QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Non perseguire il bambino di 6 anni che ha sparato a un insegnante in una scuola americana |  al di fuori

Non perseguire il bambino di 6 anni che ha sparato a un insegnante in una scuola americana | al di fuori

Il bambino di 6 anni che ha sparato al suo insegnante in una scuola elementare a Newport News a gennaio non dovrà affrontare il processo. L’insegnante di 25 anni ha riportato ferite alla mano e alla parte superiore del corpo durante la sparatoria. Secondo la polizia, “non c’è stato alcun incidente”.

Lo ha detto mercoledì il procuratore generale della Virginia, Howard Gwin, in un’intervista a “NBC News”. Trova “problematico” perseguire un bambino di quell’età. Gwin ha affermato che la legge non supporta l’accusa e la condanna di un bambino di 6 anni.

Secondo l’avvocato dell’insegnante, il giorno prima ha punito la bambina per averle fatto danneggiare il telefono. Poi il ragazzo ha portato la pistola di sua madre a scuola e ha sparato proprio durante le lezioni. Di conseguenza, è stato arrestato e temporaneamente collocato in un istituto. L’insegnante è stato in ospedale per più di una settimana dopo la sparatoria.

Il preside e il vice preside del distretto della scuola elementare sono stati uccisi dopo la sparatoria. Altri insegnanti hanno raccontato di essersi lamentati più volte del comportamento del ragazzo. Avrebbe agito in modo aggressivo diverse volte. Inoltre, il giorno della sparatoria, il personale scolastico ha riferito che il bambino di 6 anni potrebbe avere una pistola. La scuola ha dichiarato che la borsa del bambino è stata controllata, ma non è stata trovata alcuna arma.

disabilità fisica

Secondo i suoi genitori, il ragazzo aveva una disabilità ed era quindi sempre accompagnato a scuola da un genitore. La famiglia ha dichiarato in una dichiarazione che il giorno della sparatoria sarebbe stata la prima settimana senza la presenza di un genitore.

READ  I festival in Australia sono stati rinviati o cancellati a causa dell’ondata di caldo

La pistola è stata ottenuta legalmente, chiusa a chiave e conservata sullo scaffale più alto dell’armadietto di sua madre. Secondo il Pubblico Ministero, il Pubblico Ministero sta ancora indagando sulla possibilità di perseguire gli adulti coinvolti, come la madre.