QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

‘Ora iniziamo’

Il 22 ottobre 2001 è apparso un gioco che avrebbe cambiato tutto: Grand Theft Auto III, o GTA 3. I primi due giochi della serie erano decisamente fantastici. Da una prospettiva dall’alto, hai avuto l’opportunità di rubare tutte le auto e quindi completare le missioni. Ma con questa terza parte è diventato davvero grande. Come giocatore, sei stato trattato in un grande mondo aperto sotto forma di Liberty City, che è un cenno a New York.

GTA 3 è stato rilasciato in Europa il 26 ottobre. Poi l’ho preso su PlayStation 2. All’epoca c’erano già molte recensioni positive per il gioco ed era chiaramente un gioco che fai in modo diverso da come sei abituato. E dopo aver giocato per un po’, era chiaro che il gioco era davvero unico per l’epoca. Come criminale alle prime armi, puoi seguire una storia affascinante, mentre avanzi attraverso diverse missioni. Ma è stato divertente uscire e vedere quanto tempo può durare quando spari indiscriminatamente e prendi i poliziotti dietro di te.

GTA 3
Banshee era una delle migliori auto (Foto: Rockstar Games)

In onore del 20° anniversario, abbiamo avuto l’opportunità di parlare con Aaron Garbutt. Ha lavorato con Rockstar North per molti anni e ora è Head of Development e Co-Studio Head lì. Il primo gioco a cui ha lavorato è stato GTA 3, in cui ha ricoperto il ruolo di direttore tecnico. Abbiamo potuto fargli alcune domande.

Intervista a GTA 3 Ho incontrato Aaron Garbut

Perché: con GTA 3, la serie si è naturalmente spostata in un mondo 3D. Quali sfide ha posto?

Aaron: Con questo cambiamento, ero improvvisamente al centro del mondo invece che sopra di esso. Di conseguenza, è stato necessario fornire maggiori dettagli. Il giocatore ha visto da lontano e c’era più interazione. Il nostro obiettivo era dargli un aspetto cinematografico. Allo stesso tempo, alcuni giochi 3D lo hanno davvero portato a quel livello, quindi abbiamo dovuto pensare a tutto dal tavolo da disegno. L’esperienza dovrebbe travolgere i giocatori, attivando le missioni stesse e parlando con le persone dell’ambiente.

La copertina del gioco in quel momento (Foto: Rockstar Games)

Poi c’era la velocità con cui si muoveva. Anche questa è una sfida. Perché come fai ad assicurarti, con una memoria limitata, che qualcosa venga mostrato a distanza, in modo che sia lì quando lo sorpassi. In questo modo abbiamo affrontato tutti i tipi di problemi, ma siamo stati anche in grado di risolverne la maggior parte e impostare la visione per il futuro della serie.

Perché: uno degli elementi interessanti del gioco era la radio e la musica. Cosa c’era in gioco quando l’hai messo insieme?

Aaron: Quando è diventato chiaro per noi che stavamo creando un mondo di queste dimensioni, era importante che i giocatori si impegnassero davvero con esso. Anche le stazioni radio di musica e talk ti rendono più immerso nell’esperienza. È stato un punto di svolta per la serie. Uno ascoltava i classici di Double Clef, l’altro era un fan dei classici di Flashback e poi avevamo la nostra musica.

GTA 3
Ascoltare la musica durante la guida (Foto: Rockstar Games)

Perché: cosa hai preso da GTA 3 per i giochi successivi?

Aaron: In effetti, GTA 3 ha gettato le basi per i giochi che abbiamo realizzato in seguito. Da quel gioco in poi, abbiamo creato mondi il più credibili, diversi, intriganti e vibranti possibile. Mondi che ti fanno sentire come se ci vivessi. Allo stesso tempo, il mondo dovrebbe essere divertente senza fare nulla di specifico. Scarabocchiare e divertirsi è importante quanto fare un buon lavoro. Certo, siamo migliorati nel raccontare storie, ma le basi sono sempre rimaste le stesse.

Perché: quando pensi a cosa ci ha dato GTA 3, di cosa sei più orgoglioso?

