QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Nella politica della corona, la coercizione è meglio della coercizione, se i politici sono onesti”

In Germania il governo sta cercando di convincere i cittadini a mantenere le distanze, indossare mascherine e, soprattutto, farsi vaccinare. In Italia hanno un approccio completamente opposto. La Roma non ha cercato di convincere i cittadini, ma ha imposto loro misure contro il Covid-19. Germania e Italia sono i veri avversari in Europa. Dice ai cittadini tedeschi: ‘Abbiamo i vaccini e chi vuole essere vaccinato può farlo. Lo consigliamo. Ma se non ti piace, lo apprezzeremo. L’Italia è il primo paese in Europa ad avere un “pass verde”, un pass corona. Senza tale pass non puoi andare al lavoro o al ristorante. L’obbligo di vaccinare alcune industrie è iniziato anche in Italia.

Sentenza in Germania, coercizione in Italia. Fernando de Aniello, giurista italiano di Napoli, vive da molti anni in Germania. è affascinato Attraverso questi due estremi. Dal primo giorno dell’epidemia all’inizio del 2020 fino ad oggi, i tedeschi l’hanno gestita in modo completamente diverso dagli italiani. Inizialmente, la Germania ha affrontato bene l’epidemia, ma ora è il contrario e le infezioni sono molto meno comuni in Italia. Ma se rimarrà tale, D’Aniello dubita.

Perché gli atteggiamenti di questi due paesi sono così diversi?

“Perché il rapporto tra lo Stato e i cittadini è fondamentalmente diverso. In Germania, quel rapporto si basa sulla fiducia. I cittadini dicono: abbiamo un parlamento, abbiamo istituti di ricerca indipendenti pieni di esperti, abbiamo un governo – sanno cosa significa buon per noi. In una società del genere, relativamente molti cittadini seguono i consigli dei politici e del governo I cittadini in Italia non si fidano del governo e della classe politica. Dall’eruzione dei maggiori partiti politici nel 1992, quella speranza è stata ulteriormente erosa . Usi. Almeno fino ad ora. “

READ  Luglio - Festival Internazionale della Danza Bolzano Dansa

Questa differenza è culturalmente determinata? Vediamo la cultura protestante tedesca e la cultura cattolica italiana qui?

“Non ci credo. È più una questione politica. Riguarda la fede politica.

Nei paesi di lingua tedesca in Europa – Germania, Austria, Svizzera – il tasso di vaccinazione è basso. I paesi del nord come i Paesi Bassi non sono in testa. Come è successo?

“La Germania, la Svizzera e tutti questi altri Paesi stanno agendo in modo più deciso che persuasivo. Sfortunatamente, i politici e i dirigenti qui hanno commesso un grosso errore quest’estate: hanno detto che l’epidemia era finita, hanno detto che avremmo potuto vivere di nuovo una vita normale. Quindi alcune persone pensiero: vaccinateci.Non serve, la sofferenza è finita.Ora si scopre che non è vero.La gente è confusa, alcuni sono arrabbiati.Per quanto ho visto, questo sta accadendo in molti paesi del nord.

“Conosco molto bene la Germania e posso parlare meno per gli altri Paesi. Durante la campagna elettorale di agosto e settembre, quasi tutti i politici tedeschi hanno detto che i problemi erano finiti, le vaccinazioni ci proteggono bene e così via. Non ha partecipato solo la presidente Angela Merkel. L’influenza si sta erodendo e altri politici volevano ottenere voti e giocare con il bel tempo, ha detto poche settimane fa il ministro della Sanità Jens Spann. Sofferenza, Emergenza, davvero finita. La gente pensava: possiamo tornare alla nostra vecchia vita. Non osservavano la distanza, non indossavano maschere e alcuni pensavano di non aver bisogno di un vaccino. Ora è stato rivelato che questo è un atto completamente irresponsabile. L’epidemia tedesca sta crescendo rapidamente. Questo zigzag politico minaccia la salute pubblica. Fa arrabbiare le persone. Questo mina la loro fiducia nei politici e nello stato.

La stessa cosa è successa nei Paesi Bassi e in Austria. Il primo ministro Rutte e l’ex presidente Kurs hanno affermato che quest’estate possiamo vivere di nuovo normalmente. Ora tutti hanno i postumi della sbornia.

