QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Non iniettare Vaxzevria in pazienti con sindrome da perdita capillare sistemica

Le persone con la sindrome da perdita di capillarità sistemica (SCLS) malattia molto rara non devono essere iniettate con Vaxzevria, il vaccino contro il coronavirus di AstraZeneca. Questa grave malattia è elencata come controindicazione e come nuovo effetto collaterale nel foglio illustrativo del vaccino. Molto raramente, è stata segnalata SCLS nei primi giorni dopo le iniezioni di Vaxzevria. In alcuni casi c’era una storia nota di SCLS. Una persona è morta.

SCLS è una malattia rara in cui il fluido fuoriesce dai capillari. Ciò porta a bassa pressione sanguigna, gonfiore soprattutto alle braccia e alle gambe, aumento della viscosità del sangue e diminuzione dei livelli di albumina sierica (una proteina nel plasma sanguigno). Si stima che si verifichi un caso in più di 5 milioni di iniezioni di Vaxzevria.

Consigli per i pazienti

  • Hai mai avuto la sindrome da perdita capillare sistemica (SCLS)? Quindi non ti è permesso fare un’iniezione di Vaxzevria, il vaccino contro il coronavirus di AstraZeneca.
  • Le è stato iniettato Vaxzevria e ha manifestato uno o più dei sintomi descritti di seguito nei pochi giorni successivi all’iniezione? Quindi cercare immediatamente assistenza medica. Questi disturbi sono spesso accompagnati da una sensazione di vertigini (dovuta all’ipotensione):
    • Gonfiore rapido alle braccia e alle gambe
    • aumento di peso improvviso

Consigli per gli operatori sanitariقدم

  • Il paziente ha una storia nota di SCLS? Non vaccinarlo con Vaxzevria.
  • Hai punzecchiato qualcuno con la phaxepheria? Quindi osserva i sintomi di SCLS.
  • La diagnosi e il trattamento tempestivi sono importanti nella SCLS. Di solito è necessaria una terapia di supporto intensiva.

lettera informativa sui rischi

AstraZeneca ha inviato una lettera al riguardo, chiamata Direct Healthcare Professional Contact (DHPC). In consultazione con il Ministero della Pubblica Istruzione e l’Ispettorato della Salute e della Gioventù (IGJ), il DHPC è stato inviato ai seguenti operatori sanitari (in formazione): medici GGD, medici di base, medici di case di cura, medici aziendali, psichiatri/medici in salute mentale, internisti e psichiatri Specialisti in pronto soccorso e terapia intensiva, cardiologi, farmacisti ospedalieri e farmacisti di comunità (compresi i pazienti ambulatoriali).

READ  "Olandese, attenzione in vacanza"

L’identificazione e l’analisi degli effetti collaterali durante l’intero ciclo di vita del farmaco è chiamata farmacovigilanza o farmacovigilanza. Questo è un compito essenziale del consiglio di amministrazione del Medio Oriente. In caso di problemi di sicurezza urgenti e/o importanti, i professionisti medici vengono informati dal DHPC.

documenti

Autore: Drug Evaluation Board

Il comitato di valutazione dei medicinali (MEB) valuta e monitora l’efficacia, i rischi e la qualità dei medicinali per l’uomo e gli animali. MEB valuta anche la sicurezza di nuovi alimenti per l’uomo.