QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nonostante leucemia e corona cronica, Lindsay de Grande sogna ancora Tokyo: “Senza il mio sport, il dolore è molto più forte” | Più sport

Più sport“È una lotta contro la birra di banchina”. Tuttavia, Lindsay de Grande non perde la speranza. Finché il cancello di Tokyo non sarà chiuso definitivamente, il 32enne continuerà a lottare per un biglietto olimpico, nonostante la leucemia cronica e la pandemia di coronavirus.




Huelva, Andalusia. Alla 16° edizione del raduno Iberoamericano, Lindsey De Grande taglierà il traguardo al 12° posto giovedì sera nei 1500m. Sono le 4:13.45. Il tempo in cui non si sentiva bene in dieci anni, dopotutto, il suo massimo è 4:09.20.

Solo nel 2011 le è stata diagnosticata la leucemia cronica e da allora nulla è stato dato per scontato. Non camminare affatto. Da allora la sua vita è stata dominata dalla sopravvivenza, alla ricerca del farmaco giusto che rendesse la sua quotidianità più sopportabile. Due anni fa, la leucemia è andata in “ibernazione”. Ogni tre mesi, Bruges, 32 anni, dovrebbe essere controllata con un piccolo cuore, nella speranza che le cellule tumorali non si “sveglino”.

In questo contesto, 4:13.45, il suo miglior crono in dieci anni, è un piccolo miracolo. De Grande: “Sto ancora tanto dolore e stanchezza e il mondo esterno probabilmente non capisce come posso correre in un momento del genere, ma senza il mio sport e l’adrenalina, i segnali di dolore sono molto più forti. non mi alzerei dal letto o dalla sedia.”

De Grande potrebbe essere gravemente malata, ma questo non significa che stia rinunciando ai suoi sogni. Come atleta in buona salute, il suo obiettivo era quello di essere un giorno nei giochi, e questo non è cambiato ora. “Anche se mi rendo conto che non sarà facile arrivare a Tokyo. Devo arrivare tra i primi 45 ma temo che il tempo stia per scadere. Anzi, devo sperare che gli atleti di altri paesi abbandonino o annullino per essere cacciato come riserva”.

READ  Fortunato sorpreso da Zonkolan, Bernal conferma ed Evinbol perde tempo | Giro d'Italia 2021

© BELGA

La pandemia di Corona non aiuta. Dal momento che gli atleti dilettanti in Belgio non sono autorizzati a competere in competizione – solo l’élite ha ottenuto questo permesso – De Grande ha dovuto andare alle riunioni straniere per raccogliere punti per la sua classifica. Tuttavia, non tutti gli organizzatori sono desiderosi di dargli un posto: proteggono gli atleti dal loro paese. Per De Grande si tratta di cercare sempre una partita, “provocando molto stress e ansia in cui devo investire molto tempo e denaro. Colgo ogni occasione che mi capita, anche se non sempre finisce bene .”

Ad esempio, De Grande è volata all’ultimo minuto a Manchester il 27 maggio, dove non ha potuto terminare la gara la sera perché era malata. Fortunatamente, le cose sono andate meglio a Huelva, anche se è andata in Spagna all’ultimo minuto perché non è stata accolta come dilettante all’incontro IFAM a Oordegem. “Non era il volo più economico, quindi sono contento che sia andato bene”, ha detto de Grande. “Faccio quello che posso fare da solo – lavoro part-time come fisioterapista e fornisco formazione online quando posso – ma devo ringraziare i miei genitori per aver continuato a sostenermi finanziariamente e anche mia sorella era disposta ad adattarsi. Anche se a volte mi è sembrato di lottare contro il banco della birra, non rinuncio alle speranze nei giochi”.

belga

© BELGA