QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Michelle Wittes imposta 3 grandi round: “Best Pojacar e Brilliant Belgian Van Aert” | Ciclismo

Con la Vuelta sono finiti i tre grandi round del 2021. Con Egan Bernal in Italia, Tadig Pojaccar in Francia e Primoz Roglic in Spagna, abbiamo avuto 3 diversi vincitori della finale. Insieme alla commentatrice motociclistica Michelle Wittes, stiamo mettendo insieme Giro, Tour e Vuelta di quest’anno.

“Pogacar nelle Alpi è più bello di Roglic a Lagos de Covadonga”

Qual è il miglior tour? Quando si tratta di acrobazie, che tutti ricordano più a lungo, finisco in tour. Lì, al passo delle Alpi, ho visto un Pogacar meraviglioso e incredibilmente potente. Con un attacco vecchio stile da solo, devi scavare a fondo nella tua memoria per scoprirlo di nuovo.

Nel motociclismo, anni fa con Team Sky e Ineos e poi Jumbo Visma con i treni in testa, la cosa era rivelatrice. Questi sono gli eroi.

C’era anche un fattore in più: quello non era scappare e poi la coesione, ma anche espandersi ulteriormente. Questa è la cosa più bella che ho visto quest’anno.

Continuo a pensare che quello che ha fatto Pogacar in Francia sia stato un po’ più alto del grande viaggio di Roglic con Bernal e poi da solo a Lagos de Covadonga.

Pogacar va a velocità divertente sulle Alpi

Che ne dici dei tre l’anno prossimo?

Il più vulnerabile alle debolezze e ai minimi relativi è Bernal. Il suo ottimo compenso al Giro d’Italia è stato compensato dal suo fallimento, seppur coraggioso, alla Vuelta a España. Questo è così brutto.

Spero che questi tre – al completo, senza il minimo infortunio e senza sfortuna – siano all’inizio del Tour del prossimo anno. E che anche loro rimangano in piedi, cioè non tocchino più il suolo al ritmo frenetico della prima settimana.

Basato su qualità intrinseche, questa diventa una battaglia tra Pogacar e Roglic. Roglic non è lontano da Pogacar. Hanno caratteristiche molto simili.

Sono sicuro che Roglic sia il più esplosivo dei tre. Nel ciclismo moderno questo offre. Anche in salita. Se lo porti sotto il panno, l’opposizione sarà bloccata.

Chiunque si avvicini a lui in questo è Poojakar. Batte Alaphilippe nella gara sprint di Liegi-Bastogne-Liegi. Sono molto vicini tra loro, solo che c’è una differenza di età di 10 anni a favore del più giovane.

Quindi l’evoluzione sarà in gran parte decisiva, così come lo sviluppo a breve termine. Sappiamo per certo che Roglic non è fatto di pietra, ma del metallo più duro, che ha una mentalità improbabile e che all’inizio sarà davanti.

Le Olimpiadi gli hanno dato una spinta, ma questa impresa di Lagos de Covandonga è stata ancora più grande. Dopo quel giorno andò in albergo pensando: “Posso farcela da solo”. In generale, puoi dire che Roglic è ancora un eufemismo. Allora dimmi cosa non può fare.

Roglic scopre di potercela fare da solo a Lagos de Covadonga

“La sua posizione sulla moto rende Roglic vulnerabile”

C’è una cosa in cui Roglic non è bravo e in cosa è bravo il poliedrico Pogacar: cavalcare nel Peloton. Questo ha a che fare con la sua morfologia e la sua posizione sulla moto. Dovrebbe avere sempre spazio, perché guida con i gomiti aperti.

Quindi la distanza tra esso e la destra e la sinistra non è inferiore a 15 cm. Questo lo rende vulnerabile, poiché significa che deve correre oltre il limite quando sorpassa su strade strette. Se poi ottiene un effetto domino, sarà il perdente.

Il suo ingresso è in ritardo, ha 20 anni, e nonostante abbia intrapreso uno sport (salto con gli sci, ndr), è molto più rischioso. Questa è l’unica ragione. In termini di capacità fisiche e anatomiche, è un bambino prodigio.

Non c’è molto nel gruppo – a causa della particolarità della professione – che si possa classificare come atleta. Se la pensi in questo modo, sei arrivato a Roglic, Van Aert, Ghana, Van der Poel e poi hai quasi finito. Anche se Stuyven si sta avvicinando.

