QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Oggi è la Giornata europea dell’ictus. Cos’è un ictus, può essere prevenuto e cosa fare?

Un gran numero di ospedali e istituzioni attirano l’attenzione su un ictus ogni anno l’11 maggio: infarto cerebrale o emorragia cerebrale. Quali sono i segni di un ictus e possono essere prevenuti?

Ogni anno, circa 41.000 persone hanno un ictus. Una parte del cervello smette improvvisamente di ricevere sangue a causa di un vaso sanguigno scoppiato o di un infarto improvviso. L’ictus è il termine collettivo per TIA, infarto cerebrale ed emorragia cerebrale.

Cos’è un ictus? In un ictus, una parte del cervello riceve improvvisamente più ossigeno. Ciò può essere causato da un infarto cerebrale o da un blocco dei vasi. Ma la fuoriuscita di vasi sanguigni può anche danneggiare una parte del cervello.

Il sangue scorre quindi nel tessuto cerebrale circostante, che smette di funzionare correttamente. All’esterno non si vede subito se qualcuno ha avuto un infarto cerebrale o un’emorragia cerebrale. I sintomi sono gli stessi. Finché la causa non è nota, si parla di ictus.

Fenomeno di ictus

Sebbene i sintomi variano, ci sono segni noti di ictus:

  • La bocca che affonda gracchia
  • Deficit visivo
  • Discorsi fastidiosi
  • Fenomeni di fallimento unilaterale

Caricamento in corso

Come fai a sapere se qualcuno ha avuto un ictus?

C’è un semplice stroke test. Questo test è chiamato test FAST:

  • Faccia Chiedere alla persona di sorridere o di mostrare i denti. Nota se la bocca è storta e l’angolo della bocca pende.
  • Braccio (braccio) Chiedere alla persona di estendere le braccia orizzontalmente in avanti allo stesso tempo e di girarsi verso l’interno verso l’alto. Nota se il braccio affonda o oscilla.
  • Discorso Presta attenzione a parlare. Discorso confuso o incapacità di uscire dalle parole.
  • Tempistica)

Cosa dovresti fare?

Chiama subito il 112, prima le persone vengono curate, più danni al cervello possono essere prevenuti. Una TAC verrà eseguita in ospedale per un trattamento corretto. L’infarto è la causa dell’ottanta per cento. Quindi inizia il trattamento anticoagulante. Quindi al paziente viene somministrata un’iniezione endovenosa con potenti anticoagulanti. I farmaci agiscono dissolvendo un coagulo intrappolato in un vaso sanguigno nel cervello. La trombolisi dovrebbe verificarsi entro 4,5 ore dalla comparsa dei primi sintomi. Quindi le cellule cerebrali possono ancora riprendersi. Dopo 4,5 ore, i vantaggi non superano più gli svantaggi.

Recupero dell’ictus

Il più grande recupero dalla perdita dei sintomi si osserva generalmente nei primi mesi dopo un ictus. Ciò è principalmente dovuto al fatto che il corpo stesso migliora l’afflusso di sangue nell’area in cui si è verificato il danno. Tuttavia, alcuni danni saranno permanenti. Questo non torna dopo l’allenamento. Spesso ai pazienti viene insegnato come affrontare la perdita del lavoro. Ad esempio, alcune persone devono imparare a camminare, vestirsi, parlare, lavarsi e mangiare di nuovo. Il processo è diverso per tutti. Ma i medici sono generalmente bravi a stimare i danni.

Come si previene un ictus?

Il tuo stile di vita è molto importante per la prevenzione dell’ictus. Quindi uno stile di vita sano è la migliore prevenzione

I fattori di rischio sono:

  • Fumo
  • alta pressione sanguigna
  • sovrappeso
  • Poco movimento
  • Ad alto contenuto di grassi

Puoi seguire questi argomenti

READ  Radboudumc ha un'IA che predice il rischio di cancro ai polmoni