QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Modificare l’orbita di Giove potrebbe rendere la Terra più abitabile

Ricercatori americani e australiani affermano che se l’orbita del pianeta gigante Giove fosse leggermente diversa, la Terra sarebbe più adatta alla vita di quanto non lo sia oggi.

Se dai un’occhiata agli altri pianeti del nostro sistema solare, dirai presto: “Non diventeranno più abitabili della Terra”. Se vai un po’ verso il sole, diventa rapidamente troppo caldo per tutta la vita. Se vai dall’altra parte, presto farà molto freddo. Ma questo rende davvero la Terra l’apice della “vivibilità”? O potrebbe essere un po’ meglio in segreto?

Sì, dicono Pam Vervoort, una studentessa di dottorato in Scienze della Terra e Planetarie presso l’Università della California, Riverside, e colleghi di nuovo articolo scientifico. Se l’orbita di Giove avesse una forma diversa, la Terra sarebbe più abitabile.

Leggi anche:

sopra il punto di congelamento

Vervoort e il suo team hanno concluso che attraverso simulazioni al computer del nostro sistema solare, la posizione e l’orbita di Giove sono cambiate. Tra le altre cose, hanno reso più allungata l’orbita ellittica di Giove. Di conseguenza, anche l’orbita terrestre iniziò a deviare da un cerchio più di quanto non sia ora. “Una terra come questa sarebbe un po’ più calda della nostra”, dice Vervoort. “Di conseguenza, la temperatura sarà sopra lo zero per gran parte della superficie, il che è favorevole alla vita”.

Aggiunge subito che questo effetto non può essere paragonato all’attuale riscaldamento globale. “Provoca un cambiamento climatico molto rapido, che ha conseguenze negative per molte specie animali e vegetali”.

temperatura massima

Inoltre, l’influenza benefica dell’orbita estesa di Giove sulla Terra ha i suoi limiti, continua Verfort. “Se l’orbita di Giove è troppo lunga, l’intero sistema planetario diventerà instabile e i pianeti entreranno in collisione”.

READ  Il nome del modello dello smartphone pieghevole Samsung Galaxy Z Roll

Inoltre, non vuoi che Giove sia più vicino alla Terra di quanto non lo sia ora. “Questo fa oscillare violentemente la posizione dell’asse terrestre”, afferma Vervoort. “Attualmente, forma un angolo di 23 gradi, il che garantisce che abbiamo le stagioni. Se questo angolo diventa molto più grande, allora gran parte della temperatura della superficie terrestre è sotto lo zero in inverno. In estate le temperature saranno molto elevate. è probabile che tali rapidi cambiamenti di temperatura siano dannosi per la vitalità di un pianeta”.

“ipotesi un po’ selvagge”

Simon Porteges Nero, professore di astronomia all’Università di Leiden, trova un’idea interessante esaminare come rendere la Terra più abitabile. “Sappiamo in particolare di diversi modi in cui un pianeta potrebbe essere meno abitabile della Terra”.

Tuttavia, è critico nei confronti dello studio stesso. In primo luogo, le simulazioni di Vervoort e colleghi coprono solo 10 milioni di anni. “Questo è un periodo troppo breve per dire qualcosa sulla stabilità a lungo termine di un particolare sistema planetario”, afferma Porteges Zwart.

In secondo luogo, l’astronomo Leiden lo chiama “l’ipotesi in fuga” che i ricercatori trattino la Terra nelle loro simulazioni come una palla di materia solida. “L’asse terrestre si muove in parte perché la Terra è in parte liquida all’interno”. Trova anche una strana scelta che la Luna venga ignorata nella ricerca. “La Luna è molto importante per l’angolo dell’asse terrestre.”

Non è una carta utile

Un’altra domanda è: supponiamo che l’orbita allungata di Giove nel nostro sistema solare renda la Terra più abitabile… È così anche per altri sistemi solari? “Non esistono due sistemi planetari esattamente uguali”, afferma Vervoort. “Questo è il motivo per cui dovrai determinare separatamente per ciascun sistema se le forze gravitazionali in gioco sono benefiche o dannose per la vitalità di un pianeta”.

READ  Immagine della Settimana Spaziale: La Nebulosa Coccinella

Sfortunatamente, questo non è possibile al momento. “Con le attuali tecnologie, possiamo ancora imparare molto poco su come funzionano gli altri sistemi planetari”, afferma Vervoort. “Potremmo guardare interi pianeti. Rimane difficile stimare correttamente le masse di altre stelle e dei loro pianeti. Inoltre, non abbiamo quasi nessuna informazione sulle direzioni in cui si trovano gli assi dei pianeti al di fuori del nostro sistema solare”.

Più applicabile?

Tuttavia, Vervoort si aspetta che alcuni dei risultati dello studio siano applicabili in modo più ampio, come ad esempio: un pianeta gassoso simile a Giove con un’orbita ellittica allungata favorirebbe generalmente pianeti simili alla Terra più vicini al Sole, mentre sarebbe meno utile se un tale pianeta. Il pianeta è molto vicino al sole. Vicino ai suoi fratelli più piccoli.

Tuttavia, Portegies Zwart crede che dovrai ripetere l’intera simulazione di un altro sistema planetario se vuoi essere in grado di trarre conclusioni al riguardo. “Nel momento in cui devi fare una simulazione al computer per vedere cosa accadrebbe se spostassi Giove, diciamo il 10% più vicino al Sole, non capisci davvero cosa sta succedendo, in termini di causa ed effetto. Ciò significa che avresti per rifare tutti i tuoi calcoli per un altro sistema planetario.

Fonti: Giornale astronomicoE il ScienceAlert