QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

NPO Start diventa un’opzione di visualizzazione accanto alla TV


NPO Start vuole diventare un’alternativa generica ad altri importanti servizi di streaming. “Dovrebbe essere più nei ritmi della visione e un’opzione in aggiunta ai normali canali TV”, afferma Mizen Danawy.

Introdotto NPO Start Manager e NPO Plus di recente Piano per il prossimo anno. Laddove inizialmente era un archivio di visualizzazione (Uitzender Gemist), ora si sta sviluppando in un canale a tutti gli effetti insieme a Internet e alla televisione. Con programmazione speciale.

Danawi afferma che ci saranno produzioni per la stampa più uniche. “Vedremo se puntatore da Internet per trasmetterlo e discuterne anche con altri editori.” Inoltre, ci saranno più fiction e realtà (come #chiasso o Au Pairs VIP) e documentari non televisivi. “L’anno scorso abbiamo dato una buona occhiata a ciò che è possibile fare oltre alla televisione con i nostri colleghi diretti. Sulla base della missione generale, stiamo iniziando con la storia e il pubblico. Stiamo guardando i gruppi target che stiamo raggiungendo in modo lineare , quali flussi e come possiamo colmare le lacune tra di loro.”

Solo storie di successo Mio padre è un cercatore di fortunaE il Persona più intelligente: tutte le stelle E il Omari. nessuna sciocchezza. “Lì abbiamo appreso che alcuni formati funzionano bene per le produzioni derivate. Ad All Stars, ad esempio, abbiamo pensato che fosse meglio mostrarli dal vivo durante il fine settimana. Abbiamo imparato da Salma Omary che puoi creare storie molto specifiche per un pubblico specifico. La trasmissione rimane fresca, quindi continueremo a provare. Abbiamo anche imparato che se trasmetti molto in streaming a casa, emergono modelli comportamentali a cui Start può quindi rispondere.

READ  Il North Sea Summer Festival organizza l'evento con posti a sedere: "All Signs are Green"

Ogni settimana 2,5 milioni di persone si rivolgono a NPO Start. Fino all’alone, prevaleva il gruppo di telespettatori dai 20 ai 34 anni. Dallo scoppio del virus, tuttavia, il suddetto gruppo, spettatori fino a circa 60 anni, utilizza regolarmente il servizio pubblico di streaming. Le persone avevano molto tempo ed erano alla ricerca di materiale visivo nuovo o sorprendente.

Nel prossimo periodo, Al-Danawi e il suo team si concentreranno principalmente sull’ulteriore miglioramento della tecnologia. “L’esperienza visiva e l’usabilità dovrebbero essere migliorate.” Ciò significa anche più opzioni per la personalizzazione. I primi segnali di questo rinnovo dovrebbero apparire alla fine di quest’anno o all’inizio del 2023.

immagine: rauca (Copia)