QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Mont Ventoux, l’amante delle vacanze di Tiesj Benoot: ‘Il vento determina quanto sia terribile’ | Viaggio

“Questa era comunque una tappa che non vedevo l’ora”, dice Tiesj Benoot, che sta ancora lottando dopo alcuni incidenti nei primi giorni di questo tour.

“Mont Ventoux è il palo che ho scalato per la prima volta da bambino. Era durante una vacanza, e ora per la prima volta in gara: uno speciale”.

Il primo passaggio è l’ala moderata di Sault, e il finale è condito da Ventoux di Bédoin. Benoot è un esperto di quest’ultima traccia.

“Non ho ancora fatto il lato Sault. Quando vieni a Ventoux da bambino, vuoi il lato vero e pesante.”

“Nel bosco lo vedi davvero: lì fa caldo e molto ripido. Dopo lo Chalet Renard senti più vento e fa più fresco.”

“Vedi la vetta, ma poi dipende dal vento quanto è terribile arrivare in cima.”

Oggi entrambe le ali sono tagliate. “Sì, c’è comunque la paura all’inizio. Ma puoi paragonarla a una tappa alpina con 3 o 4 pali”.

Tiesj Benoot sa cosa sta per succedere, Dylan Teuns no. “Al Tour of Provence, ho guidato Ventoux per la prima volta quest’anno. Dipendeva da Chalet Renard”, dice il vincitore di una tappa di quel Tour.

“È un grosso punto interrogativo, sì. Ma non mi innervosisce affatto. In pratica ho bisogno di qualche giorno per abituarmi al caldo. Al contrario, dal caldo al freddo, il passaggio non è difficile”.

READ  Finali di nuoto: Titmus detronizza Ledecky, argento per l'Olanda, primo oro Dressel | le Olimpiadi