QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

NVIDIA 3D MoMa rende finalmente il rendering invertito una realtà

Il rendering inverso, il processo mediante il quale un computer può trasformare le immagini in un modello 3D completamente utilizzabile e modificabile per i videogiochi, ad esempio, è stato a lungo un obiettivo delle aziende tecnologiche. Può rendere molto più semplice la creazione di modelli 3D complessi, rendendo i giochi più semplici ed economici.

NVIDIA sta lavorando per avvicinare questa visione al 3D MoMa, una nuova tecnologia svelata alla Computer Vision and Pattern Technology Conference. Come ci si aspetterebbe, la descrizione utilizzata è abbastanza tecnica e accurata, quindi abbiamo scelto eccezionalmente di non tradurla per preservare i dettagli.

“Creando ogni parte del problema del rendering inverso come componente scalabile con accelerazione GPU, la pipeline di rendering NVIDIA 3D MoMa utilizza un meccanismo di intelligenza artificiale all’avanguardia e la potenza di calcolo grezza delle GPU NVIDIA per produrre rapidamente oggetti 3D che i creatori possono importare e modifica”, ha affermato il vicepresidente della ricerca. Grafica di David Lubeck: “Si estende senza restrizioni negli strumenti esistenti”.

In parole povere, ciò significa che 3D MoMa utilizza le immagini per utilizzare una griglia triangolare, che è un metodo molto popolare per gli strumenti 3D. Questo di solito richiede alcune ore di lavoro, ma con dati sufficienti, 3D MoMa può teoricamente farlo in un’ora, a condizione che il dispositivo sia sufficientemente potente, ovviamente. Ad esempio, il risultato potrebbe essere simile a questo:

READ  Fidan Ekes e Renzi Klammer smetteranno subito con De Voravo...