QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ora abbiamo vini e viti che sono nello spazio da un anno. C’è qualcosa da imparare da questo?

Nel novembre 2019, la startup europea Space Cargo Unlimited ha lanciato uno straordinario carico utile sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Le scorte di 4.000 chilogrammi includevano 12 bottiglie del miglior vino bordolese e 320 viti. Dopo 14 mesi, quel vino e quei bastoncini sono tornati sulla Terra. E ciò che impariamo da questo può fornire spunti che possono aiutare a sviluppare soluzioni innovative per il futuro dell’alimentazione e dell’agricoltura sulla Terra.

Il 2 novembre 2019, Space Cargo Unlimited ha lanciato un carico utile di 12 bottiglie Petrus 2000 a bordo di un razzo Northrop Grumman Antares che era attraccato con successo alla Stazione Spaziale Internazionale. La missione, soprannominata WISE (Winegrape In Space Experiment), è stato il primo progetto di ricerca applicata condotto privatamente per studiare gli effetti della microgravità e delle radiazioni spaziali sul processo di invecchiamento del vino.

Le 12 bottiglie che sono state trasportate nelle confezioni CommuBioS sono state sigillate (per evitare che collassassero al ritorno sulla superficie terrestre) e mantenute a bordo della Stazione Spaziale Internazionale ad una temperatura costante di 18°C ​​per proteggere l’ambiente biologico interno delle bottiglie. Fanno il loro lavoro. Quindi i vini dello stesso lotto sono stati campionati e la loro età determinata simultaneamente sulla Terra per il confronto con la carica della ISS dopo il rientro.

Diverso, ma non peggio

È successo poco più di un anno fa (438 giorni e 19 ore per l’esattezza) caricabatterie. Il prezioso carico (una bottiglia “normale” da 2.000 Petro attualmente venduta a 4.000 euro) è atterrato in sicurezza nel Golfo del Messico il 14 gennaio 2021. Nel marzo dello scorso anno si è svolta una degustazione di vini presso l’ISVV (Institut des Sciences de la Vigne et du Vin) a Bordeaux. Un panel di 12 specialisti si è riunito per degustare e descrivere vini terrestri e spaziali secondo diversi criteri visivi, gustativi e olfattivi.

READ  Xbox Series X dovrebbe essere un'altra grande esclusività

Nella prima parte della prova, ai membri del comitato sono stati dati tre bicchieri di vino, senza sapere quale di essi conteneva vino della stanza. A questo punto sono stati valutati i parametri visivi e olfattivi. Per la seconda parte, i membri della commissione hanno condotto una degustazione comparativa di vino.

Immagine per gentile concessione di Space Cargo Unlimited.

I membri del comitato hanno notato differenze di colore, aroma e gusto tra i due vini. Secondo Jane Anson, scrittrice di vini e membro del comitato, il vino che è maturato sulla ISS “probabilmente si è evoluto da uno a due o anche tre anni in più di quanto ci si aspetterebbe da uno rimasto sulla Terra. È difficile per me dire se fosse meglio o no.” Peggio. “Ma era decisamente diverso”, ha detto alla BBC. “Gli aromi erano più floreali e fumosi, cose che sarebbero successe comunque a Peter quando fosse cresciuto”.

Perché portare il vino nello spazio?

Delle 12 bottiglie, tre sono state aperte per la degustazione dei vini nell’ambito della prima fase di analisi. Mentre altre otto sono attualmente oggetto di ricerche approfondite che dovrebbero richiedere alcuni anni, l’ultima bottiglia è stata messa all’asta da Christie’s. Secondo la casa d’aste, l’anziano Petrus potrebbe andare a prendere 1 milione di euro, ma come si è conclusa l’asta alla fine è un mistero.

Tuttavia, 12 bottiglie di Petrus non sono state inviate nello spazio solo per curiosità. La simulazione di un ambiente simile alla Terra con gravità prossima allo zero, come sulla Stazione Spaziale Internazionale, fornisce un quadro di ricerca unico per comprendere meglio come i componenti chiave del vino, inclusi uva, lievito e batteri, rispondono all’assenza di gravità. Ciò potrebbe fondamentalmente aiutare gli scienziati a sviluppare la tecnologia per coltivare piante più resistenti sulla Terra.

