QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Oltre il 90 percento della Grande Barriera Corallina è stato sbiancato dall’ondata di caldo fuori dal paese

Circa il 91% della Grande Barriera Corallina australiana si è schiarito a causa di un’ondata di caldo durante l’estate australiana. Lo afferma un rapporto del governo pubblicato ieri.

Dei 719 coralli esaminati, 654 hanno mostrato segni di sbiancamento dei coralli. Questa è la prima volta che la barriera corallina più grande del mondo è stata sbiancata su questa scala durante La Nina, un fenomeno meteorologico che in genere produce temperature dell’acqua anormalmente basse. Il rapporto evidenzia l’impatto del cambiamento climatico sulle barriere coralline. “Il cambiamento climatico sta solo accelerando e le barriere coralline stanno già soffrendo dei suoi effetti”. Questa è la quarta ondata di sbiancamento che ha colpito le barriere coralline dal 2014.

La Great Barrier Reef Marine Authority ha esaminato le barriere coralline durante l’estate australiana a settembre 2021 e marzo 2022. Ha mostrato che le acque si stavano riscaldando dalla fine di dicembre e che le tre aree principali della barriera corallina sono state interessate da questo riscaldamento. L’acqua calda rimuove le alghe che conferiscono al corallo il suo caratteristico colore brillante e si verifica lo sbiancamento. Nelle giuste condizioni, i coralli possono riprendersi, ma “i coralli altamente sbiancati hanno un tasso di mortalità più elevato”, afferma il rapporto.

Il rapporto è stato pubblicato dieci giorni prima delle elezioni federali australiane. Il tema principale delle elezioni del 21 maggio è il cambiamento climatico. Inoltre, l’UNESCO deciderà a giugno se la Grande Barriera Corallina sarà elencata come area minacciata.