QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Oltre al COVID, migliaia di belgi hanno anche contratto una grave infezione fungina… La metà di loro non è sopravvissuta

16 novembre 2020. Un nonno di Kessel-Lo vicino a Lovanio, Luc Claes (65), si sveglia con la febbre alta. Si sente a corto di fiato e molto stanco.

Il picco della seconda ondata corona è stato appena superato in quel momento, ma più di 1.400 pazienti sono ancora in terapia intensiva. Ogni giorno vengono aggiunte circa 6000 nuove infezioni. Il virus si sta ancora diffondendo.

Locke prende appuntamento con il suo medico per un test COVID. Il risultato non si fa attendere: positivo.

“Mi ha colpito duramente”, dice Lock. “Sono stato molto attento per mesi. Ho avuto una bolla stabile e ho seguito molto bene le regole. Tuttavia, mi sono fatto male”.

Infezioni fungine, spesso perse

25 novembre 2020. Locke è stato in terapia intensiva per una settimana. È stato messo in coma artificiale e gli è stato somministrato ossigeno. Le sue condizioni continuarono a peggiorare.

“In una situazione come questa, controlliamo sempre se ci manca qualcosa”, afferma il professor Yves Debuffy, responsabile della terapia intensiva presso l’UZ Leuven. “Sappiamo dalla ricerca che molti pazienti affetti da coronavirus sviluppano anche gravi infezioni fungine. Possono rimanere nascosti se non si eseguono i test corretti”.

Pertanto, è necessario un test rapido per escludere un’infezione fungina. Potrebbe significare la differenza tra la vita e la morte per pazienti come Locke.

“Molto dipende dalla vigilanza del medico curante”, afferma la professoressa Catherine Lagro (UZ Leuven), specializzata in malattie fungine potenzialmente letali. Un medico dovrebbe prendere in considerazione un test fungicida, ma non tutti hanno questa reazione. Le infezioni fungine erano una delle diagnosi più mancate”.

“Raramente abbiamo cercato un’infezione fungina”, conferma Yves Dibavi. “Spesso la diagnosi viene fatta solo dopo che il paziente è morto, all’autopsia. Fortunatamente negli ultimi anni è migliorata”.

Aspergillus, ovunque e talvolta pericoloso

Locke è stato messo alla prova rapidamente. Il suo campione va direttamente al laboratorio per l’analisi. Il giorno dopo, il dottor Debaveye ricevette il risultato del test: Luc aveva un fungo.

“Si è rivelato essere fumo di Aspergillus. Non è stato davvero sorprendente, perché l’Aspergillus è un fungo che si verifica regolarmente nei pazienti in terapia intensiva”, afferma Debavi.

Il fumo di Aspergillus appare innocuo su una capsula di Petri. Una fitta rete di fini ife fungine, verdi al centro e bianche all’esterno. Un po’ come la muffa che ti aspetteresti sui panini che sono stati a lungo nella scatola del pranzo. E come i funghi che si trovano nei vecchi panini, anche l’Aspergillus è molto comune.

“L’Aspergillus è davvero ovunque”, afferma Catherine Lagrou. “Ne trovi molto nei giardini, spesso in grandi concentrazioni. Quando lavori in giardino, inali costantemente spore, specialmente vicino al cumulo di compost. I cumuli di compost sono davvero punti caldi nel giardino”.

Gli Asperger sono davvero ovunque

Professoressa Catherine Lagro, Ospedale universitario di Lovanio

Yves Debaveye afferma: “L’Aspergillus si trova anche nel terreno e nei materiali isolanti comunemente usati. Quando si effettuano lavori di scavo in ospedale, l’Aspergillus viene spesso rilasciato. La stessa cosa accade con i lavori di ristrutturazione, ad esempio se si abbatte un muro. Noi entriamo nel suolo e nell’aria e respiriamo queste spore”.

READ  Trovato un possibile nuovo collegamento tra il vaccino AstraZeneca e i coaguli di sangue

Gli studi stimano che ogni giorno inaliamo qualche centinaio di spore di Aspergillus, ma il nostro corpo sa cosa fare con quelle spore: intercettarle, ucciderle e disinfettarle. Una funzione di routine del nostro sistema immunitario, a patto che tu sia sano.

“Se il tuo sistema immunitario funziona correttamente, un’infezione fungina non è un problema”, afferma Lagro. “I ciliati nelle vie aeree in realtà fermano una grande porzione dei funghi. Le spore che finiscono nei polmoni vengono rimosse dai globuli bianchi.

Ife fungine nei polmoni

Se il tuo sistema immunitario è indebolito, le carte sono diverse. Quindi l’aspergillus può scavalcare le tue difese naturali e il fungo si deposita nel tuo corpo. Confrontalo con la muffa in un vecchio panino, ma nei tuoi polmoni. Si formano minuscoli filamenti fungini che colpiscono i polmoni. Questa infezione fungina è anche chiamata aspergillosi.

