QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Monkeypox: gli esperti temono che l’epidemia nel Regno Unito segni il primo caso segnalato di malattie sessualmente trasmissibili

Funzionari sanitari stanno indagando se un certo numero di casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito sono stati trasmessi sessualmente, in quelli che un esperto teme potrebbero essere i primi casi registrati di questo genere.

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha rilevato un totale di sette casi di vaiolo delle scimmie, tutti diagnosticati tra il 6 e il 15 maggio. Quattro nuovi casi sono stati confermati la scorsa settimana.

Tre dei nuovi casi sono a Londra e un caso collegato è nel nord-est dell’Inghilterra. Tutti e quattro i pazienti sono maschi.

Sono in corso le indagini per determinare i collegamenti tra questi ultimi casi, che sembrano tutti infettati nella capitale.

Gli uomini colpiti si identificano come gay, bisessuali o hanno rapporti sessuali con uomini (MSM), secondo l’UKHSA. Contatti comuni sono stati trovati in due degli ultimi quattro casi.

Il vaiolo delle scimmie è un’infezione rara diffusa principalmente dalla fauna selvatica in alcune parti dell’Africa occidentale o centrale. I sintomi includono un’eruzione cutanea che può essere confusa con la varicella.

Tuttavia, con questi sette casi, non esiste alcun collegamento per viaggiare in un paese in cui il vaiolo delle scimmie è endemico.

Di solito si pensa che il virus sia trasmesso da roditori, come ratti, topi e scoiattoli, e che venga catturato dal morso o dal contatto di un animale infetto o dalla sua pelliccia, o mangiando la carne di un animale che non è stato mangiato correttamente. cucinato.

L’ubicazione e le modalità di questa nuova infezione sono ancora oggetto di indagine urgente.

L’Autorità per i servizi sanitari del Regno Unito (UKHSA) ha affermato che il virus non si diffonde facilmente tra le persone e che il rischio per la popolazione del Regno Unito è basso.

READ  La variante Omikron potrebbe contenere un frammento del comune virus del raffreddore

Tuttavia, i casi più recenti si sono verificati nelle comunità LGBT e poiché il virus si diffonde attraverso uno stretto contatto, i funzionari consigliano a questi gruppi di prestare attenzione a eventuali eruzioni cutanee o lesioni insolite su qualsiasi parte del loro corpo, in particolare i loro organi. e contattare il servizio di salute sessuale se interessati.

Dott. Matteo Prochaska, epidemiologo di malattie infettive presso l’UKHSA, ha dichiarato: “Quando il vaiolo delle scimmie salta dai serbatoi degli animali all’uomo, la diffusione da persona a persona è solitamente limitata. Alcune delle catene di trasmissione documentate più lunghe coinvolgono sei infezioni consecutive da persona a persona.

Questo perché il virus non è realmente “adatto” per continuare a diffondersi da persona a persona. La trasmissione non è facile, ma può avvenire da persona a persona attraverso il contatto diretto con parassiti o secrezioni respiratorie.

“Più il contatto è stretto e lungo, più è probabile che venga trasmesso. Anche uno stretto contatto tra due persone (come durante il sesso) può facilitare la trasmissione, ma questo non è stato descritto prima.

“Tuttavia, l’elevata percentuale di casi nell’attuale focolaio in Inghilterra di persone gay o bisessuali (4/7, 57%) suggerisce fortemente la prevalenza nelle reti sessuali. Ciò è indicato anche dal fatto che in due casi sono stati trovati contatti comuni. Solo negli ultimi quattro casi”.

Dott. È raro trovare casi di vaiolo delle scimmie privi di collegamenti con i viaggi, ha detto Prochazka, suggerendo che le importazioni sono seguite da un certo grado di trasmissione comunitaria.

“La cosa più esotica è trovare casi che sembrano essere stati infettati attraverso il contatto sessuale: questa è una nuova via di trasmissione che avrà implicazioni per la risposta al controllo dell’epidemia”, ha affermato.

