QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nuova ricerca sul cancro alla prostata in Omilander

Test effettuati per la ricerca sul cancro alla prostata in Umlander Vengono esaminati e valutati insieme da urologi e radiologi. “La tecnica che usiamo da aprile si chiama “biopsia di fusione” mediante ultrasuoni/risonanza magnetica”, spiega l’urologa Marieke Weispoel.

“La cosa grandiosa della radiologia è che si lavora sempre insieme ad altre discipline. Non ci sediamo dietro il computer a giudicare le immagini. Discutiamo anche con altri specialisti di ciò che vediamo e di come possiamo esaminare e curare al meglio il paziente. Ecco di cosa si tratta tutto alla fine.’, aggiunge il radiologo Remco de Kuiper.

Ecografia e risonanza magnetica per lo screening del cancro alla prostata

Il nuovo metodo di ricerca per rilevare il cancro alla prostata utilizza un dispositivo a ultrasuoni collegato digitalmente a una macchina per la risonanza magnetica. Eventuali punti sospetti nella prostata possono essere visti in modo più accurato su una risonanza magnetica che su un’ecografia. Tuttavia, l’eco è indispensabile per il processo successivo. “Come radiologo, traccio il percorso sulle immagini della risonanza magnetica, per così dire. L’urologo può quindi navigare in modo molto preciso con gli ultrasuoni fino alla posizione corretta per la biopsia”.

Grazie a questa tecnica combinata, la possibilità che la biopsia eseguita dia un risultato è molto maggiore rispetto alle biopsie dei campioni come precedentemente eseguite. Per il paziente questo significa avere una maggiore certezza sulla propria salute. Inoltre, esiste la possibilità che il trattamento relativamente sgradevole spesso richiesto per la biopsia debba essere ripetuto.

Inizia presto il trattamento

Il rilevamento più rapido del cancro alla prostata con questo nuovo metodo significa automaticamente che il trattamento può iniziare prima. A tal fine, urologi e radiologi lavorano anche a stretto contatto con altri specialisti come oncologi e radioterapisti.

READ  Cercasi collezionisti mobili per la settimana della raccolta MS | Notizie Zeewold

“Non lo facciamo solo nel nostro ospedale. L’Omelander Hospital è collegato al Prostate Center nei Paesi Bassi. Specialisti di diversi ospedali lavorano insieme in questa partnership. In questo modo possiamo offrire ai pazienti il ​​miglior trattamento. Vicino a dove possibile e lontano quando necessario”, conclude Weesepoel.

Un metodo per la ricerca sul cancro alla prostata come quello eseguito presso l’Ospedale Omilander non è l’unico nuovo sviluppo nel campo. È iniziato l’anno scorso Centro per il cancro alla prostata Renner Haga Biopsie prostatiche guidate da robot. Inoltre, le biopsie vengono eseguite in modo più accurato e con meno dolore dal Robot Biopteur.