QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nefrologia – Dipartimento di Medicina Interna e Pediatria – Università di Gent

Attività di ricerca

Gli interessi di ricerca del Dipartimento di Nefrologia spaziano dalla ricerca di laboratorio alla ricerca orientata al paziente con un focus transitorio sulle malattie renali. Il nostro obiettivo finale è migliorare la qualità della vita e l’aspettativa di vita dei pazienti con malattie renali. Gli attuali interessi di ricerca includono il dosaggio di antibiotici nei pazienti in emodialisi, gli anticoagulanti nei pazienti in emodialisi, i big data, le tossine della polizia e il microbioma intestinale e le applicazioni della spettroscopia vibrazionale nelle malattie renali. Per raggiungere i nostri obiettivi, ci concentriamo su partnership nazionali e internazionali e sull’ottenimento di domande di sovvenzione.

progetti di ricerca

  • Malattia renale adulta/pediatrica: nei bambini con malattia renale cronica (SNC) sono state studiate varie condizioni di comorbilità e sono associate a tossine uremiche e del microbioma per migliorare la diagnosi e il trattamento del sistema nervoso centrale nei bambini.
  • Lo studio renale PHOENIX. Esercizio domiciliare e intervento sportivo dopo trapianto di rene: effetto dell’intensità dell’esercizio.
  • Dosaggio di antibiotici nei pazienti in emodialisi: sulla base dei dati clinici dei pazienti in emodialisi, sono in fase di sviluppo modelli farmacocinetici per un gruppo di antibiotici. I modelli convalidati vengono utilizzati anche per ottimizzare e personalizzare le dosi di antibiotici in questo gruppo di pazienti.
  • Anticoagulazione nei pazienti in emodialisi. La quantità di coagulante nelle macchine per emodialisi è determinata dalla scansione micro-TC dell’emodialisi dopo l’emodialisi. Questo metodo consente di confrontare la coagulazione tra diverse tecniche anticoagulanti e diverse tecniche di emodialisi ed emodialisi.
  • Intelligenza artificiale: c’è ottimismo ed entusiasmo diffusi sul fatto che l’adozione dei big data e delle tecnologie correlate cambierà radicalmente e migliorerà l’erogazione dell’assistenza sanitaria e il processo decisionale nel settore sanitario. Nel progetto qui presentato, esploreremo come l’utilizzo dei dati raccolti di routine possa davvero apportare benefici al processo decisionale sanitario. Per raggiungere questo obiettivo, esamineremo le questioni tecniche, legali ed etiche associate alla raccolta e alla compilazione dei dati, alla qualità dei dati e valuteremo come e in che misura questi dati possono essere trasformati in prove.
  • Biobanca Nier Gent: La prevenzione della malattia renale allo stadio terminale e la morbilità e mortalità associate alla malattia renale è un obiettivo importante nella ricerca sulla malattia renale cronica (SNC). È importante identificare biomarcatori o fattori coinvolti nella fisiopatologia del sistema nervoso centrale. A tal fine, nella biobanca registrata: “Biobank Nier Gent” vengono conservati campioni di diverso tipo (sangue, mantello, urina, liquidi, feci, unghie) provenienti da pazienti in diversi stadi del sistema nervoso centrale.
  • L’effetto dell’opacità semantica nella definizione di danno renale acuto nella modellazione predittiva: un’analisi dei big data.
  • Effetto di un microbioma modificante la malattia in un modello murino spontaneo di lupus eritematoso sistemico.
  • Tossine uremiche e microbioma intestinale: nel sistema nervoso centrale, molte tossine uremiche hanno origine nel colon e si legano alle proteine ​​circolanti, rendendo difficile la loro rimozione mediante il trattamento dialitico. Pertanto, affrontare la fonte primaria di queste tossine è fondamentale per le strategie di prevenzione nella fase iniziale. La comprensione delle reti metaboliche alterate associate alla produzione di tossine di polizia derivate dal colon nel SNC faciliterà l’uso di nuove strategie per mitigare la morbilità e ridurre la mortalità, inclusi fattori ambientali come la dieta e il microbioma intestinale.
  • Spettroscopia vibrazionale: la biospettroscopia consente l’identificazione dei principali cambiamenti biochimici nei tessuti associati a una specifica condizione di malattia, facilitando l’estrazione di biomarcatori e il rilevamento automatico delle lesioni principali. La spettroscopia a infrarossi e la spettroscopia Raman sono importanti tecniche analitiche, che richiedono costi ridotti, nessuna etichetta e una preparazione minima del campione. In questo argomento di ricerca, viene studiata la potenziale identificazione e quantificazione dei componenti biochimici nelle urine e nel sangue mediante spettroscopia vibrazionale in pazienti con malattia renale.
READ  L'esercizio migliora la funzione cerebrale nei pazienti con Parkinson

personale di ricerca