Quali sono i sintomi della malattia del vaiolo delle scimmie?

Secondo il SSN, di solito occorrono dai cinque ai 21 giorni prima che compaiano i primi sintomi dopo l’infezione. I primi sintomi includono:

  • alta temperatura
  • Male alla testa
  • Sforzo muscolare
  • Mal di schiena
  • ghiandole gonfie
  • brividi (brividi)
  • esaurimento

L’eruzione cutanea di solito compare da 1 a 5 giorni dopo la comparsa dei primi sintomi. Spesso inizia in faccia e poi si diffonde ad altre parti del corpo.

L’eruzione cutanea è talvolta confusa con la varicella. Inizia come punti in rilievo, che si trasformano in piccole vesciche piene di liquido. Queste vesciche alla fine formano croste che in seguito cadono.

I sintomi sono generalmente lievi e compaiono entro due o quattro settimane. Tuttavia, i pazienti di solito devono rimanere in un ospedale specializzato in modo che l’infezione non si diffonda e i sintomi possano essere trattati, afferma il SSN.

Tuttavia, i funzionari hanno sottolineato che non vi è ancora alcuna conferma di casi di vaiolo delle scimmie a trasmissione sessuale. Alcuni scienziati hanno minimizzato l’importanza di un possibile collegamento, poiché il virus può essere trasmesso attraverso il contatto con la pelle.

READ  Discriminazione sanitaria: "Il dottore ha chiesto al mio amico bianco come sto" - Radar

“Vorrei raccomandare una certa cautela a questo punto prima di concludere che il vaiolo delle scimmie si è trasformato in una malattia a trasmissione sessuale (STD)”, ha affermato François Balloux, direttore dell’Istituto di genetica dell’UCLA.

“Il vaiolo delle scimmie non è particolarmente trasmissibile e il numero di casi fino ad oggi in cui è nota la via di trasmissione è ancora relativamente piccolo.

“Quello che si sa è che il vaiolo delle scimmie viene trasmesso tra persone che sono a stretto contatto attraverso fluidi corporei, goccioline respiratorie, parassiti o persino materiali contaminati come lettiera.

Il “contatto sessuale” si qualifica generalmente come “stretto contatto”. Quindi le recenti osservazioni di una chiara trasmissione sessuale nel Regno Unito non implicano necessariamente un recente cambiamento nella via di trasmissione del virus”.

Keith Neal, Professore Emerito di Epidemiologia delle Malattie Infettive presso l’Università di Nottingham, ha dichiarato: “Non può essere trasmesso attraverso il contatto sessuale, ma piuttosto attraverso il contatto stretto che accompagna il contatto sessuale. Sono necessari ulteriori test per vedere se il virus è presente nello sperma per essere trasmesso Davvero sessualmente.

Tutti i pazienti con vaiolo delle scimmie che necessitano di cure mediche sono ricoverati in reparti specializzati in malattie infettive presso il Royal Free Hospital di Londra, il Royal Victoria Hospital di Newcastle upon Tyne e il St Thomas a Londra.

Gli individui hanno il clade del virus dell’Africa occidentale, che è lieve rispetto al clade dell’Africa centrale.

Dott. Susan Hopkins, Chief Medical Officer dell’UKHSA, ha dichiarato: “Questo è raro e insolito. L’UKHSA sta rapidamente studiando la fonte di questa infezione poiché le prove suggeriscono che potrebbe esserci una trasmissione nella comunità del virus del vaiolo delle scimmie diffuso attraverso uno stretto contatto.

READ  Ancora possibile dopo una reazione allergica: "Spesso stress"

“Esortiamo in particolare gli uomini gay e bisessuali a essere consapevoli di eventuali eruzioni cutanee o lesioni insolite e di contattare immediatamente il servizio di salute sessuale. Stiamo contattando tutti i contatti stretti dei casi per fornire informazioni e consigli sulla salute”.