QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nuova epidemia di morbillo nella Repubblica Democratica del Congo: MSF aiuta a vaccinare e curare i bambini piccoli

Nella Repubblica Democratica del Congo, il numero di casi di morbillo è attualmente in aumento in molte province del Paese. Sebbene il morbillo sia facilmente prevenibile attraverso la vaccinazione, l’infezione rimane molto grave e persino fatale, soprattutto nei bambini di età inferiore ai cinque anni. Per proteggerli, i nostri team stanno ora conducendo campagne di vaccinazione di emergenza.

Nella Repubblica Democratica del Congo si verificano regolarmente focolai di morbillo. Con ogni nuovo focolaio, i nostri team nel paese cercano di aiutare con le campagne di vaccinazione. La campagna nella foto risale al marzo dello scorso anno nella provincia di Bas-Uyle. Il giovane Banienikwa Dieu Merci sta ricevendo qui la sua prima vaccinazione. © Bakum Pajula, 2021

Epidemie di morbillo in quasi tutte le parti della Repubblica Democratica del Congo

Più di 68.500 casi sospetti di morbillo e 1.002 decessi sono stati segnalati nella Repubblica Democratica del Congo da gennaio a metà giugno 2022, secondo il Ministero della Salute congolese. Questo è più del numero totale di casi in tutto il 2021. Sono state dichiarate 114 zone sanitario-epidemiologiche in 24 delle 26 province del Paese.

Il tasso di vaccinazione non è abbastanza alto

La regolare epidemia di morbillo nella Repubblica Democratica del Congo è in gran parte dovuta all’insufficiente copertura vaccinale. Tra l’altro, le lunghe distanze dai centri sanitari e la mancanza di fondi per il viaggio impediscono a molti genitori di vaccinare i propri figli. Anche l’ottenimento di vaccini in aree remote e il mantenimento della catena del freddo per garantire un’adeguata conservazione sono sfide logistiche importanti. Altri fattori includono lo sciopero degli infermieri da agosto 2021 a febbraio 2022, che ha comportato la sospensione delle attività di immunizzazione di routine in molti centri sanitari. Il Covid-19 ha anche limitato gli spostamenti e fatto temere ad alcune persone di recarsi nelle strutture sanitarie e farsi vaccinare.

Le squadre di emergenza di MSF aiutano con vaccinazioni e cure

MSF sta nuovamente schierando squadre di emergenza a sostegno del Ministero della Salute. I nostri team sono particolarmente attivi quando viene segnalato un rapido aumento del numero di casi in un’area in cui la capacità di risposta locale è limitata o difficile da raggiungere. Dall’inizio dell’anno, queste squadre hanno vaccinato più di 700.000 bambini contro il morbillo in 10 province della Repubblica Democratica del Congo. Oltre alla vaccinazione, si occupano anche della cura dei bambini malati.

READ  Una dose di vaccino appropriata per i minori di 21 anni, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità

Il tasso di vaccinazione dovrebbe essere aumentato

Al fine di prevenire la diffusione del morbillo, la vaccinazione dovrebbe essere intensificata e il trattamento gratuito dei casi di morbillo dovrebbe essere introdotto nelle aree che sono state classificate endemiche dalle autorità. Ma dobbiamo anche prevenire l’emergere di nuove epidemie aumentando i tassi di vaccinazione. Ciò significa accelerare l’introduzione della seconda dose del vaccino contro il morbillo raccomandata dalle autorità e il calendario di ulteriori campagne di vaccinazione di massa. Una sfida è garantire che lo sforzo di immunizzazione di routine sia mantenuto.