccinazioni contro altre malattie è che una dose extra può funzionare in questo gruppo. Ma dobbiamo verificare se questo è anche il caso di Covid. Alcune persone potrebbe essere necessaria una quarta o quinta dose. Stiamo anche monitorando se la protezione post-vaccinazione in questo gruppo può svanire più velocemente. “

In collaborazione con altri centri, Goorhuis ha avviato uno studio sull’effetto della vaccinazione Covid sui pazienti affetti da sangue. Si tratta di persone che hanno avuto la leucemia o hanno subito un trapianto di cellule staminali, il che significa che devono ricostruire la loro immunità contro tutti i tipi di malattie. Goorhuis: “Di tutti i pazienti con disturbi immunitari, questo gruppo reagisce peggio al vaccino Covid”.

In Francia, i pazienti con disturbi immunitari possono ricevere una terza iniezione. RIVM sta ancora studiando questa materia

Gli anticorpi nel sangue non raccontano tutta la storia dell’immunità. Il sistema immunitario può anche combattere il virus in altri modi. Goorhuis: “In poche parole: gli anticorpi ti proteggono dalle infezioni e una volta che il virus è all’interno, una buona difesa dei linfociti T (dai globuli bianchi che riconoscono ed eliminano le cellule infette) assicura che vengano eliminati rapidamente”.

trattamento preventivo

Tuttavia, la ricerca di RIVM mostra che esiste una relazione tra la forza della risposta anticorpale e la forza della risposta delle cellule T, almeno nelle persone sane. “Sulla base di questo, utilizziamo un valore limite per la concentrazione di anticorpi nel sangue per determinare se qualcuno è adeguatamente protetto”, afferma Goorhuis.

Pazienti con un sistema immunitario indebolito preventivo Bart Rejendars, che sta appena iniziando a fare ricerche su questo, afferma che anche la somministrazione di anticorpi monoclonali come protezione contro il Covid potrebbe funzionare. Ma tale trattamento deve essere ripetuto ogni quattro settimane ed è costoso. Puoi farlo temporaneamente, ad esempio se qualcuno vicino al paziente risulta positivo. Queste persone sono davvero preoccupate di essere infettate”.

“Quando ho saputo che non avevo anticorpi nemmeno dopo la vaccinazione, ero molto fuori strada”, dice una donna di 62 anni di Rotterdam, una partecipante allo studio Erasmus MC. Ha una rara malattia polmonare e assume i farmaci da banco per difenderla. Temendo di perdere il lavoro, desidera rimanere anonima (il suo nome è noto agli editori).

READ  Lo studio ha scoperto che la variante delta potrebbe raddoppiare il rischio di ricoveri ospedalieri per le persone non vaccinate

Corona minaccia la sua vita ed è molto preoccupata che prima o poi venga contagiata. I suoi figli adorano uscire e lei vuole tornare in vacanza. “Presto dovrò isolarmi da ciò che mi circonda.”

Quando ha discusso delle sue preoccupazioni con uno pneumologo, ha fatto riferimento a questa ricerca. Oggi riceve la sua dose di anticorpi.

instillazione endovenosa

La donna di Rotterdam era appena stata intubata per due ore e mezza. Prima e dopo l’infusione, è stato prelevato il sangue per vedere quanti anticorpi si potevano vedere subito dopo. Ora deve aspettare ancora un po’ prima di poter tornare a casa. Potresti non sentirti bene.

Nelle prossime settimane dovrà tornare in ospedale dalle dieci alle dodici volte per farsi controllare i valori del sangue. Pensa che partecipare allo studio le costi tempo, ma pensa che sarebbe comunque meglio.

“Vorrei sottolineare che non sappiamo per quanto tempo e quanto bene gli anticorpi funzionano”, ha detto Bart Reignders alla donna. “Quindi dovresti comunque proteggerti la prossima volta.” Entro un mese, Rijnders e il suo team potranno valutare i risultati di venti persone testate.

Tuttavia, la protezione più importante per questo gruppo vulnerabile dovrebbe derivare dall’elevata copertura vaccinale nella popolazione generale, sottolinea Bram Gorhees. Dice: “Prendi il morbillo, ad esempio, una delle malattie infettive più conosciute. Se le persone con un disturbo immunitario contraggono questo virus, rischiano di morire a causa di esso. Tuttavia, lo senti raramente, grazie al fatto che il 95 per cento degli olandesi ha Sono stati vaccinati contro il morbillo. Quando scoppia, viene rapidamente soffocato da un folto gruppo di persone che hanno resistenza. Di conseguenza, raramente raggiunge i più vulnerabili”.