Aaron: Prima di GTA 3, i giochi erano qualcosa che si giocava. Ma con il nostro gioco, i giochi sono diventati un luogo in cui vivere. Da quel momento sono diventati più realistici e convincenti. Sono orgoglioso del percorso che abbiamo intrapreso. Sembra che abbiamo gettato le basi e portato avanti il ​​genere. Adoro i giochi open world. Penso che si possa fare molto. Come squadra abbiamo molta esperienza in tutti gli anni in cui siamo stati nel gioco. Stiamo facendo passi da gigante e non vedo l’ora che arrivi il prossimo passo. Questa terza parte è stata il segnale di partenza, ma sento che siamo solo all’inizio.

grande mondo aperto (Foto: Rockstar Games)

Queste erano le domande e le risposte che abbiamo ricevuto da Aaron. È bello vedere come il testimone guarda il gioco con piacere. Ovviamente dà risposte simpatiche e politicamente corrette. Ma siamo onesti: GTA 3 era anche piuttosto crudele per l’epoca. Potresti semplicemente vagare per la strada e colpire un pedone dal nulla. Oppure usa la tua arma e spara in quel modo. Questo è solo un esempio. Questo è il motivo per cui ho incluso alcuni bei ricordi.

Ricordi di GTA 3

Il tuo primo giro in macchina

La prima volta che mi sono seduto in un’auto in GTA 3 e ho guidato con essa, è stato così speciale. Sì, è stato un po’ difficile da guidare, ma il fatto di poter guidare per le strade di Liberty City a una velocità ragionevolmente elevata è stato davvero fantastico. E ovviamente ho visto cosa è successo quando ho investito un pedone.

Spara agli agenti di polizia

In GTA 3, ci sono molti poliziotti a disposizione per tenere sotto controllo il giocatore. Ma sai anche che portano armi. Completandone uno otterrai rapidamente una pistola che potrai usare di nuovo nelle missioni. Solo allora dovrai sbarazzarti di altri agenti di polizia, perché dopo tale azione riceverai immediatamente alcune stelle al livello desiderato.

Le pistole sono utili nel gioco (Foto: Rockstar Games)

Ha causato un incendio, poi sono arrivati ​​i vigili del fuoco e hanno rubato quella macchina

Quando ho iniziato a guidare un’auto in GTA 3, mi sono subito reso conto che non hanno la vita eterna. Se hai molti danni, devi scappare, perché l’esplosione è mortale. Ma con quell’esplosione c’è stato anche un incendio e vedrete i vigili del fuoco venire a spegnere l’incendio. E poi puoi rubare quella macchina e cercarne di più.

Salta tra le stazioni radio

Se non hai nulla da fare per un po’, puoi anche guidare in macchina e goderti le stazioni radio. In particolare, ho trovato molto interessante Chatterbox attraverso conversazioni divertenti con gli ascoltatori.

Prendere le donne dai facili costumi

Oltre al fatto che puoi uccidere gli agenti di polizia in GTA 3, c’era un’altra cosa che ha causato molta polvere: le donne di facili costumi. C’erano molte prostitute nel gioco. Puoi portarlo in macchina e poi guidare in un vicolo. Lì la macchina andava su e giù un po’, indicando che stavi facendo l’atto. Inoltre, questo ha fornito ulteriore salute. E poi quando la signora esce, la uccide e le prende i soldi.

Devi stare attento con Misty (Foto: Rockstar Games)

La seconda isola da sbloccare

Le prime ore che trascorri in GTA 3 sono sulla prima isola. Ma quando completi alcune missioni, il ponte verso la seconda isola si apre e ottieni un mondo di gioco molto più grande in una volta. Di conseguenza, le possibilità erano quasi infinite.

Siediti sull’aereo Dodo e poi viaggia il più a lungo possibile

E se finisci sulla terza isola in GTA 3, puoi andare all’aeroporto lì. Lì avevi un piccolo aereo chiamato Dodo. Era un aereo su cui non avresti dovuto volare per molto tempo. In qualche modo, lo sviluppatore voleva che ti imbattessi rapidamente. Quindi la sfida era rimanere in aria il più a lungo possibile e segnare quel record.

imbrogliare

Infine, GTA 3 aveva molti cheat differenti. Con esso, puoi improvvisamente ottenere molte armi dal nulla o avere vite infinite. È stato un ottimo modo per passeggiare e scoprire cosa è possibile.

GTA 3
Fai dei bei salti (Foto: Rockstar Games)

Non hai mai giocato a GTA 3 prima? Allora abbiamo buone notizie. GTA Trilogy apparirà dopo un po’. Contiene questa terza parte, ma anche i classici di Vice City e San Andreas. Vuoi saperne di più sui giochi? Allora visita la pagina panoramica qui.

Risposta all’articolo:

GTA 3 compie vent’anni: “Abbiamo appena iniziato”

READ  Fai attenzione a questa falsa app di tracciamento e tracciamento DHL