QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nonostante l’immagine accuratamente coltivata dell’economia, le fortune di Windsor vacillano

La storia racconta che il nuovissimo re Carlo III quando era un ragazzino ricevette un rimprovero da sua madre dopo aver portato a spasso il cane. Quando tornò a casa in compagnia del suo amico a quattro zampe – che fosse un adorabile membro della famiglia della regina Elisabetta o Dorgis, raccontaci la storia – il principe ereditario perse il guinzaglio del suo cane. Sua madre disse a Charles di voltarsi immediatamente per cercare nella vasta tenuta di Sandringham, la casa di campagna del Norfolk Windsor. Gli strofinò il naso: “I guinzagli dei cani costano!”

La storia mostra le esigenze di carriera della schizofrenia nel settore in cui la famiglia da 28 miliardi di dollari – ecco quanto deve operare la fortuna di Windsor. Senza lo splendore dei castelli e dei gioielli della corona, poco resta ai reali della magia fiabesca della monarchia. Ma per non offendere i repubblicani, Carlo ei suoi compagni dovrebbero allo stesso tempo dare l’impressione che, nonostante i loro trenta difetti, seicento disegni di Da Vinci e ottocento uova di Fabergé, si prendano davvero cura dei piccoli.

Così Kate e William hanno comprato i mobili per la cameretta dei bambini da IKEA. La regina Elisabetta riscaldava il soggiorno del suo castello di Balmoral con un caminetto elettrico e un anno dopo la carta da regalo e i nastri dei regali di Natale ricevuti furono ammorbiditi e riutilizzati. Come la sua defunta madre, Charles detesta buttare via gli avanzi: dopotutto, puoi fare una grande torta da pastore con l’agnello arrosto avanzato il giorno successivo. Una delle sue giacche ricorda il tempo dei Beatles insieme, mentre il suo defunto padre, il principe Filippo, morto l’anno scorso, avrebbe indossato le stesse scarpe nere per 74 anni, anche se occasionalmente con la suola nuova.

immagine di risparmio

L’immagine accuratamente coltivata dell’economia dovrebbe nascondere quello che storicamente è stato un tallone d’Achille reale: il denaro, come ha scritto nel suo libro il giornalista David McClure recentemente scomparso. Il vero valore della regina (2020). Carlo I (1600-1649) finì sul patibolo per aver tentato di sfuggire al Parlamento per finanziare le sue guerre. L’olandese Willem III (1650-1702), re britannico dal 1689, riceveva denaro dal Tesoro solo se sottoposto alla Carta dei diritti, una costituzione quasi britannica. Il successivo Mad George III (1738-1820) sostituì i proventi dei suoi domini della corona con un’assegnazione statale annuale, ancora un’importante fonte di reddito per il capo di stato britannico.

Il principe Filippo provocò disordini alla fine degli anni ’60 quando si lamentò in televisione che i Windsor, nonostante la loro apparente ricchezza, erano così a corto di soldi che presto avrebbe finito i soldi per giocare a polo. Per il divertimento dei media, i portuali di Bermondsey si sono immediatamente offerti di passare la copertina e comprare a Prince un cavallo da polo.

Anche i numerosi privilegi fiscali della famiglia Windsor sono stati fonte di controversia nel corso degli anni. Ad esempio, dopo che una tenda ha preso fuoco vicino all’altare della cappella privata di Elisabetta al Castello di Windsor nel novembre 1992. L’incendio ha causato la distruzione del castello, con costi di riparazione di decine di milioni di sterline. L’opposizione in Parlamento ha rifiutato di passare il disegno di legge al contribuente fintanto che gli stessi Windsor non hanno pagato un centesimo di tasse e i tabloid hanno notevolmente alimentato il fuoco.

Aree della corona

Quello che quasi nessuno sapeva era che Elizabeth aveva già suggerito più volte dietro le quinte di iniziare a pagare l’imposta sul reddito sul proprio reddito. Quando il governo del Primo Ministro Major decise nel 1993 che la regina avrebbe dovuto effettivamente pagare l’imposta sul reddito, la sua attrezzatura per le pubbliche relazioni mancò un obiettivo aperto creando l’impressione che Elisabetta dovesse farlo.

Giugno 2022, sui gradini di Buckingham Palace.foto AFP

Anche il nuovo re Carlo è immediatamente preso di mira dopo che i domestici della sua ex casa londinese hanno informato Clarence House che fino a un centinaio dei loro posti di lavoro sono a rischio, in parte per il bene dell’economia. Il sindacato ha definito la lettera, nel mezzo di un periodo di lutto, “non meno che spietata”.

Sulla carta, le fortune di Carlo III sono così enormi che potrebbero rappresentare un enorme rischio di disastro pubblicitario, soprattutto in tempi di iperinflazione. Con il loro patrimonio netto stimato di $ 28 miliardi, “The Firm”, come si sono chiamati i Windsor dai tempi del vacillante Giorgio VI, dovrebbero avere solo pochi re, principi o sultani nell’emisfero orientale.

