QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Mosca acquisisce il controllo della joint venture Shell | All’estero

Un tribunale russo ha stabilito che una partnership in Russia in cui Shell possiede la metà di un membro dovrebbe passare sotto il controllo di Mosca. Lo riporta l’agenzia di stampa russa Interfax.

Leggi tutte le notizie sulla guerra in Ucraina in il nostro profilo.

È collegato a Salym Petroleum Development (SPD), una joint venture tra Shell e Gazprom Neft. Quest’ultima è la filiale petrolifera del gruppo statale russo Gazprom. Shell e Gazprom Neft detengono ciascuna una partecipazione del 50% nella joint venture, che sta sviluppando giacimenti nella Siberia occidentale.

Il quotidiano russo Kommersant ha riferito la scorsa settimana che Gazprom Neft aveva preso provvedimenti per portare la joint venture interamente sotto il controllo legale russo. Pertanto, i diritti degli azionisti Shell hanno dovuto essere sospesi. La corte sta ora congelando alcuni dei diritti di Shell fino alla fine di dicembre 2023, compresi i diritti di voto.

Un portavoce della Shell ha dichiarato: “Stiamo monitorando la situazione e valutando le nostre opzioni legali”. “Non abbiamo ulteriori commenti in questo momento”.

Shell ha annunciato l’intenzione di cessare le operazioni in Russia a marzo, quando le sanzioni occidentali sono state imposte in risposta all’invasione russa dell’Ucraina. Il gruppo petrolifero e del gas aveva già indicato che avrebbe dovuto cancellare miliardi delle sue attività in Russia.

un’intervista. Noto analista olandese della crisi energetica: “Perché l’Europa non chiude il rubinetto della Russia?” (+)

READ  Che dire di Bitcoin City in El Salvador? » Crypto Insider