QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Muore una donna di 34 anni che ha rinunciato alla cittadinanza russa per combattere in Ucraina in prima linea | All’estero

Una donna che ha rinunciato alla cittadinanza russa per combattere i suoi concittadini in Ucraina è morta in prima linea. Olga Simonova, 34 anni, soprannominata “Simba”, è morta nella regione di Kherson, nel sud dell’Ucraina. Lo riporta il quotidiano locale “TSN”. Simonova era un soldato della 24a Brigata Meccanizzata.

Simonova proveniva originariamente dalla regione russa di Chelyabinsk, situata nella parte occidentale del paese. La donna ha già deciso di lasciare la sua terra natale nel 2014, dopo che il presidente Vladimir Putin ha annesso la Crimea. Simonova si trasferì nella capitale ucraina, Kiev, e iniziò volontariamente a lavorare lì come infermiera nell’esercito ucraino.

Simonova alla fine ottenne la cittadinanza ucraina e salì al grado di sergente nella 24a brigata corazzata. Quando i russi hanno invaso l’Ucraina a febbraio, hanno difeso principalmente la regione orientale del Donbass. Successivamente l’unità militare di Simonova è stata spostata a sud, dove è attualmente in corso una controffensiva ucraina.



“Vergogna per la Russia”

La morte di Simonova è stata annunciata dalla giornalista del TSN Natalia Nagornaya. “Oggi, anche quelli che di solito si ritirano piangono. Era qui per combattere per la libertà e non oserei chiamarla russa”, ha scritto Nagornaya in un post su Facebook. Non è chiaro come sia morta esattamente Simonova.

READ  Il settimo generale russo muore in guerra

Nel 2018, il soldato ha dichiarato in un’intervista di ritenere che l’annessione della Crimea fosse una “vergogna per la Russia” e che la maggior parte dei suoi cittadini avesse subito il lavaggio del cervello dalla propaganda. I bambini crescono a livello militare e nazionale. È sempre stato così in Russia. Quindi è molto facile manipolare queste persone”. La lotta da parte ucraina ha dato a Simonova “il senso della vita” nelle sue stesse parole.

Leggi anche:

Un video che mostra la coscrizione di una colonia penale russa: “Hai 5 minuti per prendere la decisione. Chi ama prende il colpo”.

È così che un soldato russo completamente arrabbiato si stabilisce con l’esercito russo: filma come strappa il passaporto e tira lo sciacquone

Vedi anche: “I soldati russi negoziano la resa”