QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Non è un caso che ci sia permesso di mostrare ora”

La nuova stagione della moda ha preso il via la scorsa settimana a Firenze con Pitti Uomo. Il designer belga Jan-Jan Van Esche ha avuto molto successo al suo debutto, ma anche gli inglesi Martin Rose e Chateau Orlando hanno fatto una buona impressione. Chi sono questi designer e perché dovrebbero essere ricordati?

1. Debuttante esperto: Jan-Jan van Esse

«La gente di Pitti ci segue da molto tempo – dice Jan-Jan van Esche, che ha fondato la sua etichetta tredici anni fa – Quello che mi hanno chiesto ora sembra una decisione ponderata e consapevole. È coerente con il nostro modo di lavorare, lento ma costante. Non facciamo niente finché non siamo pronti. “Quando finalmente sono tornato a Parigi l’anno scorso con Pietro (La sua vita e socio in affari, ed.) ha sentito qualcosa nell’aria. Una settimana dopo abbiamo ricevuto la domanda da Pitti.

(c) Vanni Bassetti

“Quindi questa è la nostra prima sfilata. Abbiamo presentato la nostra collezione in uno showroom, a margine della settimana della moda di Parigi. Durante la pandemia, abbiamo iniziato a fare film perché volevamo mostrare ai nostri clienti i vestiti in movimento. Abbiamo realizzato cinque film in un periodo di tre anni, e poi una squadra che è diventata una famiglia, noi crediamo l’uno nell’altro e quel gruppo ha anche aiutato lo spettacolo.

Von Esche ha chiamato lo spettacolo “Rite”, “dopo lo spettacolo di Pina Bash che ho visto l’anno scorso”. È stata una sfilata totale in tre puntate: una sfilata piuttosto classica; un pezzo coreografato da Sidi Larbi Cherkaoui con sei ballerini; Un ‘tableaux vivant’ per quadri nel giardino recintato del 13Ildel monastero di Santa Maria Novella del secolo e un concerto all’aperto del suonatore di taiko giapponese Tsubasa Hori.

Jan-Jan van Esse a Pitti Umo
(c) Vanni Bassetti
Enorme successo

Due terzi della collezione erano i “grandi successi” di Van Esche, a volte in nuovi tessuti. Andava bene: lo stilista non si preoccupa comunque delle tendenze. Segue la sua strada, a modo suo e al suo ritmo. È stato ammirato per anni dal pubblico mainstream, ma ora è pronto per un riconoscimento più ampio. La performance al Pitti è stata una pietra miliare nella sua carriera. “Non sono un uomo di molte parole”, ha detto. “Sono curioso delle reazioni.”

READ  Incidente minibus in Italia: un morto e 28 feriti

Non è un caso che oggi Jan-Jan von Esche sia chiamato per Pitti Umo. I suoi modelli si adattano perfettamente a un’epoca in cui le persone pensavano così profondamente a dove dovrebbe andare la moda. Progetta lentamente. Non è un designer coerente, o almeno non lo mette in mostra, ma è onesto e presta molta attenzione al mestiere. È uno stilista maschile, ma metà della sua collezione viene acquistata e indossata da donne. È anche degno di nota a questo proposito che la famosa modella belga Christina de Koninck sia stata una volta una musa ispiratrice di Martin Margiela. Anche la recitazione è molto diversa.

Jan-Jan van Esse a Pitti Ulmo
(C) Vanni Bassetti sul palco prima della sfilata del designer Jan-Jan van Esche
Jan-Jan van Esse a Pitti Umo
L’andamento dello spettacolo è particolarmente vario (c) Vanni Bassetti

2. Un beniamino del pubblico che rende l’alta moda accessibile: Martin Rose

Martine Rose, come Jan Jan Van Essche, non è estranea. Negli anni è stato uno dei designer londinesi più interessanti, disegnando capsule collection per marchi giganti come Nike (alcuni anni erano famose le sue sneakers Pink Monster), Ugg, Napapijri e, più recentemente, Tommy Hilfiger e Demnas. Braccio destro, ha definito il guardaroba maschile di Balenciaga – ha lavorato per la maison francese per tre anni. Martin Rose è qualcuno che si rivolge a un pubblico più giovane Bambini di città E hanno un dito su quello che sta succedendo. È indipendente, realistica e onesta. Qualcuno che può vendere le proprie convinzioni a marchi come Nike rende la sua moda accessibile attraverso tali collaborazioni. Cioè, soprattutto nell’alta moda, non è facile. Non era stata mostrata fuori Londra fino a ieri sera.