“In una società che ruota attorno alla consulenza e alla coercizione senza essere forzata dall’alto, il conflitto costante tra dirigenti e politici può essere disastroso. Ciò mina la convinzione politica che sta alla base della cultura del counseling.

Il forte shock dell’inizio dell’epidemia ha reso gli italiani molto cauti

È per questo che le persone in Austria sono passate dalla coercizione alla coercizione? Da questa settimana in poi solo chi non è stato vaccinato deve restare in casa.

“Non conosco abbastanza bene l’Austria per risolverlo, ma quello che sta accadendo lì mi sembra essere la prova che la fiducia tra il governo ei cittadini è stata gravemente danneggiata. La persuasione non funziona più bene”.

READ  Panico tra amici intorno al Lago Carta: l'olandese (22) ha navigato all'estero con la sua barca

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha detto che l’epidemia è finita quest’estate?

“No, assolutamente no. Ha sempre avvertito di una nuova ondata. Dice sempre che dobbiamo stare attenti, mantenere le distanze, indossare le mascherine. Ha introdotto nuove restrizioni quest’estate.

Se gli italiani non credono alla politica, perché gli obbediscono?

“Semplice: obbediscono perché l’Italia è stata gravemente colpita durante le prime ondate dell’epidemia. Nessuno voleva rivivere. Molti italiani sono stati in carcere per mesi. Chiamavo mia madre ogni giorno vicino a Napoli. Dovevo camminare a Berlino e vedere alcune persone. Non sono riuscito a uscire di casa per molti mesi. Il lock-up ha messo a soqquadro l’economia italiana, lasciando tutto piatto. Nessuno vuole che ritorni.

Il testo continua sotto la copertina.

È per questo che il numero di contagi in Italia è molto più basso che in Germania?

“Sì. La forte scossa del focolaio ha reso gli italiani molto attenti e molti sono stati subito vaccinati. Aiuta molto adesso. Si vede la stessa cosa in Spagna e Portogallo. Alcuni dicono: vedi, sono paesi cattolici. Ma io attenzione a quelle interpretazioni ‘culturali’. Semplice: gli alti tassi di mortalità dal 2020 ora tengono all’erta gli italiani, con morti in Italia due volte più alti che in Germania, e dopo tali atrocità, le persone hanno maggiori probabilità di essere vaccinate. In Germania, il 68 per cento sono stati vaccinati due volte, in Italia il 73 per cento e in Portogallo l’87 per cento.

Se seguiamo questa logica, il numero di persone vaccinate in Germania aumenterà notevolmente.

“Semplicemente ci è venuto in mente allora. C’è un autobus in un angolo della mia università per vaccinarti. Quell’autobus era lì quando c’erano solo le vaccinazioni. Poi è andato tutta l’estate. Ora ci sono di nuovo lunghe file. La gente aspetta per ore al freddo. La buona notizia: significa che molte persone vogliono vaccinarsi. I vaccini sono l’unico modo per sbarazzarsi del contagio”.

READ  Gli F-16 di Volkel si addestrano per due settimane in Italia, a bassa rumorosità nella regione | Con, Wegel et al

Che è meglio: coercizione o coercizione?

“Crimine! Non c’è bisogno di coercizione in democrazia. Allo stesso tempo, i politici devono essere onesti riguardo alla coercizione. Con il loro zigzag stanno distruggendo le basi stesse della fiducia nella democrazia. In questo modo contribuiscono alla polarizzazione della società. Nessuno sa da che parte sta.Così facendo, il governo, contro i vaccini, contro Offrono uno scopo aperto ai partiti contrari all’establishment, per fare campagna contro tutte le azioni dichiarate.

Insomma: se avete politici così, è meglio costringerli?

“Nota: non so per quanto tempo gli italiani obbediranno al governo! La Lega di estrema destra è al governo, quindi a differenza dell’AfD tedesco, non è possibile attaccare il governo per le operazioni corona e trarne vantaggi politici, ma Non è chiaro quanto durerà questo governo, alcuni politici leghisti sono da soli, hanno avviato attività e si accaniscono contro pass verdi, vaccini e tutte le restrizioni.Sono sempre più numerose le manifestazioni in varie città d’Italia.

Ora l’Italia sta facendo meglio della Germania. Ma se me lo chiedi, avrebbe potuto essere diverso in sei mesi?

“Sì purtroppo.”