QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

NaturaOggi | Il virus della zecca si diffonde e la possibilità di infezione è molto ridotta

La stragrande maggioranza delle persone non si ammala o non si ammala quasi mai dopo essere stata morsa da una zecca infetta da TBEV. Delle persone che si ammalano, l’1-2 per cento muore. All’interno dell’Unione europea, il numero di casi oscilla tra 2.500 e 3.500 casi all’anno, principalmente nell’Europa centrale e orientale, negli Stati baltici e in Scandinavia. A livello nazionale, vi è una grande variazione nel numero di nuovi casi della malattia. Gli aspetti ambientali, sociali, economici e culturali giocano un ruolo in questo. Come la variazione della densità della fauna selvatica e il cambiamento climatico, ma anche la raccolta di funghi e bacche così popolare nell’Europa orientale. Pertanto una caratteristica tipica del TBEV è che la sua distribuzione è molto frammentata, nonostante il vettore principale (zecca delle pecore Ixodes ricinus) e ospiti (topi di legno e topi) ampiamente distribuiti.

Prima nei Paesi Bassi del previsto

Negli ultimi anni, la prevalenza della malattia da TBEV è aumentata. Il virus si sta ora verificando in aree in cui le condizioni ambientali erano precedentemente ritenute inadatte alla trasmissione del virus, come i Paesi Bassi. Nel 2015 le zecche infette sono state trovate per la prima volta a Sallandse Heuvelrug. Queste zecche sono state raccolte dopo che un esame del sangue di cervo ha mostrato che alcuni animali di questa regione avevano anticorpi contro il TBEV. Poiché questi cervi sono stati effettivamente uccisi nel 2010 ma non sono stati testati fino al 2015, è probabile che il virus circoli nei Paesi Bassi da tempo. Una ricerca di follow-up condotta su un capriolo ucciso nel 2017 ha mostrato che il virus potrebbe essersi diffuso più ampiamente da allora. Ma poiché fino ad allora i pazienti erano stati segnalati solo nelle regioni di Utrecht e Salandsee Hovelrog e la maggior parte dei cervi positivi proveniva da zone di confine, erano necessarie ulteriori ricerche.

READ  Prezzo senza appuntamento - DordtCentraal

Ampia ricerca

Tra il 2018 e il 2020, la Wageningen University & Research (WUR), in collaborazione con RIVM e Artemis One Health, ha condotto una ricerca di sorveglianza su larga scala sulla presenza di TBEV nelle zecche selvatiche e nei topi. In totale, più di 46.000 zecche e 320 topi selvatici sono stati testati da 48 siti nei Paesi Bassi. Le zecche sono state testate in gruppi chiamati “pool”. Tra le popolazioni di zecche testate (per un totale di 3.086), 7 sono risultate positive per TBEV-RNA in 3 località: National Park Utrechtse Heuvelrug (comune di Zeist), National Park de Sallandse Heuvelrug (comune di Hellendoorn) e Nature Reserve Rogipotzand (comune di Drontin ). Ciò significa che solo lo 0,02% delle zecche studiate è stato infettato dal virus. In confronto: circa il 15% delle zecche olandesi è infettato dai batteri Borrelia burgdorferi sl che causa la malattia di Lyme. Tra i topi testati (152 topi di bosco, 27 topi di bosco grandi, 39 topi rossi e 2 topi di campo), tre animali sono risultati positivi per TBEV-RNA: due topi di campo del Parco Naturale di Leemputten (Oost comune Gelre) e un . Una raffica rossa da Rijk van Nijmegen (comune di Nijmegen).).

Varie varianti di virus

L’esame dell’RNA marcatore positivo ha mostrato che ogni regione aveva la propria variante virale. La variante Dronten era il più simile al tipo trovato di recente in Germania. La variante di Zeist era strettamente correlata a quella della Svezia e la variante di Hellendoorn era strettamente correlata a quella dell’Inghilterra, dove il TBEV è stato trovato per la prima volta nel 2020. Ciò indica molteplici introduzioni indipendenti e conferma l’idea che il TBEV può diffondersi su lunghe distanze, presumibilmente è da uccelli migratori. È anche possibile che i topi risultati positivi fossero diversi tipi di virus.

READ  Soffri di schiena mentre lavori da remoto? Gli esperti spiegano come prevenire le ernie

zone di pericolo

Lo studio conferma che il TBEV si sta verificando in più regioni oltre a Utrechtse e Sallandse Heuvelrug. Combinando i dati con i luoghi in cui i pazienti sono stati precedentemente segnalati e i dati raccolti dai cervi, viene generato un quadro più completo delle aree a rischio nei Paesi Bassi. Oltre alle località già menzionate, ciò riguarda parti del Limburgo, del Brabante settentrionale e in particolare della Gelderland orientale e dell’Overijssel. Sebbene la diffusione del virus sia inimmaginabile, la possibilità di essere morsi da una zecca infetta e di ammalarsi in seguito è molto bassa. Attualmente, ogni anno nei Paesi Bassi da due a cinque pazienti contraggono l’encefalite da zecche. È disponibile un vaccino efficace per le persone altamente esposte alle zecche.

maggiori informazioni

Testo: Helen Esser e Sander Konratt, Università e ricerca di Wageningen in collaborazione con essa RIVM
Foto: Robert Rozwanda, Flickr (Immagine principale: zecca di pecora, Ixodes ricinus)