La sfilata di Martin Rose a Pitti Umo, Italia
(c) Martin Rosa

“Non mi sentivo completamente a mio agio”, ha detto nel backstage. “Sono fuori dalla mia zona di comfort e mi rendo conto che è un bel posto dove stare, ma al momento sono un po’ spaventato. E anche molto eccitato. È il mio primo spettacolo fuori Londra in quindici anni. La prima domanda che ho mi sono chiesto era: come si fa quello che si fa di solito a Londra, e come lo si porta a Firenze? Volevo aggiungere allo spettacolo la storia e la cultura di Firenze e dell’Italia in generale. È una città bellissima: ce ne sono tante opportunità di vederli come una specie. Sfondo usare Ma volevo immergermi un po’ di più e affrontare Firenze in modo vero, autentico.

READ  Quali sono le condizioni per l'ingresso come turisti in Francia, Spagna, Italia o Grecia?

“Ho voluto rendere omaggio alla gente del posto. Per questo stiamo scegliendo tanti italiani comuni e meno comuni: ragazzi e uomini che lavorano nei bar, venditori del mercato coperto che abbiamo scelto come location. Ci sono anche attori dal Calcio Storico, una tipica versione fiorentina e medievale del calcio, e siamo a Londra, abbiamo portato anche degli amici da lì.

Martin Rose in Pitty Umo
(c) Pitti Yumo
Inno alla cultura del club

Italiana anche la colonna sonora: un omaggio all’Italo House e alla New Wave italiana degli anni Ottanta, “un genere che ha influenzato la dance music mondiale”. Guarda alla cultura, insiste, “nel senso più ampio”.

“Avevo già iniziato la collezione quando Pitti me lo ha chiesto. L’essenza della collezione, sono io. Ma guardando indietro vedo alcune influenze italiane nei vestiti. Quella squallida club culture italiana, forse. E l’Italia è anche la culla della moda maschile.

“Le persone sono la mia passione principale”, ha aggiunto Ross. “Mi piace incontrare persone, conoscere persone, capirle. Credo nella vita di tutti i giorni, nelle cose ordinarie, ordinarie. In questo l’Italia è molto diversa dalla Gran Bretagna. Certo c’è una barriera linguistica, ma è va oltre. Per me è molto speciale. È stata un’esperienza. I casting di strada a Londra sono comuni. Ma almeno sono entusiasti ed entusiasti. Quasi tutti quelli che abbiamo contattato volevano partecipare.

3. Nuovo arrivato colorato: Chateau Orlando

Chateau Orlando è un marchio di moda fondato lo scorso anno dal giovane illustratore e decoratore britannico Luke Edward Hall. Ha mostrato la sua quinta collezione a Pitti (titolo: ‘Storm Prince of the Old Cornish’), ma questa è stata la sua prima presentazione, che ha detto è stata ispirata dal suo giardino. C’erano enormi mazzi di rose e tipici panini inglesi ripieni di piselli.

READ  I musei della moda in Italia meritano una visita

“Volevo creare un’etichetta che rappresentasse ciò che riguarda il mio altro lavoro: colore, forme, stampe. Amo i vestiti vintage, allegri e sicuri di sé. Amo mescolare e abbinare. Amo le stampe, i toni forti, ma anche i motivi classici. Abbiamo iniziato l’italiano un anno fa. Abbiamo iniziato con un socio in affari. Mi interessano le storie. C’è una storia dietro ogni collezione. L’estate scorsa parlava dell’Italia degli anni Ottanta. La collezione che presentiamo qui, per il prossimo inverno, è una ‘immersione profonda’ in Cornovaglia Sono ispirato dai miei interessi come i libri, la natura, la mitologia, i viaggi.

