QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Non sottovalutare l’aborto Contatto medico

La ginecologa Mariette Goodden (Amsterdam UMC) afferma che dovrebbe essere prestata maggiore attenzione scientifica agli aborti spontanei. Ad esempio, per prevedere meglio la possibilità di una gravidanza a termine. E per ingrandire.

Non si sa, infatti, quante gravidanze finiscono in aborto spontaneo, ma non sempre le donne ne informavano il medico in seguito. Anche la registrazione non viene sempre eseguita. Ma si stima che una donna su dieci lo sperimenterà durante la sua vita. Alcuni di loro anche più volte. La ginecologa Mariette Godden, professoressa di medicina riproduttiva all’UMC di Amsterdam, lavora su questo argomento da anni e dice che il consiglio più importante dei medici è: “ Non sottovalutare. Le donne vogliono sentire dai loro medici che sanno quanto può essere pericoloso un aborto spontaneo. Non tutti hanno davvero bisogno di un aiuto professionale nel trattamento, ma comprendere l’effetto è importante, come sappiamo dalla ricerca sui pazienti.

Goodden ha contribuito con due articoli nella sua serie di articoli Il bisturiIn cui esperti di tutto il mondo descrivono ciò che è attualmente noto sui fattori che causano aborti spontanei (multipli), i modi per prevenirli e quale approccio ragionevole e fattibile può essere per le donne che hanno avuto più aborti spontanei. La serie presta grande attenzione ai problemi nei paesi meno ricchi, dove i problemi di salute più urgenti spesso hanno la precedenza sugli aborti spontanei. Mentre in diverse parti del mondo le donne ne soffrono di più, ad esempio a causa di uno status inferiore se hanno pochi o nessun figlio.

Ma c’è ancora molto da migliorare nei Paesi Bassi, afferma Goodden: “Per quanto mi riguarda, lo sviluppo di un modello di previsione ha la priorità. Un modello di previsione dinamico, in cui possiamo fornire alle donne che hanno avuto un aborto spontaneo una stima di la possibilità di una gravidanza completa in seguito in base a fattori. “Rischio. Ne sappiamo qualcosa, ovvero che c’è una buona probabilità. Ora forniamo una stima approssimativa basata sugli aborti passati e sull’età della donna, ma tu vorrebbe fornire una diagnosi più personalizzata e consigli sul trattamento. Idealmente, potresti creare un record di aborto spontaneo per questo, simile Ad esempio, Perined. Goddijn: “Ma questo richiede molto impegno e mi aspetto che possiamo anche ottenere tale conoscenza di un modello di previsione dai dati di base della consulenza sull’aborto. Dobbiamo fare una ricerca adeguata in questo.

READ  Malattie muscoloscheletriche I Paesi Bassi pagano volentieri la terapia genica da SMA

La probabilità non diventa mai zero

Uno degli articoli è dedicato all’aborto spontaneo ricorrente. Ciò include una tabella che mostra quali test possono essere utilizzati per scoprire le cause degli aborti ricorrenti e se il trattamento è possibile. Per quanto riguarda quest’ultimo: “ Solo per gli anticorpi fosfolipidi, l’ipotiroidismo e la perdita di sangue all’inizio della gravidanza, sono noti trattamenti più o meno efficaci per ridurre il rischio di aborto spontaneo (rispettivamente: combinazione di aspirina ed eparina, levotiroxina e somministrazione vaginale di progesterone). Primo trimestre). Le possibilità non saranno mai zero: sappiamo che la metà di tutti gli aborti spontanei sono causati da anomalie cromosomiche fetali e non lo cambieremo nel prossimo futuro. Ma ci sono guadagni da fare nelle sottocategorie.

Per questo, secondo Godden, sarà essenziale acquisire maggiori informazioni sui processi biologici che circondano la fecondazione e la gravidanza. Inoltre, è possibile ottenere un profitto migliorando lo stile di vita. E: “Non hai figli troppo tardi. Potrebbe sembrare condiscendente e le circostanze dovrebbero consentire, ma la verità è che le donne con bambini di età compresa tra 20 e 35 anni sono le meno colpite da tutti i tipi di problemi legati alla fertilità, aborto spontaneo e gravidanza.



Leggi anche