QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nave soccorso Geo Genitori fermati in Italia: Medici senza frontiere decisi a salvare di nuovo vite in mare

Centinaia di persone sono annegate nel Mediterraneo, mentre le ONG umanitarie sono state detenute, avverte MSF. Tuttavia, le autorità portuali italiane hanno ora trattenuto la nave Geo Parents di MSF per 3 giorni. Chiediamo alle autorità italiane di rilasciare la nostra nave di ricerca e soccorso il prima possibile.

Geo Parents è stato arrestato il 2 luglio 2021, dopo una ricerca di 14 ore nel porto di Augusta, in Sicilia. Le autorità italiane hanno riscontrato 22 difetti, 10 dei quali secondo quanto riferito sono stati detenuti. Sebbene possiamo apportare le modifiche necessarie, sappiamo che offre alle autorità l’opportunità di perseguire motivi politici sotto forma di procedure amministrative.

La detenzione di Geo Parents è un’altra testimonianza delle intimidazioni amministrative delle autorità italiane e delle misure punitive volte a prevenire le operazioni umanitarie in mare. Dal 2019 ad oggi, le autorità italiane hanno condotto 16 cosiddetti “controlli portuali” sulle navi di soccorso delle ONG, provocando 13 fermi amministrativi. Si tratta di un assedio totale di 1.078 giorni per le navi salvavita in mare.

“Le normative dello stato di approdo sono pratiche marittime legali progettate per garantire la sicurezza della nave in mare, ma al momento questi studi sono strumentali nel prendere di mira le ONG in modo discriminatorio da parte dei funzionari del governo, quindi possiamo solo concludere che è politicamente motivato “Le ispezioni delle navi delle ONG nei porti italiani sono lunghe e approfondite, concentrandosi interamente sull’individuazione di irregolarità per impedire alla nave di tornare in mare per salvare vive. Siamo di fronte a una realtà schiacciante: con le ONG umanitarie detenute, si continuano a perdere vite inutilmente nel Mediterraneo.

READ  Italia: Moonlight Eurostory vince Best Song 2021

Medici Senza Frontiere ha lanciato la nave di ricerca e soccorso Geo Parents a maggio. Questa nave è completamente attrezzata e certificata per svolgere operazioni di ricerca e soccorso, nel rispetto delle norme e dei regolamenti vigenti delle autorità marittime competenti.

SAR richiesto

Le squadre di Geo Parents hanno soccorso 410 persone dal 10 al 12 giugno, tutte con segni di estrema stanchezza e debolezza. 16 di loro erano donne, sei delle quali viaggiavano da sole e una era incinta, oltre a 101 bambini senza assistenza. La maggior parte delle persone proviene da paesi devastati dalla guerra come Siria, Etiopia, Eritrea, Sudan e Mali.

Mentre porgiamo le nostre condoglianze alle vittime dell’ultimo naufragio a poche miglia al largo di Lampedusa, dicono i rapporti di un altro naufragio dalla Tunisia, e i corpi di donne e bambini vengono lavati a terra in Libia. Nei sei mesi dall’inizio del 2021, almeno 721 persone sono morte o scomparse mentre cercavano di attraversare il confine marittimo più mortale del mondo.

Per tornare in mare il prima possibile, MSF presenterà un piano d’azione per sanare rapidamente le carenze segnalate dalle autorità italiane. Chiediamo l’immediata revoca del mandato di cattura della nave e stiamo valutando tutti i tentativi alternativi di contestare questo ordine.

Geo Parents è in mare da solo a causa dell’imbarazzante mancanza di capacità di ricerca e soccorso dei governi sul confine marittimo più mortale del mondo. Le nazioni europee hanno sostenuto la pericolosa guardia costiera libica e bloccato gli sforzi delle ONG per colmare il vuoto mortale lasciato dai governi europei. I medici senza frontiere torneranno in mare il prima possibile e adotteranno tutte le misure necessarie per salvare vite umane.

READ  Il ragazzo scampato all'incidente in funivia in Italia (5) ...

Rilasciare i genitori geografici, smettere di assistere la guardia costiera libica, indagine Respingimenti

Medicines Sans Frontiers chiede alle autorità italiane di rilasciare la sua nave di ricerca e soccorso, Geo Parents, in conformità con le procedure applicabili. I governi e le società europee devono porre fine al sostegno politico e materiale della Guardia costiera libica. Gli Stati membri dell’UE devono indagare con urgenza su tutte le accuse di sconti o altre entrate illegali. La guardia costiera libica, finanziata dall’UE, ha ripetutamente dimostrato che la loro capacità di condurre e coordinare operazioni SAR e il loro comportamento violento può essere pericoloso per la vita e persino fatale.