QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

New York perde un seggio al Congresso degli Stati Uniti a causa della sua piccola popolazione di 20 milioni | all’estero

Negli Stati Uniti sono stati pubblicati i risultati del censimento decennale, che ha portato anche a una parziale riclassificazione dei seggi alla Camera dei Rappresentanti. Ad esempio, lo Stato di New York sta perdendo uno dei suoi seggi perché aveva a malapena 89 individui nel censimento, su una popolazione totale di oltre 20 milioni.




La crescita della popolazione è continuata negli ultimi dieci anni, soprattutto negli Stati Uniti meridionali e occidentali. Alla fine dell’ultimo decennio, la popolazione dello Utah è aumentata del 18,4% rispetto al 2010. La popolazione si è ridotta, soprattutto nel nord-est e nel Midwest. Persino il West Virginia a est aveva una popolazione del 3,2% più piccola, il calo maggiore.

Il censimento è di grande importanza politica: 435 seggi alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti vengono distribuiti ogni dieci anni in base alla popolazione in ciascuno dei 50 stati. I paesi con una crescita demografica elevata hanno maggiori possibilità di assicurarsi uno o più seggi, a scapito dei paesi con una crescita bassa o addirittura in calo della popolazione.

New York, Illinois, Michigan, Ohio, West Virginia e Pennsylvania perderanno seggi quest’anno. Anche il più grande stato della nazione, la California, sta perdendo un seggio per la prima volta nella sua storia. Florida, North Carolina, Colorado, Montana e Oregon hanno vinto uno, e il secondo stato più grande del Texas ha vinto altri due.

In alcuni stati, i risultati sono stati particolarmente limitati: New York, il quarto stato più grande degli Stati Uniti, avrebbe tenuto la sua sede se il censimento di aprile dello scorso anno non avesse superato le 89 persone, secondo l’US Census Bureau. Il Minnesota avrebbe invece dovuto rinunciare a un posto.

READ  Morte dell'ex senatore degli Stati Uniti John Warner, 94 anni, e dell'ex Elizabeth Taylor | all'estero


Repubblicani

Secondo i politologi, i nuovi risultati del censimento potrebbero rendere più facile per i repubblicani riprendere il controllo della Camera dei Rappresentanti l’anno prossimo. Stati repubblicani come il Texas e la Florida hanno vinto seggi lì, a scapito degli stati di mentalità democratica.

331,5 milioni di persone

I risultati mostrano anche che la crescita della popolazione negli Stati Uniti è rallentata in modo significativo negli ultimi dieci anni. La popolazione degli Stati Uniti era di 331,5 milioni al 1 aprile 2020. Questo è il 7,4% in più rispetto al 2010, ma nell’ultimo decennio la popolazione americana è aumentata del 9,7%. È anche la seconda crescita della popolazione più debole da quando gli Stati Uniti hanno iniziato a condurre censimenti sistematici nel 1790. Solo tra il 1930 e il 1940, durante la Grande Depressione, la crescita è stata del 7,3% più debole rispetto al decennio precedente.

All’inizio dell’ultimo decennio, gli Stati Uniti erano ancora alle prese con le ricadute della crisi finanziaria. Il tasso di natalità è diminuito e molti messicani decidono di tornare a casa. Il presidente Donald Trump è tornato in carica nel 2017. Ha rallentato l’immigrazione legale e ha fatto tutto ciò che era in suo potere per combattere l’immigrazione illegale.

Persone per le strade di New York. © AP