QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ora 133 bambini in Indonesia sono morti per insufficienza renale acuta, le medicine per la tosse sono state controllate

Mercoledì, le autorità sanitarie indonesiane hanno ancora vietato la vendita di tutti i tipi di sciroppo medicinale. In tutto, l’Indonesia ha registrato 241 casi di danno renale acuto, inclusi 133 decessi. Lo ha affermato il ministro della Salute Budi Gunadi Sadikin in una conferenza stampa.

Secondo l’epidemiologo Dickie Bodeman, ci sono molte vittime. “Penso che ci siano tre o forse cinque volte più casi”. Spiega che ciò è dovuto al fatto che tre quarti degli indonesiani preferiscono curarsi da soli. Non hanno le risorse finanziarie per andare in ospedale. “Inizia con gli isolani che non possono permettersi una barca per la terraferma per le visite in ospedale, per non parlare dell’ospedale stesso”.

La registrazione è breve

Ad esempio, Bodeman ha parlato con un collega di Sulawesi che ha affermato che i bambini già morti presentavano gli stessi sintomi dei bambini registrati. Vomitavano, urinavano di meno, avevano la diarrea e dovevano tossire e starnutire. “Non hanno raggiunto l’ospedale, motivo per cui non sono stati registrati”, ha aggiunto. Pertanto, la registrazione del numero di vittime non è accurata.

Secondo l’epidemiologo, spiega anche perché la maggior parte dei casi viene registrata a Giacarta. Le persone in città hanno i mezzi per andare in ospedale.

In precedenza in Gambia

Il divieto di 102 sciroppi è arrivato dopo che è stato scoperto che alcuni sciroppi contengono glicole etilenico e glicole dietilenico. Queste sostanze sono state trovate nei medicinali per la tosse che alcune vittime hanno portato nelle loro case, secondo il ministro della Salute. Sono due componenti che in precedenza erano state collegate alla mortalità infantile a causa di insufficienza renale in Gambia.

READ  "Non è chiaro quante malattie sessualmente trasmissibili siano prevalenti nella popolazione olandese"

Due settimane fa, il Gambia ha riferito che 70 bambini sono morti per danno renale acuto dopo aver bevuto una bevanda contenente una dose molto alta di queste sostanze. La maggior parte delle vittime aveva meno di cinque anni, proprio come in Indonesia. In Gambia, la medicina per la tosse della Maiden Pharmaceuticals indiana sembra essere responsabile dell’insufficienza renale nei bambini.

Ma questa bevanda non è disponibile in Indonesia, quindi il Paese stesso ha avviato un’indagine. Finché questo continua, non è possibile dire con certezza al cento per cento se i succhi siano la causa diretta dell’insufficienza renale. Ad esempio, Zullies Ikawati, professore di farmacologia e farmacologia clinica all’UGM, sottolinea che il collegamento non è stato ancora dimostrato e che la causa rimane un mistero.

L’epidemiologo Bodeman afferma anche che non si può ancora dire nulla di certo, ma il fatto che l’Indonesia sia uno dei maggiori importatori di materie prime farmaceutiche dall’India solleva interrogativi. “Quindi i succhi sono prodotti in Indonesia, ma contengono materie prime dall’India, tra le altre cose”.

antitossina

Ieri il ministro della Salute ha affermato che le condizioni di alcuni pazienti sono migliorate dopo aver ricevuto un antidoto importato da Singapore. Quindi ha promesso di comprarne altri.

Secondo Bodeman, questa è una “scelta perfetta”. L’antidoto sembra essere efficace contro la tossina nella bevanda. “Il fatto che i pazienti rispondano bene a questo significa che devono essere avvelenati con questa sostanza”.

Ma c’è un “ma”, come spiega l’epidemiologo. “Non tutti i pazienti rispondono bene all’antidoto”. Ciò significa che non tutti i pazienti hanno un’insufficienza renale acuta grazie alla bevanda. Può anche essere causato da un’infezione come la corona.

READ  Marrakech registra scimmie a Djemaa El Fna

Per ottenere maggiori informazioni sulle cause, Bodeman è favorevole alla dichiarazione ufficiale dell’epidemia. “Allora possiamo registrare i casi meglio”, spiega. Perché in caso di un focolaio ufficialmente, il governo può fornire sostegno finanziario alle persone che si recano in ospedale.

“Ciò significa che per gli isolani vengono risarciti per il loro transito in un ospedale sulla terraferma”. Le informazioni aggiuntive richieste per ulteriori registrazioni possono quindi essere utilizzate per indagare sulle cause esatte dell’epidemia.

Ma anche la fornitura di informazioni deve cambiare, afferma Bodeman, specialista in comunicazione di crisi. Ora ci sono molte fonti che pubblicano diversi tipi di informazioni e questo confonde le persone.

Secondo lui, sarebbe bene pianificare conferenze stampa congiunte in cui il Ministero della Salute e l’Autorità indonesiana per l’alimentazione e la droga condividono le loro scoperte e rispondono alle domande contemporaneamente.

Smetti di vendere tutti i medicinali liquidi

Dal momento che i succhi non hanno causato alcun problema negli ultimi anni, ora si stanno studiando gli ingredienti che hanno fallito di più, afferma il corrispondente del sud-est asiatico Tom Shellstreet. “Secondo un esperto medico che ha parlato con i media indonesiani, ci sono buone probabilità che la composizione di questi succhi sia cambiata di recente”.

Il Ministero della Salute indonesiano sta ora conducendo ricerche su quegli ingredienti esatti, afferma Shelstright. “Ieri hanno effettivamente tirato fuori i primi risultati, hanno detto che potevano dire con ’75 per cento di certezza’ che la scarsa qualità di produzione di una sostanza comunemente usata nei succhi era la causa di lesioni renali mortali”.

Gli indonesiani hanno subito pensato a un collegamento con i succhi indiani utilizzati in Gambia. “Ma secondo il ministero responsabile, questa bevanda non è registrata in Indonesia. Il governo non menziona nessuna bevanda sospetta ora. Sono 102 indagati, per precauzione, l’Indonesia ha interrotto la vendita di tutti i medicinali liquidi”.

READ  Come dovrebbero avere paura i giovani del polmone covid? I fatti in sintesi