QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Novak Djokovic arrestato di nuovo, il presidente serbo arrabbiato accusa l’Australia di “aggressione”

Novak Djokovic, il tennista numero uno al mondo, è di nuovo in detenzione amministrativa sabato dopo che il governo australiano gli ha revocato il visto per la seconda volta il giorno prima. Gli atti del tribunale mostrano che Djokovic è in attesa di una sentenza del tribunale sul suo caso. Venerdì il presidente serbo Aleksandar Vucic ha criticato le autorità australiane su Instagram. Vucic ha accusato l’Australia di “offeso” il suo connazionale.

Martin Delvaux, Vincent van Genstenfonte: belga

Leggi anche. Quello che non sapevi su Novak Djokovic, tennista e antiparassitario nell’occhio del ciclone: ​​combattente da record e molto altro

Le autorità australiane hanno dichiarato in una dichiarazione alla giustizia che la presenza di Djokovic, che non è stato vaccinato contro il COVID-19 in Australia, “potrebbe alimentare il sentimento anti-vaccinazione”. Credono che i serbi dovrebbero essere espulsi dal paese.

Un rappresentante del governo australiano ha dichiarato venerdì in tribunale che il 34enne non sarebbe stato espulso fino a quando un giudice non avesse preso una decisione definitiva sulla sua richiesta di impedire l’espulsione. Tuttavia, ha sottolineato che Djokovic deve attendere questa decisione in custodia amministrativa.

Sabato mattina è previsto un incontro tra Djokovic ei servizi per l’immigrazione. Domenica, un giudice di Melbourne si pronuncerà sull’appello di Djokovic. Se il serbo non vaccinato ottiene ancora il via libera per rimanere in Australia, dovrà sfidarsi il giorno dopo al primo turno contro il connazionale Miomir Kekmanovic (ATP 78). Djokovic punta a vincere il decimo titolo dell’Australian Open. Sarebbe il suo 21esimo titolo del Grande Slam in totale.

READ  Guarda: L'attaccante dell'Atletico segna da centrocampo | Liga Santander 2021/2022

Djokovic è arrivato a Melbourne il 5 gennaio e inizialmente gli è stato rifiutato il visto. Ha poi trascorso diversi giorni in quarantena in hotel, dopodiché un giudice ha ordinato il suo rilascio immediato il 10 gennaio. Il ministro dell’immigrazione australiano è stato in grado di “rovesciare” quella decisione e lo ha fatto venerdì “sulla base dell’interesse pubblico”.

© AP

Il presidente serbo arrabbiato accusa l’Australia di “insultare” Djokovic

Venerdì il presidente serbo Aleksandar Vucic ha criticato le autorità australiane su Instagram. “Perché lo stai maltrattando? Perché non stai solo attaccando Novak, ma un’intera nazione?”

“Se volevi impedire a Novak Djokovic di vincere il suo decimo titolo a Melbourne, perché non lo hai ripreso? O perché non gli hai detto in anticipo che era impossibile ottenere un visto? Novak, siamo a posto il vostro lato.” Vucic ha supportato Djokovic dall’inizio del caso. Ha descritto il comportamento delle autorità australiane come una “caccia all’uomo politica” la scorsa settimana.

Nadal: L’Australian Open è più importante di qualsiasi giocatore

“L’Australian Open è più importante di qualsiasi giocatore”, ha detto sabato la star del tennis spagnolo Rafael Nadal. Così, ha inferto un duro colpo al suo rivale serbo, Novak Djokovic.

“L’Australian Open sarà un grande torneo, con o senza di lui”, ha detto il numero sei del mondo ai giornalisti al Melbourne Park, due giorni prima dell’inizio del Grande Slam.

Nadal ha detto di rispettare Djokovic “come persona, ovviamente, e come atleta senza dubbio”. “Lo rispetto molto, anche se non sono d’accordo con molte delle cose che ha fatto nelle ultime due settimane”, ha detto il 35enne spagnolo.