QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

OPEC + cartello petrolifero inciampa a causa della posizione degli Emirati Arabi Uniti | Economia

Il futuro del cartello petrolifero dell’OPEC e dei suoi alleati come la Russia (OPEC+) è sotto pressione poiché gli Emirati Arabi Uniti si sono rifiutati di firmare un nuovo accordo sulle restrizioni alla produzione. Gli esperti di mercato affermano che la battaglia diplomatica infuria non determinerà solo il prezzo del petrolio il prossimo anno, ma anche il futuro dell’industria energetica globale.




Venerdì gli Emirati Arabi Uniti hanno bloccato l’accordo OPEC+ per aumentare la produzione. Questo mette Abu Dhabi in una posizione difficile per i suoi alleati. O le richieste dello stato vengono soddisfatte o l’alleanza crolla. Il mancato raggiungimento di un accordo eserciterà una maggiore pressione su un mercato già ristretto, portando probabilmente a significativi aumenti dei prezzi. Ma può anche risaltare nella direzione opposta. Se l’OPEC+ crolla, potrebbe essere tutto per lui, poiché i paesi probabilmente inonderanno di nuovo i mercati di petrolio. Di conseguenza, i prezzi potrebbero crollare, proprio come l’anno prima, il che potrebbe portare a un’altra crisi del settore.

Come in tutte le negoziazioni, può esserci inganno. Alla fine dello scorso anno, Abu Dhabi ha proposto l’idea di lasciare l’OPEC. Lo Stato non ha ancora minacciato di farlo. Un’uscita scatenerebbe quasi sicuramente una guerra dei prezzi e in questo scenario perdono tutti, a quanto pare. I negoziati tra i paesi OPEC + dovrebbero riprendere lunedì.

miliardi spesi

È noto che gli Emirati Arabi Uniti vogliono pompare più petrolio dopo aver speso miliardi per aumentare la capacità produttiva. Ad un certo punto, gli altri membri della coalizione dovranno probabilmente riconoscere il nuovo status di Abu Dhabi.

READ  Un'ondata di vendite si diffonde nei mercati azionari europei

L’attuale accordo di produzione OPEC+ scade nell’aprile 2022. Arabia Saudita e Russia, con il sostegno di tutti gli altri paesi OPEC+, vogliono prolungare l’accordo fino alla fine del prossimo anno. Gli Emirati Arabi Uniti hanno respinto l’idea di estendere l’accordo più ampio a meno che non venga aumentata la cosiddetta linea di base, che è la produzione massima di petrolio al giorno. Questa posizione ha effettivamente lasciato nella spazzatura la proposta negoziata da Mosca e Riyadh.