QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Meta è cresciuta vicino a Chemours e, come i suoi genitori e la sorella, aveva il cancro: “Se ne va?”  “Allora qualcun altro vive qui e si ammala.”

Meta è cresciuta vicino a Chemours e, come i suoi genitori e la sorella, aveva il cancro: “Se ne va?” “Allora qualcun altro vive qui e si ammala.”

Ha perso i suoi genitori e il suo partner a causa del cancro e all’età di 45 anni ha scoperto di convivere con la malattia da anni. Meta Kamphuis (49) vive vicino all’azienda chimica Chemours e vuole chiudere l’impianto. “Penso che tutto dipenda da questo.”

Meta si è unito alla manifestazione settimanale davanti al cancello della fabbrica dell’azienda chimica Chemours a Dordrecht. Insieme all’attivista Health for Everything chiede che la fabbrica dove vive, a 200 metri di distanza, venga chiusa il prima possibile. “La gente a volte mi chiede perché non me ne vado. Ma non funziona così.”

È morto di cancro

Quando aveva 17 anni perse il padre a causa di un cancro e un anno dopo perse anche la madre a causa della stessa malattia. All’età di quarantacinque anni scoprì di soffrire da anni di cancro al colon. Si riprese, ma poco dopo perse il suo compagno a causa della malattia. Come se tutta la miseria non bastasse, l’anno scorso anche a sua sorella è stato diagnosticato un cancro al colon.

Tutte quelle avversità la facevano riflettere. I suoi geni sono stati controllati per escludere nulla di ereditario nella famiglia. “Non era quello il motivo. Doveva venire da qualche parte.”

Casi simili

“Ho vissuto vicino a questo stabilimento per tutta la mia vita”, sottolinea alla Chemours, un’azienda chimica di Dordrecht che in precedenza si chiamava DuPont. “Ho mangiato le pere dell’orto e ho nuotato nell’acqua qui. No, non posso renderlo difficile. Ma dubito che abbia qualcosa a che fare con la pianta.”

Molti casi simili si sentono a Dordrecht. “Solo in questo piccolo quartiere si registra un aumento del 4% dei casi di cancro. A Sliedrecht questa percentuale è ancora più alta, secondo l’Atlante del cancro.”

READ  Alicia Witt parla della sua recente diagnosi di cancro e mastectomia

un permesso

L’avvocato Benedikt Fick presenta una denuncia contro l’azienda chimica a nome di circa 3.000 persone. Questo si concentra sugli (ex) manager che scaricano sostanze PFAS nocive. Meta ritiene che ciò metta a rischio la salute dei residenti locali da anni. Lei è una delle persone rappresentate da Ficq.

Lo fa non per se stessa, ma affinché gli altri non si ammalino più. “Dobbiamo lottare per tutti i bambini qui e per i bambini del futuro. Ecco perché voglio annullare il permesso di fabbrica il prima possibile.”

Mai più la stessa cosa

È già troppo tardi per lei, dice. Perché anche se è guarita dal cancro, non si è ripresa completamente. “Il mio corpo è stato distrutto e il mio sistema immunitario è stato compromesso”.

“Ho sviluppato una neuropatia a causa della chemioterapia. Si tratta di un danno alle terminazioni nervose. Quando fa caldo, sto bene, ma quando fa freddo, non ho più quella sensazione e c’è la possibilità di cadere. Poi i miei piedi non non mi sento più bene”, dice. .

Il futuro è luminoso

“Adesso ho 49 anni e ho molti organi. Sono troppo giovane per quello. E andarmene? Se non vivo qui, qualcun altro vivrà qui e si ammalerà. Abbiamo il diritto per un ambiente di vita sano.”

Nonostante tutta la miseria che lei e la sua famiglia stanno vivendo, Mita vede un futuro luminoso, dice. “Perché vedo che la fabbrica chiuderà i battenti. Allora qui si potrà creare di nuovo una bellissima riserva naturale.”

Riproduzione audio

Guarda qui il resoconto della manifestazione di Chemours

READ  I dati sui tumori sintetici incoraggiano la formazione di modelli di intelligenza artificiale

Chiede? Chiediglielo!

Hai qualche domanda o vorresti delle risposte? Mandaci un messaggio qui nella chat.