Con un valore di oltre 19 miliardi di euro, i domini della Corona britannica sono la risorsa commerciale più importante della famiglia reale. Le aree della corona includono, ad esempio, la parte del leone del fondale marino britannico. Coloro che puntano i piedi sulle spiagge di Brighton o Blackpool probabilmente non si rendono conto che la famiglia reale britannica possiede tutti i fondali marini intorno al Regno Unito attraverso i loro domini e ducati della corona fino a 12 miglia nautiche dalla costa. Una vena d’oro, visti i giacimenti di petrolio e gas del Mare del Nord e il proliferare di parchi eolici offshore. Ma una parte significativa della proprietà redditizia nel West End di Londra appartiene anche alla cosiddetta Crown Estate, oltre a centri commerciali, magazzini e aree industriali in tutto il Regno Unito.

ducati

Allo stesso tempo, Charles non può decidere da solo di vendere, ad esempio, l’intera costa britannica a un venture capitalist. Come re, in realtà è il presidente del consiglio che controlla le gamme della corona, ma non ha l’ultima parola sui loro pro e contro, e potrebbe non guadagnare nulla dalle vendite. Circa tre quarti delle entrate dei domini della corona – circa 363 milioni di euro quest’anno – vanno al Tesoro del Regno Unito. L’altro quarto, grazie all’insediamento del loro lontano predecessore Giorgio III, passa da una borsa di studio annuale, Sovvenzione sovranaDopo la famiglia più famosa della terra. La Casa di Windsor paga, ad esempio, i costi delle visite di stato, il mantenimento delle ville e gli stipendi della famiglia reale. Costi di sicurezza la famiglia realeche McClure stima in oltre 100 milioni di sterline all’anno, è a carico dei contribuenti, causando regolari disordini.

Altri due ducati affiliati a The Firm sono i Ducati di Lancaster (valore: circa 1 miliardo di euro) e Cornovaglia (1,3 miliardi di euro). Il Ducato di Lancaster, che sarebbe esente da tasse per Carlo dopo la morte di Elisabetta, comprende terreni agricoli nel Cheshire e nel Lancashire, proprietà commerciali a Londra e cave di calcare nel Galles. Attraverso la cosiddetta borsa privata, il reddito privato del monarca britannico dovuto principalmente al ducato di Lancaster, la regina Elisabetta ha raccolto circa 28 milioni di euro nell’anno finanziario prima della sua morte.

Il Ducato di Cornovaglia fu indebolito prima dell’intervento di Carlo. Guidato da “The Boss”, come lo chiama il suo staff, il ducato è diventato una macchina da soldi esentasse che porta ogni anno decine di milioni di euro per Charles e suo figlio William, anche grazie agli investimenti attraverso i paradisi fiscali in i Caraibi, come hanno mostrato i Paradise Papers del 2015. 2017. Le isole Scilly si trovano in gran parte sotto il Ducato, così come il campo da cricket di Londra The Oval, la prigione di Dartmoor e innumerevoli residenze, castelli e terreni agricoli nel sud-ovest dell’Inghilterra. Con Carlo sul trono, William è il nuovo capo del ducato.

ricchezza privata

Poi c’è la fortuna privata di Elizabeth. Le stime del suo valore vanno da 430 a 500 milioni di euro. Ciò include la ricchezza di Morale e Sandringham, che ha portato oltre 1 milione di euro in sussidi agricoli europei nell’anno prima della Brexit. Anche i gioielli di Elizabeth, la collezione di francobolli e la straordinaria collezione d’arte (vedi riquadro) È caduta sotto la sua stessa fortuna.

Quasi tutti questi tesori vengono trasferiti a Carlo esenti dalla tassa di successione. L’eccezione è il suo Welsh Corgis, l’adorabile cane da pastore dalle gambe corte di Elizabeth, che ha ottenuto una nuova casa con il principe Andrew. Il presunto molestatore sessuale, il duca di York, che è amico del defunto molestatore sessuale Jeffrey Epstein, sembra aver avuto abbastanza tempo per portare a spasso i cani dopo che gli è stata negata la compagnia.

Quattro capolavori della fortuna di Windsor

Francobolli “Ti è capitato di vedere sui giornali che qualche dannato stronzo ha pagato 1.400 sterline per un francobollo? “Il cavaliere Edoardo VII chiese al principe ereditario, poi re Giorgio V, nel 1904. E Giorgio rispose: ‘Ero quel dannato stronzo.'” “Per diciassette anni non ha fatto altro che uccidere animali e collezionare francobolli”, disse una volta di lui un diplomatico. Oggi la sua collezione, portata avanti a un livello leggermente inferiore da Giorgio VI ed Elisabetta, vale 115 milioni di euro.

arte “Non ha senso estetico – come ammetterà subito – quindi non si rende conto che sono tutti brutti dipinti”. La qualità estetica del resto della collezione, che comprende 7.000 dipinti, è buona: Cinquanta Canaletto, mezza dozzina di Rembrandt, due Caravagius e un Vermeer, solo per citarne alcuni.

macchine Il principe ereditario saudita Abdullah (1924-2015) è stato ospite a Balmoral nel 2003. Elizabeth pensava che sarebbe stato divertente guidare insieme nella sua Land Rover Defender, soprattutto perché le donne saudite non potevano guidare in quel momento. Elizabeth corse sul terreno accidentato di Balmoral così velocemente che Abdullah, tramite il suo interprete, la pregò di non premere l’acceleratore così velocemente. Oltre a numerosi veicoli Land Rover, la collezione comprendeva Elizabeth Bentley, Vauxhall Cresta e Rolls-Royce Phantom.

cavalli Elizabeth potrebbe essere meglio conosciuta per l’economia, ma aveva un hobby costoso: correre i cavalli. Al suo apice, spendeva circa £ 600.000 all’anno per addestrare trenta razze di razza. Ha vinto molti concorsi nel corso degli anni con i suoi cavalli, anche se è dubbio che il montepremi totale – circa 8 milioni di euro – superi le spese. Non è ancora chiaro chi erediterà i quasi cento Cleveland Bays, Windsor Greys, Queen Elizabeth e altri cavalli nobili.

READ  Bolsonaro dovrebbe proteggere gli indigeni dell'Amazzonia da ...