Chateau Orlando a Pitti Uomo
(c) Pitti Yumo
Cornovaglia Cor

In Cornovaglia, nell’estremo ovest dell’Inghilterra, Hall ha trascorso un’estate “da solo, in un cottage, una conchiglia di mare. Mi sono immerso nella cultura del paese. Le storie sono Meraviglioso: mostri marini, draghi, figure speciali. Senti una specie di magia mistica. È lì Celeste, molto speciale. L’ispirazione della Cornovaglia si trova nella maglieria e negli accessori. Ma la tavolozza dei colori vivaci è il mio contributo.

Da dove viene il nome Chateau Orlando? “Ho messo insieme le parole che mi sono piaciute o che hanno catturato la mia fantasia. E Chateau Orlando è stato davvero bravo. Orlando (Virginia Woolf, ed) è uno dei miei libri preferiti. Aggiungendo “Chateau”, viaggi automaticamente indietro nel tempo. Chateau Orlando potrebbe essere un hotel nel sud della Francia negli anni ’70 o una discoteca a West Hollywood negli anni ’80. Vorrei che significasse qualcosa. Chateau Orlando ha un bell’aspetto, mi ha scritto qualcuno, e può essere scientificamente provato in qualche modo.

Cos’è Pitti Uomo?

Pitti Uomo, tradizionalmente dedicato al menswear, si differenzia dalle consolidate settimane della moda di Milano e Parigi per essere prima di tutto – ma importante: una gigantesca area espositiva con centinaia di stand, dove sono presenti griffe da tutto il mondo. le loro collezioni a buyer e giornalisti di ogni dove. Con intere sezioni dedicate ai brand classici, ma anche stanze dallo stile outdoor, e questa volta anche un padiglione dedicato all’abbigliamento e agli accessori per cani. Inoltre, ogni stagione ha un programma collaterale che include esibizioni e presentazioni di designer ospiti. A volte si tratta di nomi affermati, ma a volte anche di talenti emergenti. Pitti ha anche un legame speciale con la moda belga. Da Ann Demulmeester e Dries van Noten a Haider Ackermann a Raf Simons. Sono stati tutti lì. Questa volta l’attenzione si è concentrata sul designer di Anversa Jan-Jan van Esche, che ha organizzato una sfilata per la prima volta da quando ha fondato la sua etichetta.

A seguire: la settimana della moda a Milano

La carovana della moda si sposta oggi a Milano, dove Gucci aprirà la seconda parte della stagione della moda maschile. Domani ci saranno le sfilate di Dolce & Gabbana e altri, e domenica sarà la volta di Etro, Prada e JW Anderson. La giovane guardia era rappresentata da Magliano, JordanLuca e dal britannico Charles Geoffrey Loverboy, tutti designer di talento.

Per Gucci è stato un momento importante: la prima sfilata dedicata all’uomo da anni, ma soprattutto la prima dall’addio del direttore creativo Alessandro Michele. Non ha ancora un successore (la collezione è disegnata dallo studio. Non vediamo l’ora di sapere se Gucci sta andando nella stessa direzione in termini di stile o qualcos’altro si sta evolvendo. Secondo le voci, uno sforzo è stato realizzato per concentrarsi sugli accessori classici dell’etichetta e rendere Gucci più un marchio di lusso.

Nel frattempo, Louis Vuitton, che sfilerà a Parigi la prossima settimana, non ha successore del compianto Virgil Abloh. L’azienda ha un nuovo amministratore delegato, Pietro Beccari, che fino ad ora era a capo di Dior. Questa è la prima sfilata maschile di Vuitton non ispirata all’eredità di Abloh. Vi ha contribuito Colm Dillane della tanto discussa giovane etichetta americana Kidsuper, è stato annunciato la scorsa settimana. Sarà nel calendario della moda la prossima settimana. Come già annunciato, ci sono “apparizioni da ospite” del pugile Mike Tyson e dei comici Jeff Ross, Stavros Halkias e Andrew Schultz. Dillane diventerà il direttore creativo permanente delle collezioni maschili di Vuitton? Ci sono ancora stilisti come Martin Rose o Samuel Rose? aspettare Ma sarà sicuramente una stagione entusiasmante, piena di cliffhanger e colpi di scena inaspettati.