L’aspergillosi è più comune nelle persone con un sistema immunitario indebolito. Qualcuno che ha appena avuto un trapianto, per esempio, o qualcuno che ha gravi problemi immunitari.

“Alcuni anni fa, abbiamo visto che l’aspergillosi si verifica anche nelle persone che finiscono in terapia intensiva con una grave influenza”, afferma il professor Jost Waters (Medical Intensive Care, UZ Leuven). “Tutti erano sbalorditi perché conoscevamo l’Aspergillus solo da pazienti con problemi immunitari. Nessuno lo capiva, siamo rimasti davvero sorpresi. Eppure stava accadendo di nuovo ogni stagione influenzale”.

Waters ha contribuito a condurre un ampio studio internazionale e infatti: almeno il 19% dei pazienti affetti da influenza sviluppa anche l’aspergillosi. Lo studio è stato pubblicato su Lancet Respiratory Medicine.

“Il passo logico successivo è stato verificare se l’aspergillosi si verifica anche nei pazienti Covid”, afferma Waters. “Si scopre che è così. I primi studi hanno mostrato che circa il 15% dei pazienti Covid in terapia intensiva sviluppa anche aspergillosi”.

Sulla base di questo numero, puoi fare una stima approssimativa per il Belgio. Durante le tre ondate di Covid, secondo i dati preliminari di Sciensano, nel reparto di terapia intensiva erano da 25.000 a 30.000 pazienti. “Stimo che alcune migliaia di questi pazienti abbiano anche sviluppato l’aspergillosi mentre erano ricoverati in terapia intensiva”, afferma Jost Waters.

Si tratta probabilmente di 3.750-4.500 pazienti, anche se è ancora troppo presto per avere dati definitivi.

Una cosa è certa: l’infortunio di Locke non fa certo eccezione. Migliaia di altri belgi hanno sperimentato qualcosa di simile. Hanno contratto per la prima volta il virus Covid e hanno avuto una grave infezione fungina.

tra la vita e la morte

Quando escono i risultati del laboratorio, Locke è ancora in coma profondo. A quel punto, il fungo si era insediato in profondità nei suoi polmoni.

“Tutto quello che ricordo di quel periodo è un’allucinazione molto chiara e spaventosa”, dice Locke. “Ad un certo punto ho pensato di essere stato rapito… Ero in un sottomarino e accanto a me c’era una donna che è stata uccisa.. Cose molto sporche, le ricordo ancora nei minimi dettagli… Completamente diverse dai sogni. “

READ  "Più della metà dei 60enni vuole essere presa a pugni con AstraZeneca"

Locke si libra in quel momento tra la vita e la morte. Dal 40 al 50 per cento dei pazienti Covid con aspergillosi muore. Spesso è marginale.

“Alcuni di questi pazienti moriranno anche senza sviluppare aspergillosi”, afferma Catherine Lagro. “Vediamo che l’aspergillosi aumenta il rischio di morte nei pazienti Covid. Le persone finiscono in ospedale con un’infezione da Covid, ma è il fungo che a volte dà l’ultimo vaccino”.

A volte sono i funghi a dare il colpo finale

Professoressa Catherine Lagro, Ospedale universitario di Lovanio

Non perdere tempo è fondamentale in quel momento. “Più a lungo un’infezione rimane nel tuo corpo senza trattamento, più difficile sarà curare qualcuno”, afferma Jost Waters. “È il caso dei batteri, ma anche dei funghi. Bisogna essere molto veloci”.

Aspergillus diventa resistente… e questo è un problema

Per evitare che il fungo dia l’ultima dose di lok, i medici iniziano il trattamento con l’antimicotico voriconazolo.

“Il voriconazolo è un farmaco azolico”, afferma Yves Dibavi. “Gli azoli sono spesso usati per combattere i funghi. È il trattamento standard per questi tipi di infezioni”.

Gli azoli di solito funzionano bene, ma c’è sempre il timore di aspettare per vedere se un trattamento funzionerà. Alcuni ceppi di Aspergillus sono resistenti e quindi non possono più essere controllati con determinati azoli.

“Si può paragonare al problema della resistenza nei batteri a causa dell’uso eccessivo di antibiotici”, afferma Anne Baccio di Sciensano. Il problema è che alcuni degli azoli non funzionano più perché i funghi sono diventati resistenti. Quindi devi passare ad altri farmaci con più effetti collaterali. Inoltre, l’arsenale di farmaci antimicotici è limitato. Intanto si perde tempo prezioso”.

L’arsenale di antimicotici è limitato

Ann Baccio, Sensano

In UZ Leuven, la resistenza si trova in circa il 7% dei pazienti con il ceppo di Aspergillus. “Fortunatamente, questo numero non è aumentato negli ultimi anni”, afferma Catherine Lagro. “Lo sappiamo perché testiamo ogni ceppo di Aspergillus per la resistenza”.

