QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Musk può andarsene se non riceve un bonus massimo di 56 miliardi”.

“Musk può andarsene se non riceve un bonus massimo di 56 miliardi”.

La questione se Elon Musk riceverà o meno il suo bonus di 56 miliardi di dollari verrà risolta il 13 giugno. Il presidente Robin Denholm aumenta ora la pressione sugli azionisti con una lettera.

quanto detto prima: In qualità di CEO di Tesla, Elon Musk ha ricevuto nel 2018 un bonus a lungo termine sotto forma di stock option se avesse raggiunto determinati obiettivi finanziari. Ciò ha funzionato ogni volta e come risultato Musk ha ricevuto un bonus di 56 miliardi di dollari. Un investitore non è stato d’accordo ed è andato in tribunale. Aveva ragione: il bonus di Musk è stato cancellato.

Nelle news: Il CEO di Tesla, Robyn Denholm, sta cercando da tempo di far approvare il pacchetto di compensi di Musk. Ora, in una lettera, presenta l’argomentazione finale: Musk potrebbe dimettersi se non ricevesse i suoi soldi.

  • “Elon non è un tipico manager e Tesla non è una tipica azienda.” Tu leggi. “Quindi il modo tipico in cui le aziende compensano gli alti dirigenti non porterà risultati per Tesla. Incentivare qualcuno come Elon richiede qualcosa di diverso”.
  • Denholm si riferisce a questa quantità astronomica come “qualcos’altro”. È possibile che Musk vada “in altri posti”. “Ciò che abbiamo capito nel 2018 e che continuiamo a capire oggi è che c’è una cosa che Elon sicuramente non ha: tempo illimitato.”
  • La mancanza di tempo, e soprattutto di attenzione, di Elon Musk è nota. I dipendenti di Tesla si lamentano spesso della mancanza di interesse di Musk per l’azienda automobilistica. Il CEO divide il suo tempo e contemporaneamente è impegnato, tra gli altri, con la piattaforma di social media X, lo sviluppatore di intelligenza artificiale xAI e la società spaziale SpaceX.
READ  Superyacht russo venduto all'asta per oltre 39 milioni di euro: piscina e cinema inclusi | All'estero

Il super bonus di Musk in realtà non sembra essere un problema

da seguire: E Musk sembra aver trovato la sua strada.

  • Tutti gli azionisti devono aver votato sul pacchetto di Musk entro e non oltre il 13 giugno. Secondo Denholm, “Chiaramente non è una questione di soldi”. Gli azionisti sembrano seguire le sue orme. Secondo l’agenzia di stampa Reuters, il 25% degli azionisti ha già votato, di cui l’80% ha votato a favore del mantenimento del super bonus di Musk.
  • La lettera di Denholm aumenta la pressione: “Elon ha mantenuto la sua promessa e ha creato un enorme valore per i nostri azionisti. Onorare il nostro impegno nei confronti di Elon dimostra che sosteniamo la sua visione per Tesla e riconosciamo i suoi risultati eccezionali”.
  • Pertanto Elon Musk rimane una figura polarizzante. È un genio che merita un’enorme ricompensa o un uomo estraneo che fa storie quando non ottiene ciò che vuole? Gli azionisti sembrano pensare per primi.