READ  Le nuove carte PlayStation Plus potrebbero rendere gli sconti un ricordo del passato
Immagine per gentile concessione di Space Cargo Unlimited

Ma perché il vino? Quando si parla di cambiamento climatico, si dice che i vini siano molto sensibili alle fluttuazioni sulla Terra e siano i primi indicatori delle sfide più ampie che dovremo affrontare. Il vino è anche sensibile al suo ambiente durante il processo di invecchiamento, con diversi ambienti di invecchiamento che danno origine a sapori diversi. Secondo il blog Space Cargo Unlimited, Mission WISE è un tentativo di “seguire le orme di Louis Pasteur”, che ha sviluppato la pastorizzazione attraverso esperimenti che utilizzano la fermentazione del vino. La startup spera che le prove producano risultati che potrebbero avere applicazioni più ampie nella conservazione degli alimenti e nelle tecnologie correlate.

Soprattutto, 320 viti erano nello spazio

“Il nostro obiettivo è affrontare la soluzione per come avere l’agricoltura di domani che sia organica, sana e in grado di nutrire l’umanità, e crediamo che lo spazio sia la chiave”, ha affermato Nicholas Gaum, CEO e co-fondatore di Space Cargo Unlimited. Secondo la startup, i risultati dell’esperimento possono essere utilizzati anche per comprendere il miglioramento del sapore e la ritenzione del sapore sul terreno.

Oltre a una dozzina di bottiglie di vino rosso bordolese, c’erano anche dei vigneti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Nel frattempo, anche queste canne sono state rispedite a terra e ripiantate. Gli ultimi rapporti dell’azienda affermano che le prime uve spaziali sono ora visibili sui bastoncini, a pochi mesi dalla fase di reimpianto avvenuta nel febbraio 2022.

Questa immagine scattata il 1 marzo 2021 mostra boccioli di vino che tornano dallo spazio. (GT)

In totale, 320 viti hanno trascorso più di un anno sulla Stazione Spaziale Internazionale. L’obiettivo è studiare l’effetto della microgravità e delle condizioni estreme sul cromo, in particolare osservando le differenze genetiche rispetto ai campioni di controllo sulla Terra. I risultati della ricerca preliminare hanno indicato che le viti spaziali possono mostrare una maggiore resistenza alla peronospora e alla peronospora (dall’uva), nonché ai cambiamenti nel contenuto di polifenoli. Le prove sul campo sono previste per la fine dell’anno con Groupe Mercier, specialista in viticoltura partner commerciale del progetto, che comprende i vigneti.

READ  Locker di gioco su EVO, Netflix e Spider-Man

Mentre alcune uve potrebbero essere raccolte nel 2022, i primi archaea veramente alieni sono previsti nel 2023, seguiti da un processo di “microvinificazione” per creare vini sperimentali di ricerca.

Dopo Bordeaux, andranno nello spazio anche i vertici dei vini italiani

Tre importanti produttori di vino italiani (Gaja, Biondi-Santi e Feudi di San Gregorio) hanno recentemente annunciato che collaboreranno con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) per un altro progetto vinicolo nello spazio.

L’esperienza include una selezione di viti e bottiglie di vino delle tre cantine partecipanti che trascorrono del tempo nello spazio. Sia le viti che i vini saranno sottoposti a prove comparative con campioni simili che non hanno mai lasciato la terra al loro ritorno.

Il vino selezionato sono due vini di Biondi-Santi Brunello di Montalcino Riserva (2006 e 2015), Feudi di San Gregorio Taurasi Riserva Piano di Montevergine (2012 e 2015) e Gaja Barolo Sperss (1988 e 2017).

I tre vini sono stati selezionati tra i vini più apprezzati in Italia e sono prodotti dalle uve più rappresentative del paese, il Nebbiolo del nord, il Sangiovese del centro e l’Aglianico del sud.

(Javed)