QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Monitoraggio dello stile di vita nella malattia di Alzheimer tramite sensori

sensori in particolare sensori lettoÈ stato a lungo ampiamente utilizzato per monitorare lo stile di vita degli anziani. Ad esempio, per ridurre il rischio di cadere nei centri di cura o per consentire o meno alle persone di entrare in determinate aree. Il monitoraggio dello stile di vita è anche un’opzione interessante per gli antenati con malattia di Alzheimer che vivono ancora a casa. Lo scopo di osservare questo stile di vita non è accontentarli, ma per conversazione Così le persone coinvolte possono continuare a vivere in sicurezza a casa più a lungo.

Registrazione dell’attività motoria

Il monitoraggio dello stile di vita utilizza una rete di sensori intelligenti posizionati in diversi punti strategici delle case. In questo modo è possibile monitorare adeguatamente le attività di movimento del residente. Soprattutto se ci sono schemi improvvisamente distorti, questo può essere visto da lontano e il residente può essere assistito se necessario. Questo monitoraggio dello stile di vita è ideale per le persone con malattia di Alzheimer in fase iniziale. Grazie a questo metodo di monitoraggio intelligente, possono continuare a vivere in casa molto più a lungo.

a casa il più a lungo possibile

Non molte persone lo sanno, ma nei Paesi Bassi molte persone con demenza precoce e anche piuttosto avanzata vivono ancora a casa “normalmente”. Infatti, il 79% delle persone con demenza vive in casa e viene assistito dalla famiglia e dall’ambiente più stretti, o cosiddetti caregiver informali. Ci sono anche più di 800.000 assistenti informali per persone con demenza nei Paesi Bassi. Vivere in casa è spesso possibile grazie a caregiver informali, assistenza domiciliare e interventi di consulenza come la rimozione dell’apparecchio a gas, l’interruzione della guida, l’installazione di un ascensore e un monitoraggio ben pianificato della casa ea distanza. Ognuno con demenza è diverso, quindi dovrebbero essere presi accordi su misura con ogni persona coinvolta.

READ  È difficile prevedere quanto aumenterà l'ondata di influenza

Monitoraggio dello stile di vita: segnalazione automatica degli scostamenti

Nel monitoraggio sensoriale dello stile di vita, le deviazioni osservate nello stile di vita vengono trasmesse automaticamente al caregiver o al caregiver. Ad esempio, qualcuno potrebbe rivelarsi molto irrequieto e alzarsi spesso dal letto o sballottarsi la sera. È anche possibile che la porta del frigorifero si apra di rado o che le persone raramente vadano più a fare la spesa. In questi casi è necessario un supporto specifico che può essere organizzato in consultazione.

Sul sito web van Vliegwiel (Digital Transformation in Healthcare) spiega: “I sensori registrano 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Questi sensori vedono solo il movimento. Quindi non sono macchine fotografiche. Dopo che i sensori sono stati applicati, trasferiscono le misurazioni a un programma per computer. Entro due settimane, questo programma traccia lo stile di vita quotidiano di una persona con malattia di Alzheimer. I caregiver, i caregiver informali o la famiglia possono guardare tramite un’app o uno smartphone. Ad esempio, il sistema indica con segnali colorati se tutto è normale o se ci sono deviazioni. In pratica, il sistema opera principalmente in modo preventivo piuttosto che reattivo, come gli allarmi. Alcune organizzazioni sanitarie ritengono che il monitoraggio dello stile di vita possa ridurre la frequenza delle visite dei clienti a una volta ogni otto settimane. E quell’escalation è meno frequente.

Conferenza ICT e Salute 2023

Il 30 gennaio 2023, l’ICT e la nuova salute pubblica dell’assistenza sanitaria inizieranno con l’importante e influente conferenza sanitaria annuale sulla trasformazione dell’assistenza sanitaria.
Essere presenti anche tu? Prenota velocemente il tuo biglietto d’ingresso