QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Mettepenningen non ha caldo per attraversare la campagna degli Stati Uniti: ‘Costa un sacco di soldi’ | Coppa del mondo di ciclocross

Mettepenningen non è in un campo americano quando racconta la sua storia, ma a Dendermonde. Il caposquadra Eli Iserbyt e i suoi collaboratori non si sono recati negli Stati Uniti, dove dal 10 al 17 ottobre si svolgeranno tre round della Coppa del Mondo.

“Comunque non sarei riuscito a durare molto”, dice, “perché siamo già lì con 6 dipendenti per 7 passeggeri, e questo è abbastanza per far funzionare tutto senza intoppi. Ma costa anche un sacco di soldi”, ha detto. dice, sfondando una porta aperta.

“Il nostro budget per il viaggio è stato calcolato in 5.000 euro a persona. Siamo 13 in totale, quindi costerà circa 65.000 euro. Da questo copriremo i costi del personale, 30.000 euro, e il resto lo pagano di tasca propria i passeggeri , quindi erano liberi di scegliere se andare o meno.” .

Laurens Sweeck, uno dei leader di Mettepenningen, ha scelto di restare a casa. In precedenza ha detto: “Ci stiamo provando da anni negli Stati Uniti. Guarda quanto sono lontani ora, non vedo molti progressi”.

“Questa è stata una decisione ben ponderata”, spiega il capo squadra. “Il calendario è affollato, ea volte bisogna fare delle scelte. Anche Lawrence da poco è diventato padre. Ovviamente costa anche un sacco di soldi”.

Leggi di più sotto il link.

Mercoledì prossimo, i corridori di Fayetteville attraverseranno la pista per i prossimi Campionati del Mondo di Ciclocross. “Questo è un enorme vantaggio”, afferma Mettepenningen. È anche un bene che ora ci siano 3 auto negli Stati Uniti. Ci sono tre punti e premi in denaro che possono essere vinti. Vale la pena studiare questo pacchetto.”

READ  Quattro sostituzioni in Croazia e Scozia devono essere effettuate senza Gilmore | Campionato Europeo 2020

Questo premio in denaro della Banca Mondiale, 4.000 euro per il vincitore di oggi, può alleviare l’onere finanziario. “Ma questo vale solo per una dozzina di piloti. Ci sono 60 ragazzi al via. Per la maggior parte dei piloti, questo non ripagherà ed è davvero un investimento”.

Inoltre, gli interessi commerciali del team di Mettepenningen non sono molto grandi in America. “Gli sponsor hanno un mercato di vendita limitato lì, quindi il valore commerciale non è davvero lì”.

“A causa della differenza di fuso orario con l’Europa, non arriverà davvero a livello di visione. Ma faremo del nostro meglio, se torneremo con la maglia di leader ai Mondiali, verrà risarcito”.

La conclusione è chiara: Mettepenningen non è del tutto entusiasta della Coppa del Mondo di ciclocross negli Stati Uniti. “In realtà abbiamo pensato di non andarci per un anno”, dice.

“Qualche anno fa, c’erano solo uno o due round, e ora ce ne sono tre. I nostri corridori ambiziosi in queste classifiche – Elie Iserbet, Michael Fanthornhout, Dennis Betsima – devono essere lì. Ma il budget è ancora duro. Noi’ non sei una squadra in trasferta, se dovessi investire 30mila euro in un viaggio del genere, per noi è molto”.