QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pakistan arrabbiato per la richiesta indiana di riso basmati: “Come sganciare una bomba atomica sulle nostre teste” | all’estero

Le potenze nucleari di India e Pakistan hanno molti punti critici e ora ce n’è uno sul riso. L’India ha affermato che il riso basmati è un prodotto indiano esclusivo dell’Unione europea. Questo è andato nella direzione sbagliata con il paese vicino e acerrimo nemico del Pakistan.




L’India vuole che la Commissione europea dia ufficialmente una denominazione geograficamente protetta al riso indiano, che proviene dalle regioni ai piedi dell’Himalaya. Se verrà data questa “garanzia regionale”, non sarà possibile vendere nell’UE riso basmati che non provenga dall’India.

Un altro paese che produce questo delizioso riso, che si trova anche ai piedi dell’Himalaya, è il Pakistan. Il paese ha protestato presso l’Unione europea. Il riso è un importante prodotto di esportazione per il Pakistan, che lo rende il quarto produttore di riso al mondo. L’India è il maggior produttore.

Stendere

Il rapporto tra riso basmati e guerre nucleari non è lontano per il produttore pakistano di riso basmati Ghulam Murtaza della Al Barakat Rice Mills Company. Secondo Murtaza, l’esclusiva denominazione protetta dell’India potrebbe essere un colpo fatale per il suo settore in Pakistan.

“È come lanciare una bomba atomica sulle nostre teste”, Murtaza, le cui risaie si trovano a sole tre miglia dal confine indiano, si è lamentato della diplomazia del riso basmati. “Hanno fatto tutto questo clamore per essere in grado di battere uno dei nostri mercati di vendita. La nostra intera industria del riso è colpita.

Oggi il Pakistan esporta nell’Unione europea molto più riso basmati di quanto non faccia l’India. Questo anche perché in India ci sono più problemi con le modifiche ai requisiti UE per l’uso dei pesticidi. L’Unione Europea importa annualmente circa 300.000 tonnellate di basmati, due terzi delle quali ora provengono dal Pakistan. Il resto viene dall’India.

READ  L'ambasciata degli Stati Uniti consiglia ai suoi cittadini di non recarsi più all'aeroporto di Kabul | Afghanistan nelle mani dei talebani

sale rosa

Il Pakistan ha ora avviato anche le procedure per classificare i suoi basmati come esclusivamente pakistani, e il Paese ha subito affermato che alcuni prodotti sono esclusivi, come il sale rosa dell’Himalaya.

L’Unione Europea sta cercando di calmare le acque e ha chiesto a India e Pakistan di discutere un’indicazione geografica comune per Basmati. Un portavoce della Commissione europea spera che i due paesi avviino presto i negoziati e raggiungano una conclusione quest’estate.

Lavoratori indiani lavorano in una risaia vicino a Jammu, in India, non lontano dal confine indo-pakistano. © Agenzia per la protezione dell’ambiente