Perché i funghi diventano resistenti?

Il problema della resistenza si verifica a causa dell’uso diffuso di azoli. Non è usato solo per i pazienti. Sono anche spesso utilizzati nell’industria delle vernici e del legno e nell’agricoltura. Gli agenti che possono salvare i pazienti come Luc vengono utilizzati anche per proteggere il mais e il grano dai funghi, ad esempio.

Poiché gli azoli sono utilizzati in agricoltura e nell’industria, nella zona troverai anche ceppi resistenti.

Nei Paesi Bassi, alcuni anni fa, è stata individuata la sede dell’aspergillosi più resistente. “Sono stati trovati tre punti caldi”, afferma Ann Bako. “Aziende di fertilizzanti industriali, aziende di lavorazione del legno… e luoghi in cui vengono raccolti i rifiuti dei bulbi di tulipano”.

La notizia che l’Aspergillus resistente potrebbe essere legato alla coltivazione della lavanda ha colpito come una bomba. “I tulipani assassini si nascondono in bella vista”, il titolo Atlantic. Traduci: “Nascondi i tulipani in pieno giorno”. Nei Paesi Bassi, la notizia ha causato disordini politici e sono state prese misure per ridurre l’uso di azoli.

In Belgio non sappiamo ancora quali siano i punti caldi. “Stiamo indagando”, dice Anne Bako. “Stiamo esaminando principalmente i luoghi in cui vengono utilizzati gli azoli, in alcuni settori agricoli. Non posso dire molto al riguardo al momento, ma in realtà abbiamo trovato ceppi resistenti di Aspergillus in diversi luoghi”.

READ  Dewertje aveva un cancro alle labbra: "È iniziato con una sensazione di bruciore durante la minzione" | salutare

“Dobbiamo assolutamente mappare bene questo problema”, afferma Catherine Lagro. “L’Aspergillus è onnipresente nell’ambiente. C’è il rischio che questi ceppi resistenti si diffondano ulteriormente e che possano infettare più persone”.

Attraverso la cruna dell’ago

Fortunatamente, l’Aspergillus di Luke non ha la resistenza e gli azoli fanno bene il loro lavoro. Una settimana prima di Natale, si è svegliato dal coma dopo 30 giorni. È così debole che non è più in grado di camminare autonomamente. Anche parlare è difficile.

Il 20 gennaio 2021 Locke potrà lasciare l’ospedale, 20 kg più leggero e molto magro. Vivrà con sua figlia Stephanie per alcune settimane, così potrà concentrarsi completamente sulla sua riabilitazione. Il nipote di Driss è felice di rivedere finalmente suo nonno.

Oggi Luke è a casa da sei mesi. Si sta ancora riprendendo, ma le cose stanno migliorando. Camminare è diventato di nuovo possibile, ma si stanca ancora in fretta.

Avrebbe potuto andare diversamente, poiché la realizzazione ha iniziato gradualmente ad affondare. “Solo ora mi rendo conto di cosa avrebbe potuto fare questo fungo”, dice Locke. Il rischio di morte era molto più alto a causa della combinazione di COVID con quel fungo. Sembra che io sia davvero passato per la cruna dell’ago. E sono così felice di poterlo ancora dire”.

Quanto dovresti preoccuparti dopo aver letto questo articolo?

Se sei in buona salute e non soffri di problemi immunitari, non preoccuparti dopo aver letto questo articolo. Il tuo sistema immunitario sa come sbarazzarsi delle spore della muffa.

Certamente le persone non dovrebbero avere paura dei funghi

Professoressa Catherine Lagro, Ospedale universitario di Lovanio

“Le persone di certo non devono avere paura dei funghi”, afferma Catherine Lagro. “Non puoi nasconderti sotto una campana di vetro, ma è bene se l’attenzione è affinata. Le persone diventano più consapevoli del fatto che una pericolosa infezione fungina infetta molti pazienti”.

Se hai un sistema immunitario debole o se sei positivo al coronavirus o all’influenza, ci sono tre cose a cui prestare attenzione:

  • Fai attenzione ai cumuli di compost e ai fienili, perché lì la concentrazione di Aspergillus è molto più alta.
  • Se ci sono lavori in corso nella tua strada, è meglio ridurre temporaneamente la ventilazione. Il lavoro di scavo a volte rilascia nuvole di polvere contenenti molto Aspergillus.
  • Attenzione ai lavori di ristrutturazione. Gli sprinkler possono anche essere sparati quando un muro viene demolito o un pavimento è rotto.

Infine, questo: la vaccinazione previene comunque gravi infezioni da coronavirus e influenza. Con la vaccinazione eviti anche la pericolosa “infezione delle api” con l’aspergillosi.

Fonte: vrtnws.be e “giorno”

Ascolta la conversazione con il professor Jost Waters da “The Morning” su Radio 1 Select.