QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

‘Mettili su quella barca senza giubbotto di salvataggio’: i trafficanti di persone che hanno inviato rifugiati con bambini nel Mare del Nord rischiano fino a 12 anni di carcere | Cocjeddi

CocjeddiCinque membri di una banda di trafficanti di esseri umani che hanno inviato rifugiati con bambini su barche traballanti nel Regno Unito nel Mare del Nord sono stati condannati fino a 12 anni di carcere a Bruges. Secondo la procura, gli iraniani non hanno rispettato la vita delle vittime. “Una delle loro telefonate ha mostrato che i rifugiati sono stati messi sulla barca senza giubbotto di salvataggio, se necessario”, ha detto il procuratore Manuel Manderic.




L’inchiesta sul traffico di esseri umani è iniziata il 2 maggio dello scorso anno, quando un’auto Hyundai è stata fermata dalla polizia della costa occidentale a Coccidi. Il furto d’auto è stato denunciato in Germania e da allora è stato denunciato a livello internazionale. A bordo gli investigatori hanno trovato un motore fuoribordo, alcune taniche di benzina, dei giubbotti di salvataggio e una barca. Gli occupanti dell’auto sono stati immediatamente ammanettati. Reza c. (33) e il suo connazionale iraniano Omid K. (39) Sono stati condannati a 8 e 9 anni di carcere alla fine di settembre dello scorso anno.

Niente giubbotti di salvataggio

Entrambi gli uomini si sono rivelati parte di un’organizzazione di traffico di esseri umani che ha inviato rifugiati, spesso con bambini, su barche dal Mare del Nord al Regno Unito tra ottobre 2019 e ottobre dello scorso anno. “Succedeva sempre di notte”, ha detto l’avvocato Manuel Manderic. “I rifugiati si sono nascosti tra le dune di sabbia fino all’arrivo della loro barca. Le barche sono state portate dalla Germania al nord della Francia da diversi fornitori”.


citazione

Il cellulare di Shaheen M. mostrava che stava parlando del “gioco”. Vedeva il contrabbando come un gioco.

Il procuratore Manuel Manderick

Il 20 ottobre dello scorso anno, in Germania sono stati arrestati altri tre membri di una banda di contrabbandieri. Il procuratore generale iraniano Shaheen M. (37 anni) è un organizzatore di traffico di persone, proprio come il suo connazionale Abdullah D. e sospetto s. Gli ultimi due sono rimasti fuori dal tribunale fino ad oggi. Secondo l’accusa, i trafficanti non hanno rispettato la vita dei rifugiati. Il cellulare di Shaheen M. mostrava che stava parlando del “gioco”. Vedeva il contrabbando di esseri umani come un gioco”. Da una conversazione che ha avuto con Mshtaba S. Si è scoperto che ad un certo momento non c’erano giubbotti di salvataggio a disposizione dei profughi. “Allora metteteli nella barca senza di loro”, poi ha inviato immediatamente l’iraniano al suo compagno.

La polizia della costa occidentale lavora

Il pubblico ministero ha preso sul serio i fatti e ha anche fatto riferimento a un’azione intrapresa dalla polizia della costa occidentale e dai suoi colleghi nel nord della Francia, avvenuta nella notte tra il 18 e il 19 maggio di quest’anno. “Tra le 16 e le 4 i francesi hanno registrato almeno 10 interventi, impedendo ai profughi di attraversare. Hanno appreso di un attraversamento andato a buon fine e di un altro ancora in corso. Poi, il 19 maggio, un Una barca con 49 persone a bordo Sono stati salvati al largo della costa di Nieuwpoort. Queste sono le cose con cui hanno a che fare gli imputati”.

Il 19 maggio, un gommone con 49 persone a bordo è stato salvato al largo di Newport. I rifugiati vengono trasportati nelle stanze degli esploratori lungo il Paul Urban Park a Newport. © Bart Putermann

in via di estinzione

L’avvocato di Shaheen M. ha negato che il suo cliente fosse il personaggio principale del fascicolo. La professoressa Victoire Desmett ha affermato: “Ha perso il lavoro in Germania a causa di Corona e Abdullah D. ne ha beneficiato”. “Il mio cliente è stato attratto dalla storia del traffico di esseri umani e ci è caduto dentro sempre di più. È stato anche minacciato di farlo. L’auto della sua ragazza è stata bruciata, tra le altre cose”. Bram Elaine, avvocato del fornitore di barche Ahmed A. (36), il giudice è tenuto a comminare al suo assistito una pena detentiva di 3 anni. È apparso nella foto solo nel gennaio dello scorso anno, quando ha ricevuto da solo un rifugiato nel Regno Unito. Moshtaba S. Ha chiamato il mio cliente pensando che potesse usarlo. È stato osservato al massimo 20 volte in Belgio e quindi non ha guidato avanti e indietro tutti i giorni. È stato appena usato da S. per fare le commissioni sporche.”


citazione

Potrebbe essere uno degli idioti in questo file che non si è reso conto di essere coinvolto nel contrabbando di esseri umani

Nadia Lorenzetti, avvocato Reda B.

il giudice

Infine, Reza B. (32), un iraniano che ha fornito assistenza, è stato assolto in tutti i settori. “Il mio cliente non ha mai visto una persona illegale in nessun momento”, ha detto il suo avvocato, Nadia Lorenzetti. Forse uno degli idioti di questo file che non si è reso conto di essere coinvolto nel traffico di esseri umani. Aveva già comprato delle barche, ma pensava che fossero destinate alla scuola di sub Mushtapa S. a Calais”. Ma il giudice non ha creduto al resoconto della difesa e ha condannato gli organizzatori delle operazioni di contrabbando a 12 anni di carcere. Shaheen M., Abdullah D. e Moshtaba S. Hanno anche dovuto pagare una multa di 240.000 euro. Ahmed A. è stato condannato a 8 anni, e Reza B. 6 Il giudice non ha ritenuto che l’ordinanza dimostri che gli ultimi due fossero a conoscenza del fatto che i minori fossero stati collocati a bordo delle imbarcazioni.

READ  Spiegazione: Il programma complesso che è cruciale per il completamento del Campionato Europeo per i Red Devils | Campionato europeo di calcio 2020