QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nuovo file antitrust contro Google su Google Play

Google ha annunciato la scorsa settimana che il 60% dei suoi dipendenti lavorerà in ufficio circa tre giorni alla settimana, il 20% in nuovi uffici e il 20% da casa.

David Paul Morris | Bloomberg | Bloomberg | Getty Images

I pubblici ministeri stanno di nuovo inseguendo Google D Nella sua causa antitrust, questa volta sostiene che la società ha abusato del suo potere sugli sviluppatori di app attraverso il Play Store di Android.

Lo stato indica: Quarto caso Antitrust Archiviato contro la società da funzionari delle forze dell’ordine del governo degli Stati Uniti l’anno scorso.

L’ultima causa, incentrata sul Play Store, tocca un aspetto dell’attività di Google, tra cui: una mela. L’App Store di Apple è stato coinvolto in sfide legali e i legislatori si sono chiesti se addebiti ingiustamente agli sviluppatori i pagamenti effettuati tramite le loro app dai clienti e se favorisca le proprie app rispetto ai concorrenti.

I pubblici ministeri di 36 stati e del Distretto di Columbia, da entrambe le parti, sono stati elencati come querelanti nell’ultimo caso, che è stato presentato mercoledì nel Distretto settentrionale della California. Gli stati includono California, Colorado, Iowa, Nebraska, New York e North Carolina.

I querelanti affermano che Google ha utilizzato tattiche anticoncorrenziali per ottenere una commissione del 30% dai consumatori che acquistano abbonamenti e contenuti digitali sui loro telefoni Android. Dicono che gli sviluppatori di app non hanno altra scelta che utilizzare il software di Google per la distribuzione, in parte perché Google “ha preso di mira potenziali app store concorrenti”. Nel frattempo, i consumatori non hanno più opzioni perché Android è l’unico sistema operativo disponibile su molti telefoni.

READ  Avremmo finalmente notato una strana supernova con cattura di elettroni

Il Google Play Store distribuisce oltre il 90% delle app Android negli Stati Uniti, secondo due affermazioni, mentre un altro negozio Android non ha più del 5% della quota di mercato. Lo chiamano specificamente SamsungIl produttore di telefoni Android ha affermato che Google stava cercando di “acquistare” l’azienda offrendo incentivi per rendere il suo Galaxy App Store una “etichetta bianca” per il Play Store.

“La forza del monopolio perpetuo di Google sulla distribuzione di app Android e sugli acquisti in-app non si basa sulla concorrenza basata sul merito”, si legge nell’accusa. “Questi monopoli sono perpetuati dal gergo tecnologico e contrattuale artificiale che Google impone all’ecosistema Android”.

Oltre alla recente sfida antitrust, Google deve affrontare una causa in corso da parte del Dipartimento di Giustizia e diversi stati che affermano di aver utilizzato contratti di eccezione per garantire lo stato predefinito delle proprie app sui dispositivi dei produttori che utilizzano il sistema operativo mobile Android. Affronta anche una causa da parte di un gruppo di procuratori generali repubblicani che prende di mira la sua attività di tecnologia pubblicitaria, sostenendo di aver stipulato un accordo anticoncorrenziale con Sito di social network Facebook.

La terza causa per quest’ultima sfida è arrivata da un gruppo bipartisan di procuratori generali che è andato oltre le accuse del Dipartimento di Giustizia in merito ai contratti di preclusione. La causa ha affermato che Google limita i motori di ricerca verticali come: tasto e il TripAdvisor Essere in grado di raggiungere i consumatori con “comportamenti discriminatori nella pagina dei risultati di ricerca”.

Nell’ultimo caso Android, i pubblici ministeri affermano che uno dei modi in cui i consumatori vengono danneggiati è la mancanza di innovazione. Google non ha motivo di fornire un servizio migliore e nessun altro sviluppatore o app store dispone di canali per raggiungere un gran numero di persone.

READ  Gli utenti di Apple Watch 3 devono ripristinare l'orologio per il nuovo aggiornamento di watchOS - tablet e telefoni - notizie

“Piuttosto che limitarsi a produrre una migliore esperienza di distribuzione delle app, Google utilizza barriere e autorizzazioni anticoncorrenziali per proteggere il suo potere monopolistico e aumentare i suoi profitti sulla concorrenza di Google Play Store e Google Play Billing”, si legge nella denuncia.

I querelanti affermano che stanno cercando di “ripristinare la concorrenza e impedire a Google di assumere comportamenti simili in futuro”.

Iscriviti alla CNBC su YouTube.

GUARDA: Come funziona la legge antitrust statunitense e cosa significa per le grandi aziende tecnologiche?