QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Novak Djokovic fa appello contro il rifiuto del visto australiano

Novak Djokovic riprende la sua espulsione dall’Australia. Al tennista serbo è stata concessa un’esenzione medica dall’Australian Open, ma non gli è stato permesso di entrare nel Paese a causa di problemi di visto.

Il numero uno al mondo Novak Djokovic (34) probabilmente non sarà in grado di difendere il suo titolo agli Australian Open. Il problema non è il suo rifiuto di farsi vaccinare, ma il suo visto. All’arrivo a Melbourne, è stato deciso che il suo visto di lavoro non consentiva un’eccezione medica e quindi non gli era permesso di entrare nel paese. Djokovic farà ricorso, ma non è certo se raggiungerà il suo primo major slam dell’anno.

Secondo il primo ministro australiano Scott Morrison, non c’erano già prove sufficienti dell’esenzione medica ricevuta da Djokovic. Ha anche sottolineato che “nessuno è al di sopra delle regole” e quindi il tennista non può essere escluso.

cattivo sangue

I serbi non dovrebbero aspettarsi aiuti politici. “Il governo federale ci ha chiesto di aiutarlo con la domanda di visto, ma non lo faremo”, ha affermato il Segretario di Stato per lo sport di Victoria, Gala Polford. “Siamo sempre stati chiari su due cose: l’approvazione del visto è una questione per il governo federale e le esenzioni mediche sono una questione per i medici”.

Il presidente della Serbia, Aleksandar Vucic, mercoledì ha provato a cambiare rotta. “Le molestie al miglior giocatore del mondo devono finire”, ha detto.

In Australia, il contrattacco di Djokovic non è stato comunque accolto a braccia aperte. Il mese scorso, il Paese ha implementato una politica di tolleranza zero per frenare la diffusione del coronavirus. Centinaia di militari sono stati dispiegati a Sydney a luglio per verificare il rispetto dei residenti per il blocco. A Melbourne, il blocco non è stato revocato fino a ottobre, 262 giorni dopo. La capitale, Canberra, è stata chiusa quando è stato registrato un solo caso di corona.

READ  Discussione sul calcio. Benteke in gol contro l'Arsenal - Slimani rinnova il contratto con il KV Kortrijk, diventa Van Handenhoven T2 | calcio

Diversi eventi sportivi sono stati cancellati, ma l’Australian Open ha avuto il via libera. Una condizione: tutti i partecipanti devono essere in grado di presentare un certificato di vaccinazione. Ma Djokovic è riuscito a aggirare il problema con un’esenzione medica. Di solito, viene concessa un’eccezione solo in caso di grave malattia cardiaca, malattia grave, recente infezione da corona o reazione allergica a un precedente vaccino. Non si sa perché a Djokovic sia stata concessa l’esenzione. Secondo gli organizzatori del torneo, un gruppo indipendente di esperti medici ha esaminato e approvato la domanda.

Molti australiani sono arrabbiati. ‘Che assurdo. Abbiamo attraversato sei blocchi, scuole e piccole imprese hanno chiuso, funerali e matrimoni sono stati cancellati e le famiglie vivono separate da mesi. E ora il tennista sta ottenendo un’esenzione”, ha twittato David Southwick, un politico dello stato di Victoria. “È un calcio nello stomaco per tutti i nostri residenti”.

Le immagini dei canali televisivi australiani hanno mostrato che Djokovic è stato portato giovedì in un hotel governativo per la quarantena a Melbourne. È arrivato mercoledì. Oggi un giudice ascolterà l’appello dei serbi.

Leggi anche