QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nuovo processo a due parenti di Alexei Navalny | all’estero

Sono in corso nuove indagini penali contro due parenti dell’avversario russo incarcerato Alexei Navalny. Il Comitato investigativo russo (Sledestveni Comet) li accusa di finanziare organizzazioni “estreme”.




Sono Leonid Volkov (40 anni) e Ivan Zhdanov (32 anni), che sono i dipendenti più stretti di Navalny. Il sospetto è “raccolta deliberatamente fondi per finanziare un’organizzazione estremista”. La sua pena massima è di otto anni.

sotto una pressione senza precedenti

Il movimento di opposizione è sotto pressione senza precedenti in Russia. Il tribunale russo a giugno ha descritto le loro organizzazioni, incluso il Fondo anticorruzione (FBK) e i suoi uffici regionali, come “estremisti” e le ha ufficialmente bandite all’inizio di agosto.

Volkov era a capo della rete regionale dell’organizzazione e Ivan Zhdanov era a capo della FBK. “Riconoscendo che queste organizzazioni sono considerate estremiste, Volkov e Zhdanov hanno annunciato che continueranno le loro attività e la raccolta di fondi”, ha affermato la commissione investigativa criminale.

Leonid Volkov nel 2020 a Berlino. © AP

all’estero

Volkov Widanov ha lasciato la Russia diversi mesi fa, proprio come altri sostenitori dell’opposizione avevano precedentemente deciso di andare in esilio. Erano già ricercati e all’epoca sotto processo per “incitamento a minori a impegnarsi in attività illegali” secondo gli inquirenti chiedendo manifestazioni a gennaio a sostegno di Navalny. “Non potevo contare le indagini penali aperte contro di me”, ha scritto Zhdanov su Instagram all’epoca.

La notizia di una nuova inchiesta è arrivata dopo mesi di repressione del dissenso in Russia, segnati dalla reclusione di Navalny in una colonia penale, e dalle misure prese contro la stampa indipendente e altre voci critiche.

Alexei Navalny nel febbraio 2020 con Ivan Yadanov durante una manifestazione di protesta a Mosca.  Nella foto è anche mostrato l'avvocato 33enne Lyubov Sobol.  Recentemente è stata condannata a limitare la libertà di movimento.

Alexei Navalny nel febbraio 2020 con Ivan Yadanov durante una manifestazione di protesta a Mosca. Nella foto è anche mostrato l’avvocato 33enne Lyubov Sobol. Recentemente è stata condannata a limitare la libertà di movimento. © Reuters

READ  Maggior numero di nuove infezioni nel Regno Unito da febbraio: il relax in Inghilterra è stato rinviato