QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Olandese sospettato di aver venduto illegalmente un gatto suicida

Un uomo (28) di Eindhoven è stato arrestato martedì con l’accusa di vendita illegale di droghe suicidi. La giustizia olandese può confermare che almeno quindici persone hanno perso la vita a causa della droga. È sospettato di suicidio assistito, violazione della legge sulla droga e riciclaggio di denaro.

Alex S., un uomo di 28 anni di Eindhoven, ha venduto il cosiddetto “Agente X”, una polvere suicida, a settecento persone tra novembre 2018 e giugno 2021. Lo hanno detto mercoledì i pubblici ministeri olandesi.

Secondo il DPP, Alex S. sembra essere un membro della Cooperativa Last Will (CLW). Questa è un’organizzazione impegnata in un “modo umano di porre fine alla vita in modo indipendente”. Il ministero ora vuole sapere se le persone che hanno acquistato il farmaco l’hanno preso e sono morte. Il ministero può già confermarlo per quindici casi. Riguarda le persone di età compresa tra 41 e 82 anni.

20 EUR

Alex S. sospettava. Violazione della legge sulla droga e riciclaggio dei proventi. Oltre alla polvere suicida, ha anche venduto un farmaco che aiuterebbe a prevenire il vomito, disponibile solo con la prescrizione del medico. Alex S. non è un medico o un farmacista e ha venduto medicinali online. Secondo il ministero, ha usato Telegram, un servizio di messaggistica crittografato. Ha venduto farmaci suicidi per 20 euro.

Nel caso ci sono altri due sospetti. Wim van Dijk (78) e Tineke B. (72), entrambi membri anche della Coöperatie Laatste Wil. Wim van Dyck è uno psicologo noto per a partire dalVolkskrant Ordinò la proprietà ad Alex S. e la rivendette un centinaio di volte.

READ  Particelle responsabili di circa 6.500 morti premature in Belgio nel 2019 | ambiente

• Commento di Karel Verhoeven | morire pulito

Martedì Van Dyck si è rivolto all’ufficio di Eindhoven su richiesta della polizia. È stato arrestato per aver violato la legge sulla droga e averlo aiutato nel suicidio. Sebbene abbia protestato contro il suo diritto di rimanere in silenzio durante l’interrogatorio, ora racconta la sua storia ai media. Sono consapevole delle conseguenze della mia storia. Van Dyck ha detto in de Volkskrant. Voglio che lo sconvolgimento sociale sia così grande che la magistratura non possa ignorarlo. Non mi interessa davvero se mi arrestano o mi mettono in prigione. Voglio che succeda qualcosa”.

Anche il fondatore e presidente della Coöperatie Laatste Wil, il 73enne Jos van Wijk, è stato arrestato il mese scorso. Tinky B è attualmente in custodia e Alex S. potrebbe essere in attesa. suo caso liberamente a determinate condizioni. S. deve essere trattato e non deve essere in contatto con gli altri imputati.

L’organizzazione olandese ha almeno 700 membri nel nostro paese.

In caso di domande sul suicidio, è possibile contattare la linea suicida al 1813 o tramite chat: www.zelfmoord1813.be.