QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Musk fa causa all’informatore di Twitter nel caso di acquisizione di account spam – IT Pro – Notizie

Elon Musk ha convocato l’ex capo della sicurezza di Twitter e informatore, Peter Zatko. Musk vuole che Zatko testimoni nella causa Twitter contro Musk. Musk e Zatko affermano che Twitter non è onesto sul numero di account di spam sulla piattaforma.

I documenti mostrano che Zatko dovrebbe testimoniare in un tribunale degli Stati Uniti il ​​9 settembre che pubblica The Verge. L’informatore dovrebbe anche condividere tutto il materiale che ha sugli account di spam. Zatko non ha ancora risposto alla citazione, quindi non è chiaro se si conformerà.

quello che fischia Dice tra l’altro Che Twitter non sappia quanti bot ha la piattaforma e che l’azienda non vuole necessariamente saperlo. Zatko, sulla base delle conversazioni con i leader aziendali, ha affermato che se il numero reale di account di spam fosse esposto, potrebbe danneggiare il valore e l’immagine di Twitter. I numeri citati da Twitter sono percentuali basate sul numero Utenti attivi quotidianamente che possono monetizzare E non il numero totale di utenti.

Il numero di account spam è importante per il titolare, perché desidera utilizzarli Per uscire dalla sua acquisizione di Twitter. Musk afferma che Twitter ha più account di spam di quanto indichi la piattaforma e afferma di non ricevere dati sufficienti dall’azienda per ottenere maggiore chiarezza sulla questione. nel mese di luglio Twitter ha citato in giudizio Musk Per costringerlo a salire sul podio, dopotutto.

Con la causa e la testimonianza di Zatko, Musk spera di convincere la corte che Twitter sta mentendo sul numero di account di spam e che il miliardario non ha bisogno di rilevare la piattaforma. Oltre alla tuta di acquisizione, appare Zatko Più tardi a settembre In un’audizione pubblica del Senato degli Stati Uniti per discutere le presunte debolezze di sicurezza della società.

READ  La commissione del Parlamento europeo vota su regole più severe per le piattaforme online - IT Pro - Notizie