QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Non c'è né più né meno morte a Gaza” – Songfestival.be

“Non c'è né più né meno morte a Gaza” – Songfestival.be

Menzioni del primo ministro e ministro della Cultura fiammingo Jan Jambon In una certa misura, in una certa misura Il fermento intorno a Israele all'Eurovision Song Contest 2024 “Non un problema”. Secondo il leader della N-VA non c'è nulla di politico nella partecipazione del Paese. Ciò è contraddetto dal commentatore dell’Eurovision Song Contest Peter van de Veer: “L’Unione europea di radiodiffusione deve riconoscere gli strati politici dell’Eurovision Song Contest”.

Jean Jambon risponde in una email In una certa misura, in una certa misura Intervista radiofonica al recente Eurovision Song Contest. Molti politici in patria e all’estero hanno fatto sentire la loro voce riguardo alla presenza israeliana. Uno è a favore e l’altro è fortemente contrario.

alcuni politici, Anche all'interno di N-VAHa anche chiesto un voto diffuso a favore di Eden Golan.

Ciò non fa altro che aggiungere un’ulteriore carica politica al precedente Eurovision Song Contest. Qualcosa su cui il ministro fiammingo della Cultura Jambon non è d'accordo:

Ha aggiunto: “La partecipazione di Israele non è un problema. Naturalmente il rumore non è mancato a nessuno, ma questo non mi tiene sveglio la notte. La politica non ha nulla a che fare con l’Eurovision Song Contest, bisogna separarlo. Israele invia canzoni al festival da più di 50 anni. Che questo cantante canti o meno, a Gaza non ci saranno né più né meno morti.

“I fiamminghi hanno deciso”

Nonostante la mobilitazione nazionale (e internazionale) per votare per Israele, Jan Jambon ritiene che i fiamminghi abbiano votato soprattutto per la canzone israeliana. «Devi andare lì Nessuna politica dichiarazione “Guarda”, dice.

READ  Il direttore della KVS in conflitto con Vlaams Belanger: "Non avrebbe mai dovuto far parte del consiglio d'amministrazione"

“La politica gioca un ruolo”

Peter van de Veer, presentatore, tra gli altri Eurocanzone Chiaramente il commentatore la pensa diversamente. Ha anche presentato una risposta In una certa misura, in una certa misura:

“L’Eurovision Song Contest non è mai stato apolitico. Piuttosto, è nato da motivazioni politiche, per riunirci di nuovo. Non è consentito eseguire canzoni o messaggi politici, ma l’Unione europea di radiodiffusione deve riconoscere gli strati politici dell’Eurovision Song Contest. Israele non aveva una canzone Bad, ma molte persone hanno votato per quel paese in segno di protesta.

Secondo Peter si tratta dell'Eurovision Song Contest, soprattutto dell'organizzatore L’Unione europea di radiodiffusione è in crisi. “Oltre a Israele, c’è questo dibattito su Joost Klein. Era davvero necessaria questa decisione estrema di escludere i Paesi Bassi?

C'era poco da fare Nessuna comunicazione di crisiAnche noi commentatori non siamo stati informati di nulla. L’EBU tiene tutte le porte chiuse. “Non mi sorprenderei se i membri del consiglio si dimettessero”, dice Peter in un video di risposta.

La tempesta non si placherà

La calma dopo la tempesta, ha portato i Paesi Bassi all'Eurovision Song Contest dieci anni fa. Ciò attualmente non si applica al temporale durante il festival di sabato.

Ad esempio, i media svedesi sono stati coinvolti nelle indagini su Jost Klein, le emittenti hanno continuato a criticare l’EBU e alcuni artisti hanno condiviso i loro sentimenti “dolorosi” dopo il ritorno in patria.

L'Unione europea di radiodiffusione rilascia una dichiarazione dopo che le emittenti hanno criticato Eurovision 2024