“L’edificio degli Emirati supera le altre squadre… Ineos fallisce a Tor e Vuelta”

Con Ineos, UAE e Jumbo-Visma hanno vinto anche 3 squadre diverse. Emirates sta costruendo fortemente per superare gli altri con la propria squadra.

Gli Emirati hanno gradualmente preso possesso della torcia durante il tour, man mano che cresceva al livello del suo leader. Quindi si sono esibiti più che decentemente, ma non hanno ancora raggiunto il livello del Team Sky 5-6 anni fa.

E non su un livello migliore Jumbo-Visma, che era totalmente in pugno il giorno dopo il Tour 2020.

Se vedi chi sta comprando tutto ora, probabilmente sarà già più alto di quello l’anno prossimo.

Sebbene Ineos abbia vinto il Giro d’Italia, Ineos ha fallito al Tour e alla Vuelta.

Hanno fatto una politica di selezione un po’ separata e hanno diviso i loro titoli nei tre round principali. Pensavo che sceglierli per un tour con i pilastri Carapaz e Thomas fosse troppo rischioso, con tutte le conseguenze di ciò.

Se uno cade, resta bloccato. Questo è quello che è successo a Tommaso. Ma anche senza la sua caduta, non lo consideravo in grado di svolgere un ruolo importante in scena. Poi Carabaz lo riempì, ma non con la forza e l’abilità di rispondere a Pogacar.

Sono rimasto molto deluso dal Bidcock alla Vuelta.

Sulla carta, gli otto più potenti si sono rivelati quelli della Vuelta, ma dopo circa 4 giorni si è rivelato essere un insieme di granelli di sabbia sciolti. Dove tutti questi individui sono delusi.

Ad esempio, sono rimasto molto deluso da Pidcock. So che c’è un accenno di ingiustizia nel presentare effettivamente un conto a questo giovane. Ma non mi piace la situazione un po’ stagnante dopo un titolo olimpico che si festeggia da due o tre settimane e con “vedrò fin dove arriverò”. Non credo che tu possa farlo in una squadra come Ineos.

Ho anche visto che Bernal era ancora lo stesso punto debole dopo il buon Giro, perché alla fine ha dovuto arrampicarsi e ha dovuto fare affidamento su Daniel Martinez per tenere a bada Damiano Caruso.

Nel mondo ho notato che Ineos non ha più il livello del precedente Team Sky. La certezza è andata dalla fine.

Sopravvisse al Giro, perché il Giro era il ruolo meno occupante dei tre.

Ineos con Pidcock e Bernal, tra gli altri.

E che dire dei belgi? “Van Aert è una risorsa improbabile”

Abbiamo avuto una briscola inaspettata con Wout van Aert. Cosa puoi fare di più come corridore che vincere una tappa in montagna con il Ventoux come campione, cronometro e sugli Champs Elysees? Allora diventi delirante. Questo è e rimarrà per i prossimi grandi giri – fondamentalmente il giro – il nostro diamante più brillante, dal mio punto di vista.

Remco Evenepoel ha dimostrato che bisogna avere pazienza e che c’è ancora molto lavoro da fare. È necessaria un’azione per frenare questo declino, ma ci sono opportunità per farlo.

Vedo anche un certo numero di ragazzi che stanno facendo molto bene su alcune tappe di montagna, ma poi devono rallentare in classifica. Poi penso a Harm Vanhoucke.

Cosa c’è di così divertente come un dato di fatto: ora abbiamo di nuovo i corridori. Mi è mancato molto nella mia carriera. Ho iniziato con Tom Steels negli anni ’90, poi Tom Boonen è subentrato con 6 tappe al Tour e anche una serie alla Vuelta.

Dopo di che siamo diventati completamente uomini senza digiuno. Ora abbiamo tre che possono vincere a livello di Grand Tour: Van Aert, Philipsen e Merlier. Se è quasi piatto, pochi sono veloci come Merlier in questo momento.

Anche lì la speranza è che un giorno i più veloci del mondo partano insieme in perfetta forma: cioè con Jacobsen e Groenwegen al loro meglio e l’intramontabile Ewan. Solo allora sarai in grado di stimare i rapporti di valore. Poi diventa più difficile, ma non impossibile.

Ciò che è molto interessante: ora abbiamo di nuovo dei corridori: Van Aert, Philipsen e Merlier.

Remko Evenpoel.

Michelle Waits

READ  Guarda: Haaland regala la vittoria al Dortmund nei tempi supplementari | Campionato tedesco 2021/2022