QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

‘Molti russi in Europa si vergognano’: ucraini e russi in Belgio per la guerra di Putin

“Vorrei che i miei genitori potessero scappare in Belgio”:
Veronika Dyomedova (29), ucraina a Dixmud

Veronika Dyumedova.Statua di Thomas Swertweiger

“Passo l’intera giornata al telefono con i miei genitori a Kiev. Sentono le esplosioni, ma fortunatamente sono ancora abbastanza lontani. Dovevano viaggiare in vacanza a Tenerife, ma ora non succederà ora che tutti i gli aeroporti sono chiusi, nel frattempo rimangono calmi, anche se vogliono provare a scappare il più rapidamente possibile, ma hanno bisogno di contanti per questo e le banche in Ucraina si svuotano molto rapidamente.

“Spero che possano andare in Polonia e poi spero di andare in Belgio. Mi piacerebbe riceverli, ma non so se è possibile. Sono molto preoccupato che Putin possa guadagnare così rapidamente in Ucraina. Il mio gli altri amici non vogliono andarsene I miei amici dicono tutti che rimarranno, arrabbiati per quello che sta succedendo, e vorranno prendersi cura l’uno dell’altro e aiutarsi dove possono.

“Come tutti gli altri, siamo piuttosto stupiti dalle azioni di Putin. Siamo in guerra da otto anni, ma quello che sta facendo ora non ha precedenti. Penso che voglia sferrare un ultimo duro colpo che farebbe i libri di storia. rivoglio la vecchia Unione Sovietica?” può occupare l’Ucraina quanto vuole e il popolo non si arrenderà mai. La cosa brutta è che ci divide anche: ucraini e russi non hanno avuto problemi l’uno con l’altro, ma temo che d’ora in poi cambierà per sempre .”

“Il mio migliore amico ucraino, siamo dalla stessa parte”: Maria Agryumati (40) di Mosca, vive in Belgio da quattro anni.

Maria Agriomati.  Statua di Thomas Swertweiger

Maria Agriomati.Statua di Thomas Swertweiger

“Il mondo non sarà più lo stesso, proprio come era dopo l’11 settembre. Putin sta andando avanti e non possiamo fermarlo, non ancora. È rimasto sospeso sulle nostre teste come la spada di Damocle per così tanto tempo, e ora è un realtà. I ​​miei genitori vivono a Mosca, sono terrorizzati. E che i loro soldi finiranno e che il paese sarà distrutto da questa guerra. Potrei essere al sicuro in Belgio, ma so che la gente d’ora in poi odierà noi russi Molti russi si vergogneranno in Europa.

È come Trump, la prima cosa che la gente ci chiederà è se abbiamo votato per Putin. Ora, cerco di non preoccuparmi. Dall’annessione della Crimea da parte di Putin, i russi in Europa sono stati visti come partigiani. Andrà solo peggio, anche se so che i miei amici non mi giudicheranno.

“Il mio migliore amico è ucraino e siamo dalla stessa parte. Critico Putin tanto duramente quanto lei. Sfortunatamente, riceve ancora il sostegno di gran parte della popolazione. La maggior parte delle persone non sa niente di meglio di quello che sente in i media. La parola guerra non è usata in nessuna parte del mondo”. TV russa. Leggiamo dell’operazione militare contro la “disonestà” dell’Ucraina. Putin fa sembrare che salverà la povera popolazione ucraina dai nazisti. E la gente gli crede. Beh, non tutti, ovviamente, a Mosca e in altre città c’è una protesta. Ma quelli che sbarcano vengono spinti in strada il più rapidamente possibile, siamo impotenti”.

“Non riesco a pensare a nient’altro”: Alla Minsikovskaya (48 anni) ha una famiglia nella provincia di Donetsk

Mia sorella vive nel centro di Donetsk, sono sempre stati bombardati negli ultimi anni, ma ora la violenza della guerra è aumentata notevolmente. Sente molte esplosioni, soprattutto di notte, anche se è ancora calmo nei quartieri densamente popolati del centro, ha detto. Anche uno dei miei amici più cari vive nell’est del paese, ma a Kharkov, nella parte ucraina. Ha detto che l’invasione è stata violenta durante la notte in cui è iniziata.

Lei e la sua famiglia vogliono andarsene ma non sanno come. Non andranno lontano in macchina, perché non hanno un posto dove fare rifornimento, il che è un grosso problema per molte persone in questo momento. Non ci sono contanti nel bancomat e nessuno può partire senza contanti. E il peggio è che gli oligarchi sono scappati molto tempo fa e sono usciti tutti dal paese in tempo.

“La popolazione è indifesa e questo è terribile. Tutto ciò che mia sorella può fare a Donetsk è andare nelle zone densamente popolate della città, sperando che né i russi né gli ucraini bombarderanno lì. Anch’io sono completamente indifeso e frustrato, e io non posso fare altro che chiamare Stiamo insieme tutto il giorno. Ora vorrei che l’elettricità e Internet non si interrompessero, altrimenti non li sentirei affatto.

“Non riesco a pensare a nient’altro, e nient’altro mi preoccupa. Non è realistico che sia successo, non riesco ancora a capire. Come andrà a finire, mi chiedo tutto il tempo. Ci sono tutti i tipi di scenari che attraversano la mia testa. Ma una cosa è chiara. “La popolazione sarà ancora una volta la più grande vittima di questa guerra”.

Alexander Savelyev.  Statua di Thomas Swertweiger

Alexander Savelyev.Statua di Thomas Swertweiger

Alexander Saveljeev (42), russo-belga a Blankenberge: “Non credo sia anormale che Putin voglia liberare gli ucraini.

Nessuno se lo aspettava, ma dal 2014 Putin non ha intrapreso alcuna azione in Ucraina. Inoltre, nessuno sapeva esattamente cosa sarebbe successo alle Repubbliche popolari dell’Ucraina orientale, ma era chiaro da molto tempo che ciò non poteva continuare. È stato male per anni ed è solo peggiorato. Quindi non penso che sia innaturale che Putin stia ora agendo e voglia liberare gli ucraini dal potere.

L’Ucraina non aderisce agli accordi di Minsk, ha continuato a bombardare le Repubbliche popolari di Luhansk e Donetsk negli ultimi otto anni. I separatisti non hanno mai risposto a queste provocazioni, ma hanno voluto attenersi agli accordi di Minsk.

Non credo sia Putin a non rispettare la sua parola. È propaganda occidentale. Inoltre, penso davvero che voglia colpire il minor numero possibile di civili in Ucraina, e l’esercito è concentrato su obiettivi militari e strategici. Tutti i passi intrapresi dalla Federazione Russa ora hanno un senso. Sarebbe dovuto succedere solo otto anni fa, avrebbe salvato molte vite umane. Ogni giorno le persone muoiono per mano dell’esercito ucraino, intendo i civili. Mi rendo conto che la mia opinione non corrisponde alle opinioni della gente in Belgio, ma penso di avere il diritto di esprimerle. Sono anche contrario alla guerra e spero che finisca molto presto. Ma capisco Putin”.

READ  Gli esperti criticano la politica della Corona tedesca: "Le misure attuali sono insufficienti" | Corona virus quello che c'è da sapere