QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Migliaia di delfini morti dall’inizio del bombardamento

Si lavano al largo delle coste di Ucraina, Bulgaria, Romania e Turchia. Migliaia di delfini sono stati trovati morti dall’inizio della guerra a febbraio. Il motivo è incerto, poiché al momento è impossibile condurre un’indagine approfondita sugli intensi combattimenti nell’Ucraina meridionale. È chiaro che la violenza della guerra è direttamente o indirettamente la causa principale delle morti improvvise in eccesso.

Bombardamento vicino alla costa e aree di alimentazione dei delfini, petrolio dalle navi affondate e prodotti chimici fuoriusciti dalle munizioni: studi da Ucraina, Bulgaria e Turchia suggeriscono che potrebbero devastare la biodiversità marina. Inoltre, le navi militari e l’uso del sonar possono confondere i delfini vicini, afferma l’ecologo ucraino Ivan Rousseff.

brucia

“Vediamo i delfini con le bruciature di bombe o mine che esplodono”, dice Rousseff. “Hanno perso il senso dell’orientamento e non riescono a trovare cibo”. Ricercatori turchi hanno riferito che un numero significativamente maggiore di delfini è finito nelle reti da pesca a marzo. “È noto che la maggiore presenza di navi e sonar rappresenta una minaccia significativa per questi animali”, hanno detto all’epoca.

La Marina russa controlla il Mar Nero al largo delle coste dell’Ucraina. Alle navi ucraine viene negato l’accesso. Prima della guerra, la biodiversità del Mar Nero era attentamente monitorata da un team di scienziati composto da dieci aerei e sei navi. Il mare a quel tempo ospitava più di 253.000 delfini. Si teme che la guerra avrà un pesante tributo sul numero di delfini e di altra vita marina nell’area.

READ  Tombe non identificate ritrovate in ex collegi aborigeni in Canada | all'estero