QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pancreas artificiale Twente disponibile nel 2024

L’anno scorso è stata avviata la ricerca sulle prestazioni e (costo) di un pancreas artificiale bi-ormone nelle persone con diabete di tipo 1. annunciare† Questa ricerca è coordinata da UMC Utrecht, finanziata dal National Institute of Health e ZonMw attraverso il Promising Care Support Scheme.

pancreas artificiale diabete inrida È “il primo del suo genere”. Ciò aumenta l’autosufficienza dei diabetici. In questo modo, questa invenzione contribuisce all’ulteriore automazione e digitalizzazione del settore sanitario nei Paesi Bassi.

Le persone con diabete di tipo 1 devono spesso affrontare gravi complicazioni, come malattie cardiovascolari, insufficienza renale e cecità. Ciò è dovuto principalmente alla difficoltà di mantenere costanti i livelli di zucchero nel sangue. Un normale microinfusore per insulina può alleviare in qualche modo questo problema, ma può ancora verificarsi una pressione sanguigna bassa e iperattiva.

Un pancreas artificiale delle dimensioni di uno smartphone

Il pancreas artificiale sviluppato in Twente garantisce una migliore e automatica regolazione dei valori di zucchero nel sangue e insulina per i pazienti con diabete di tipo 1. Il dispositivo non è molto più grande di uno smartphone.

“Nei pazienti con diabete di tipo 1, i livelli di zucchero nel sangue sono interrotti, perché il corpo non produce insulina e, di conseguenza, devono spesso fare i conti con iper e ipoglicemia, poiché i pazienti possono svenire. Il pancreas artificiale contiene sensori e misura il livello di glucosio nel sangue “Questo controllo viene eseguito senza l’intervento del paziente”, afferma Robin Cobbs, inventore del pancreas artificiale.

Ampia ricerca nei Paesi Bassi

Quest’anno, 240 pazienti diabetici in più di 10 ospedali nei Paesi Bassi parteciperanno allo studio condotto da UMC Utrecht. 120 pazienti riceveranno un trattamento con un pancreas artificiale e 120 pazienti continueranno il trattamento attuale come gruppo di controllo. Infine, sono stati confrontati i risultati dei gruppi.

READ  Possibile legame con i cani oggetto di studio da parte delle autorità britanniche

Coops è ottimista sull’esito del nuovo studio. Le compagnie assicurative vedranno che gli obiettivi di trattamento dei pazienti vengono raggiunti al meglio con i nostri dispositivi. Ciò riduce il rischio di complicazioni e costi per la compagnia assicurativa. Un pancreas artificiale può essere più costoso di un normale microinfusore per insulina, ma qualcosa che funziona bene costa meno a lungo termine”, afferma l’inventore.

Disponibile nel 2024

Dopo che la ricerca è stata completata, alcune cose devono ancora essere fatte prima che il pancreas artificiale possa essere prodotto e ampiamente utilizzato. Soprattutto in termini di facilità d’uso e dimensioni. La dimensione può essere molto più piccola, per esempio. Anche se abbiamo fatto molta strada in questo senso. Ma possiamo ancora regolare la pompa e i serbatoi. Possiamo anche aumentare l’usabilità, ad esempio azionando i pulsanti. Quindi stiamo ancora esaminando questo”, afferma Copes.

Un’altra sfida risiede nel servizio clienti e nell’espansione della scala di produzione. Migliaia di pazienti hanno già mostrato interesse registrandosi per un pancreas artificiale presso Inreda Diabetic. Quindi, se la ricerca va bene e vengono affrontate altre sfide, l’inventore prevede che il dispositivo potrebbe essere disponibile già nel 2024. “Apprezzerei davvero se potessimo significare qualcosa per un gruppo così ampio di persone”, conclude Cobbs.