QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Niente più aree verdi in Spagna, Catalogna e Valencia…

La Catalogna, l’Aragona e la regione di Valencia sono diventate rosse sulla mappa del Centro europeo per il controllo delle malattie, ECDC. Il governo belga adotta questi codici colore, che hanno conseguenze per i viaggiatori di ritorno. Ora che anche la Galizia e le Isole Baleari sono arancioni, la Spagna non ha più una sola area verde. Anche Cipro si tinge di rosso.

La scorsa settimana, La Rioja, Castiglia La Mancia e l’Andalusia sono già diventate rosse. Affinché l’ECDC possa colorare di rosso un’area, deve avere un tasso di incidenza compreso tra 75 e 200 infezioni per 100.000 abitanti entro due settimane e un tasso di positività del 4% o più. L’area diventerà rossa anche se il tasso di infezione è superiore a 200 infezioni per 100.000 abitanti ma inferiore a 500. Se il tasso di infezione è superiore, il codice colore è rosso scuro, ma questo è solo il caso della Guyana francese.

(Leggi di più sotto la foto)

Ultima combinazione di colori europea a partire dal 1 luglio 2021
Foto: ECDC

La modifica dei codici colore può avere conseguenze spiacevoli per i viaggiatori di ritorno da quelle zone. Il rientro dalla residenza in zona rossa deve mettersi in auto-quarantena per dieci giorni e fare due test PCR. Questa quarantena può essere interrotta il settimo giorno se il secondo test PCR risulta negativo. Il governo non accetta sempre un aggiornamento della mappa del centro fino al lunedì successivo.

In altri paesi europei, la tendenza sulla mappa dell’ECDC è più positiva. In Grecia e nei Paesi Bassi, le regioni sono tornate verdi. Francia, Danimarca e Italia sono ormai completamente green.

READ  Blinken chiede una soluzione a due stati l'unica opzione in Israele: 'i palestinesi meritano uno stato'

Leggi anche.La variante delta avanza ovunque: “L’Europa si considera ricca molto presto” (+)