QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

MVB Curry guida Golden State al quarto titolo NBA in 8 anni: Boston perde 3 partite di fila | NBA

“Ce l’abbiamo fatta!” Un Curry apparentemente emozionato ha gridato al TD Garden, dopo un’altra grande prestazione. Con 34 punti, di cui 6 da tre punti, 7 rimbalzi e 7 assist, è stato ancora una volta l’uomo in Golden State.

Ha condiviso la sua gioia con papà Dell, un arciere altrettanto impareggiabile, a cui Curry deve la sua reputazione di più grande tripla puntatore della storia.

Con una media di 31,2 punti, Base ha logicamente vinto la Coppa MVP per le finali all’età di 34 anni, per la prima volta nella sua carriera. Ha fatto rivivere la dinastia dei Warriors, nata nel 2015. Nei titoli precedenti ha senza dubbio fatto la differenza, ma Andre Iguodala (2015) e Kevin Durant (2017, 2018) si sono dimostrati un po’ più coerenti.

Curry, che è stato l’MVP della stagione regolare nel 2015 e nel 2016, ha lasciato un’impronta imperiale nella serie. Con la sua carriera (43 punti) in gara 4 a Boston, ha evitato una sconfitta fatale per 3-1 e ha eliminato i Celtics, che sognavano un diciottesimo titolo record, fuori dal loro vantaggio. Boston non si riprenderà da questo e perderà anche Gara 5 e 6.

(leggi su tweet)

Curry ha giocato l’unica nota triste in Gara 5, quando ha mancato 0 “bombe” su 9, per la prima volta in 233 partite e 133 playoff. Ma ieri sera si è comportato come un campione.

La squadra di casa – che per lui è stata una grande finale – è partita alla grande (2-14), ma gli ospiti più esperti hanno preso in mano la situazione. In difesa sono stati molto forti: hanno perso 22 palloni e hanno vinto la guerra di rimbalzo (29 di cui 15 offensivi).

READ  Twitter e Radzinski hanno elogiato il debutto di Sambi Lokonga all'Arsenal

In 10 minuti potrebbero sfidare Boston con uno sprint di media di 35-8, compreso un 21-0, che non si vedeva in una finale da 50 anni.

I Celtics hanno sempre colpito un muro blu, anche se Jaylene Brown (34 punti) ha fatto un passaggio che ha ridotto il gap a 8 su un punto, ma ogni volta il Warrior ha avuto una risposta.

Il titolo era reale e questo non era previsto all’inizio della stagione. Dopo i titoli del 2015 e 2018 e le finali perse nel 2016 e 2019, i Warriors hanno vissuto due anni bui, con la partenza di Kevin Durant e gravi infortuni a Klay Thompson.

Quest’ultimo torna in questa stagione dopo 941 giorni di assenza. Non è più lo sparatutto malvagio dell’anno scorso, a giudicare dai suoi 12 punti (5 su 20), ma simboleggia il revival del Golden State.

Gli “Splash Brothers” (Carrie/Thompson) non sono gli unici con 4 anelli da campione al dito, che li mettono nella cerchia di LeBron James, Shaquille O’Neal o Tony Parker, Draymond Green e Andre Iguodala. volta.

Per Steve Kerr, artefice del successo, questo è il quarto episodio da allenatore, da giocatore che ne aveva già cinque: 3 con Michael Jordan Bulls e 2 con Greg Popovich del Tottenham.

Kerr: “Tutti i titoli sono unici e speciali. Forse il giorno più sorprendente. Ci vuole uno sforzo di squadra per realizzarlo e abbiamo avuto una grande squadra”.