QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Mignolet passa da impotente a eroe in pochi giorni: “Una notte così è così bella” | calcio

Due falli contro lo Standard, un gol sfortunato contro il KV Mechelen, cinque falli contro il Lipsia e un altro fallo sul Genk lo scorso fine settimana.

Simon Mignolet non è tanto discusso in Belgio come nelle ultime settimane.

Ma guarda, mercoledì sera il portiere ha messo a tacere tutte le critiche con una solida prestazione nella partita di coppa contro il Racing Genk. Già al primo minuto Mignolet si è ritirato con una grande reazione. E ai rigori ha mostrato di nuovo la sua compostezza.

“Se ho dato alla gente una leccata di merda? Non era necessario. Sono solo io”, ha detto Mignolet, autoironico. “Sono io quello che si è dovuto guardare allo specchio. So anche che ultimamente non ho fatto un buon lavoro. Poi una serata come questa è molto gratificante. Inoltre ho sempre detto che bisogna trattare il buono come positivamente come il meno utile”.

Ai rigori, Mignolet è stato ancora una volta all’altezza della sua reputazione di tiratore di rigore. Ha impedito all’Hrosovsky di undici metri di stare in mezzo. “Ero ben preparato e sapevo cosa avrebbero fatto”, ha detto Mignolet. “Sono stato particolarmente felice di poter fermare il primo calcio di rigore. Ha dato a Sandy un po’ di tranquillità”.

READ  Intervento del fisioterapista non aiuta: Goffin soccombe per infortunio a Barcellona | ATP-Barcellona (SPA)