QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Microsoft fornisce OpenAI su Azure su larga scala e aggiunge ChatGPT – IT Pro – Novità

Bellissimo filmato. Trovo particolarmente interessante leggere l’attuale discussione sulle persone che affermano che non è altro che un modello progettato in modo intelligente che riunisce i testi e li trasforma in una storia logicamente “sonora”. Altri dicono che è solo l’inizio e che la vera intelligenza verrà dopo e che dobbiamo intervenire molto rapidamente. La verità deve stare da qualche parte nel mezzo.

Penso che il punto principale sia che nonostante il fatto che sembri ancora fallire un discreto numero di punti, ti aspetteresti che migliori rispetto a quello che è (già) adesso. Inoltre non la vedo affatto come un’intelligenza artificiale come in una coscienza di cui dobbiamo avere paura.

Ma è chiaramente abbastanza buono e migliorerà in quanto assumerà effettivamente molti compiti e/o diventeremo più dipendenti da questo tipo di intelligenza artificiale in forma assistiva. Mi sembra un ottimo sviluppo, se possiamo garantire anche qualità e affidabilità. A volte, penso che sia lo stesso principio per cui ci si aspetta che le auto a guida autonoma siano al 100% prive di incidenti, mentre se le persone finiscono con il 98%, per così dire, il 99% a guida autonoma, allora quest’ultima è più sicura. , non è questo? Allo stesso modo con l’intelligenza artificiale, ci sono buone probabilità che sia in media più precisa, più efficiente e forse anche più intelligente dell’essere umano medio. Gran parte dei compiti che le persone comuni svolgono possono quindi essere facilmente svolti dall’IA.

Penso che questo passaggio dai lavori d’ufficio/computer sarà molto interessante negli anni a venire. Inoltre, non riesco a immaginare che l’IA diventi una specie di flop come la realtà virtuale negli anni ’80.

READ  Il numero di passeggeri a Charleroi raddoppia grazie al Marocco